Lunedì 20 Ottobre 2014

Coordinamento di tutte le forze dell'ordine per capodanno ed intensificazione dei controlli

Martedì 18 Dicembre 2012
Foto di mbeo
Ieri si è riunito il Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto, alla presenza del Questore, dei Comandanti Provinciali dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Corpo Forestale dello Stato, dei Vigili del Fuoco, dei Comandanti della Capitaneria di Porto, della Sezione Polizia Stradale, del Posto di Polizia Ferroviaria, del Direttore di Poste Italiane, del rappresentante della Provincia, dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna, del Comune di Faenza e di Cervia. Dopo un articolato confronto, cui ogni partecipante ha offerto il proprio costruttivo contributo, sono state assunte condivise misure per il sereno svolgimento delle prossime festività natalizie, a tutela delle persone,   degli esercizi commerciali, degli istituti bancari e postali.

A tale scopo lungo le vie centrali del comune capoluogo e dei comuni più grandi della provincia saranno assicurati, oltre agli ordinari servizi di vigilanza automontata da parte delle forze di polizia a competenza generale e locale, anche sevizi di vigilanza a piedi da parte degli operatori della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri, della polizia municipale, proprio nelle zone dove aumenterà la circolazione delle persone e dei beni in occasione delle ricorrenze festive. Particolarmente nell'occasione del Capodanno saranno intensificati i controlli di polizia amministrativa e di antiabusivismo, soprattutto avverso la rivendita di artifizi pirotecnici non conformi.
Inoltre, in considerazione della recente recrudescenza del fenomeno delle truffe subite dagli anziani, sarà intensificata la comunicazione fra tutte le forze di polizia e sarà riavviata, da  parte degli amministratori locali, la campagna di sensibilizzazione e informazione diretta ai soggetti più a rischio.
 
Nell'ambito del controllo del territorio saranno intensificati i servizi anche nelle zone più isolate ma anche in questo caso le amministrazioni comunali solleciteranno  maggiore  attenzione  per  coloro  che  abitano  in  insediamenti sparsi nelle zone di campagna e collinari, soprattutto nel senso di rinforzare i sistemi di difesa passiva.

Come di consueto, pertanto, il Questore di Ravenna adotterà l'ordinanza di coordinamento  di tutte le forze di polizia, alla quale concorreranno anche i servizi di assistenza sanitaria del 118 e di pronto soccorso degli ospedali del territorio provinciale, durante i festeggiamenti del Capodanno.

Nell'ambito del maggiore impegno richiesto per l'occasione a tutte le forze dell'ordine, la Capitaneria di Porto aumenterà i controlli sulla filiera di pesca per la tutela della salute dei consumatori.
Infine riguardo all'incremento del traffico veicolare che tradizionalmente caratterizza questo periodo dell'anno, è stata adottata recentemente idonea pianificazione che vedrà protagoniste, oltre alla Polizia Stradale e all'Arma dei Carabinieri, le polizie municipali.

Gli amministratori presenti all'incontro, nel consueto spirito di collaborazione interistituzionale, hanno assicurato il maggiore sforzo possibile delle polizie locali a garanzia della serenità dei cittadini, in coordinamento costante con le altre forze di polizia.

Foto di http://www.flickr.com/photos/mbeo52/

7Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Sarebbe un buon segnale, a tutela degli animali domestici che ne sono letteralmente terrorizzati, vietare botti e petardi. Nei comuni civili lo fanno da tempo..

    18/12/2012 - paola

  • parole sante, ma siamo lontani un miglio da questo livello di civiltà. Lo vada a chiedere a chi abita davanti alla stazione ferroviaria dove già da tempo ci deliano con scoppi sotto ai portici del condominio di via Carducci, complesso che era nato con un alto decoro e che il nostro sceriffo a ridotto ad una vera indecenza serenamente sopportata e supportata.

    18/12/2012 - paolo

  • vi prego basta con i petardi, gli animali soffrono tantissimo alcuni addirittura muoiono d'infarto cerchiamo di pensare anche a loro grazie

    18/12/2012 - patrizia

  • Io vieterei a gente come lei di utilizzare l'automobile, il sapone, il cellulare, e tutto quello che in qualche modo nuoce a qualcuno o qualcosa.

    18/12/2012 - Mario G.

  • Ma tenerli in casa gli animali per una sera?

    18/12/2012 - tony

  • Signor Mario, che bel paragone! L'auto, il sapone e il cellulare sono oggetti UTILI, i petardi no. Se qualche soggetto adulto prova divertimento ad assordare sè stesso e gli altri, fregandosene dei disagi provocati, dovrebbe riflettere sul suo concetto di divertimento.

    19/12/2012 - paola

  • L'abolizione dei petardi, mi trova d'accordo, anche se si perde una tradizione. Però una cosa è sicura, da un pò di tempo si è persa la misura e ciò mi dispiace. Per fare più colpo sull'opinione pubblica metterla come tutela degli animali, -cani-mi sembra una cosa alquanto strumentale. Chi tutela gli "animali umani" dai latrati a tutte le ore del giorno e della notte dei cani del vicinato? Ironia della sorte non si può più neanche protestare perchè "hanno il diritto di abbaiare" . Ma han tolto a noi il diritto di riposare in pace ....... ?????????? Vai Tony hai ragione, visto che in casa la maggior parte ci stanno sempre.

    19/12/2012 - sma



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits   CMS