Legge contro i cani alla catena, le rassicurazioni di Comune e Regione

Per iniziativa del sindaco Fabrizio Matteucci e alla presenza dell'assessore ai diritti degli animali Giovanna Piaia, si è svolto ieri in municipio un incontro con il consigliere regionale Miro Fiammenghi allo scopo di verificare l'impegno della Assemblea Regionale a migliorare la normativa per il benessere animale, con particolare attenzione alla condizione specifica dei cani tenuti alla catena.

Il consigliere Fiammenghi  ha rassicurato in merito, riferendo dell'attività di lavoro su questo tema  da parte del Servizio veterinario regionale e della concreta prospettiva di avere, a  breve, una norma attuativa omogenea su tutto il territorio regionale favorevole all'attesa delle associazioni animaliste.

Il Comune di Ravenna nel confermare l'intenzione di attivare un tavolo di lavoro tecnico per presentare in commissione consigliare una proposta di regolamento comunale, auspica di poter recepire al più presto le disposizioni di un provvedimento regionale che detti norme più favorevoli al rispetto della vita dei cani negli spazi privati aperti, in regime di sicurezza per le persone

L'Assessore Giovanna Piaia ribadisce la preoccupazione per la salute di Davide Battistini, (che da alcune settimane sta osservando lo sciopero della fame per protestare contro la modalità di tenere i cani legati alla catena) e lo invita nuovamente a desistere da questa forma di protesta confermando da parte sua l'impegno degli organismi istituzionali a seguire il percorso corretto per affrontare le problematiche denunciate da Battistini.

30/01/2013

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Basta poco, c'è già la bozza di regolamento del Mov. 5 Stelle depositata. Basta prenderla, metterla ai voti e dal giorno dopo è legge!
30/01/2013 - Christian
carissimo Davide ,qualcosa si sta muovendo ,non proseguire in questa ostinata battaglia x te x la tua salute soprattutto e anche x noi..grazie di cuore x tutto G.T.
30/01/2013 - romeo
Purtroppo la politica funziona male. Invece di votare un regolamento già pronto, solo che presentato non dalla maggioranza, si preferisce seguire altre strade. Intanto un ragazzo è in sciopero della fame dal 31 dicembre.
30/01/2013 - Domenico
le parole sono aria fritta in questo momento vicino alle elezioni....tutti i politici fanno presto a promettere e mettere in cantiere proposte...oggi servono fatti e anche urgenti,visto che davide,non mangia da un mese e dal 17 febbraio inizierà anche a smettere di bere...grazie a ravennanotizie che continua a occuparsi di questa protesta silenziosa e pacifica.grazie davide,io ti sosterrò sempre
30/01/2013 - buba
Davide Battistini non si alimenta da 30 giorni esatti, un mese....quali risposte gli sono state date? Ancora nessuna! Chi ricopre posti istituzionali e dovrebbe dare risposte, come puo' permettersi di dichiarare la preoccupazione per la sua salute? Davide sta facendo sul serio, non si fermera', da circa meta' febbraio smettera' di idratarsi aggiungendo allo sciopero della fame, lo sciopero della sete. Cosa si sta aspettando, il peggio?
30/01/2013 - lucia
DAVIDE BATTISTINI 31° giorno di sciopero della fame....aspettiamo con ansia che vengano date delle risposte a questa richiesta di civiltà, prima che possa mettere a repentaglio la salute, nel migliore delle ipotesi.....Davide sta facendo sul serio ed è irremovibile sulla sua posizione, da metà di febbraio smetterà anche di bere liquidi se non riceverà le riposte per le quali si sta sacrificando!!! lucia
31/01/2013 - lucia
in prossimità delle elezione le istituzioni montano su tutti i carri. Siamo sicuri che i micro chips li abbiano tutti i cani che sporcano i marciapiedi? perchè discriminare i cani che vivono in spazi di due metri quadrati a casa dei privati? Perchè non si fa pagare una tassa per il possesso dei cani eclusi quelli al sostetgno della persona . Es. Ciechi? Perchè una persona che spende per il cane somme sostanziose per il mantenimento ha poi diritto a dedurre sulla dichiarazione dei redditti le spese veterinarie per l'appuntimento delle orecchie o il taglio della coda, o l'intervento di sterilizzazione? Se è vero che neanche agli stupratori umani riconosciuti come tali a seguito di sentenza non si può procedere alla sterilizzazione coatta? Provino gli animalisti veri o falsi ad appuntirsi le orecchie come Spock o tagliarsi la C...... o farsi fare degli interventi chirurgici e farsi sterilizzare in modo permanente? e si potrebbe continuare.
31/01/2013 - troglodita
Sig.troglodita, prima di scrivere però dovrebbe informarsi meglio...Le detrazioni per le spese veterinarie hanno una franchigia (129 euro) e un tetto massimo (387 euro), per cui quello che eventualmente si può detrarre è il 19% di 258 euro! Non credo sia questo il male dell'Italia! E tagliare le orecchie o la coda è ILLEGALE! Se poi c'è qualcuno che lo fa lo stesso, raggirando la legge, allora dovrebbe essere sanzionato! E la sterilizzazione è un importante strumento di lotta contro il randagismo, fenomeno che purtroppo è a carico dell'intera comunità!
31/01/2013 - J
ascoltate Davide !!!!senza ulteriori indugi.E' una questione di civiltà.Con il cane si convive .se lo si prende per tenerlo alla catena allora non lo si deve neanche prendere.ci vuole un regolamento valido e dei controlli affinchè venga applicato.La salute di Davide quanto reggera'?
01/02/2013 - FIORE
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.