Diffamazione contro il capopartigiano Crotti in un libro di Gianfranco Stella, l'autore condannato

"Il Tribunale di Ravenna, in sede civile, ha emesso un'altra significativa sentenza che costituisce un ulteriore passo verso il riconoscimento della necessità di utilizzare metodi storiograficamente corretti nella ricostruzione dei fatti riguardanti il periodo bellico e post bellico" - scrivono in una nota stampa gli avvocati Alfredo Gianolio di Reggio Emilia e Riccardo Sabadini di Ravenna a proposito della causa iniziata da Nemesio Crotti, partigiano di Reggio Emilia contro Gianfranco Stella di Ravenna per le frasi contenute in un libro scritto dallo Stella medesimo.

Nel libro dello Stella, infatti, dal titolo I lunghi mesi del '45, edito da  Tipografia Moderna, distribuito da l'Editoriale s.r.l. di Bologna, si attribuiva al "capo partigiano" Nemesio Crotti  "l'organizzazione della morte di don Luigi Terenziani" avvenuta in data 29 aprile 1945 .  

Tali affermazioni  dello Stella sono state ritenute dal Tribunale di Ravenna di contenuto diffamatorio e gravemente lesive dell'onore e della reputazione di Nemesio Crotti.

Lo Stella è stato condannato al pagamento della somma di 10.000 euro a titolo di risarcimento del danno, al rimborso delle spese legali e alla pubblicazione della sentenza sui quotidiani Il resto del Carlino e La gazzetta di Reggio Emilia.

25/03/2013


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.