I lavori del Consiglio Comunale, approvato il completamento di autocostruzione a Filetto

Foto di Fabrizio Zani
Foto di Fabrizio Zani

L'ass. Cameliani: "Finalmente a compimento la vicenda del cantiere di autocostruzione di Filetto", Ancisi: "Unica strada perseguibile per salvare il salvabile ma di fatto scontenta tutti"

Nella seduta pomeridiana di ieri il Consiglio comunale ha approvato lo schema di accordo di programma con la Regione per il progetto integrato di edilizia sociale e social housing per il recupero e il completamento di autocostruzione a Filetto. La delibera è stata presentata dall'assessore Massimo Cameliani ed è stata approvata col voto favorevole di Pd, Pri, Idv, Sel, Fedsinistra. Contrari Lista per Ravenna e Lega Nord.

"Grazie a questo accordo con la Regione - ha affermato l'assessore Cameliani - si porta finalmente a compimento la vicenda del cantiere di autocostruzione di Filetto a vantaggio di alloggi popolari e ad appartamenti a canoni agevolati. Partendo dal grezzo esistente, avviato dagli autocostruttori per il 50%, verranno infatti realizzati 8 alloggi popolari e 6 con basso canone di locazione per una spesa complessiva di 1milione185mila euro. Tale spesa comprende fondi regionali per 280mila euro e 905mila euro di fondi comunali . Va inoltre rilevato, che nei confronti degli autocostruttori, abbiamo deciso di dare loro una priorità nell'assegnazione dei 6 alloggi destinati a locazione (Ers) nell'ambito del bando che emaneremo, una volta ultimato l'edificio, ovvero nell'autunno 2016. Va sottolineato - ha aggiunto Cameliani - che, così come previsto dalla legge 80 del 2014, gli autocostruttori che al momento del bando siano ancora in possesso dei requisiti, possono riscattare il canone di affitto pagato dopo 7 anni quando avviene compravendita dell'immobile". I 14 appartamenti previsti saranno costruiti prevedendo un aumento della superficie e della fruibilità del verde e dell'area utilizzabile per orti, misure di risparmio energetico e fattori che favoriscano la gestione sociale e le relazioni di collaborazione fra i residenti.


Alvaro Ancisi ha espresso, a nome di Lista per Ravenna, le argomentazioni qui di seguito sintetizzate."Certamente oggi è necessario salvare questi edifici, abbandonati alla devastazione dopo che gli autocostruttori, onorando in pieno gli obblighi assunti, ne avevano costruito la parte grezza con 21 mila ore del proprio lavoro. Ma questo comporta per il Comune una spesa di 2 milioni di euro non prevista nel piano degli investimenti 2014-2016, quando da anni non si fanno le opere più urgenti e indispensabili e neppure la manutenzione straordinaria delle strade, incolpando la mancanza di soldi. Esibendo in aula la licenzia edilizia rilasciata dal Comune, Ancisi ha poi dichiarato che "le colpe più gravi consistono:

1) nell'aver dato il permesso di costruzione non agli autocostruttori concessionari del terreno, come impone la legge, ma ad una società privata che non ne aveva alcun titolo, la quale si è presa i soldi degli autocotruttori, è scappata e poi è fallita senza portare a termine i lavori;

2) nell'essersi ripreso il terreno dato in concessione agli autocostruttori e gli edifici grezzi da loro costruiti, dovendosi ora sobbarcare costi altissimi per il completamento, aggravati dalle condizioni di degrado in cui sono stati lasciati per sei anni". Il capogruppo di Lista per Ravenna ha quindi concluso affermando che "ad una vicenda tanto ignobile si può solo esprimere, ad alta voce, un voto contrario".

Paolo Guerra di Lega Nord Romagna ha espresso il voto contrario sulla delibera attribuendo alla Giunta comunale la colpa di "non aver rispettato il protocollo a suo tempi siglato con Alisei che impegnava l'Amministrazione comunale in modo cogente al controllo e alla vigilanze di tutte le fasi del progetto".

"Questa Delibera restava l'unica strada perseguibile per salvare il salvabile ma di fatto scontenta tutti. Gli autocostruttori, i bilanci dell'Amministrazione e tutti i cittadini ravennati che con i propri tributi hanno permesso di rilevare per 800mila Euro i terreni e con i restanti 900mila Euro di cofinanziare la conclusione del progetto. Il resto dei soldi occorrenti per completare la costruzione li mette ACER (riconducibile alle Istituzioni) e la Regione Emilia Romagna. Certamente un bel percorso, dagli ideali di autocostruzione, si "stramba" sul co-housing per utilizzare una risorsa regionale e si arriverà a gestire gli alloggi come ERP. La posizione assunta dalla Giunta è insostenibile e mi chiedo con quale facilità si riescano a trovare tante risorse per sanare situazioni anomale come il buco del Consorzio Servizi Sociali e ora quello degli autocostruttori, quando alle opposizioni viene detto che mancano soldi per le strade cittadine o per garantire maggiore sicurezza".

Sarah Ricci di Sel (Intervento fornito dalla consigliera): "Che la vicenda degli auto costruttori di Filetto abbia incorporato in se una complessità di tematiche e problematiche difficilmente semplificabili è un fatto incontrovertibile, come dimostra l'esito finale. Che nella fase terminale il Comune non potesse fare nulla di più che offrire la transazione che è stata proposta è, secondo il nostro giudizio, altrettanto certo. Questo non significa che fosse un'offerta che ripagava adeguatamente e automaticamente di anni di fatica, né che dovesse essere necessariamente appetibile per chi la riceveva. Significa soltanto che era adeguata alle possibilità che la legge ci offre, ed oramai non è più il momento di verificare la possibilità di riconoscere in qualche altro modo un risarcimento per l'attività lavorativa messa in essere dagli autocostruttori. É invece noto che il nostro giudizio sulla richiesta di danni da parte del Comune nel processo ora in corso, è che si tratti di un grave errore. Ci è stato detto che derivi da una valutazione tecnica non disponibile per la politica. A noi risulta che questo sia come minimo opinabile, e comunque ad oggi non abbiamo visto nessun tecnico assumersi la responsabilità di questa affermazione. Allo stesso modo non abbiamo visto nessun politico assumersi la responsabilità di dire che sia giusto chiedere 3 milioni di euro di danni a chi in questa vicenda ha senza dubbio il ruolo di vittima. Questa è la cosa più insopportabile. La completa assenza di qualsiasi esplicita assunzione di responsabilità di una scelta, che per noi rimane sbagliata. A questo punto, ci viene detto, essendo stata presentata non può essere revocata per scelta politica, senza incorrere nel rischio di danno erariale. Deve essere vero, ne prendiamo atto e non vogliamo essere noi a far correre questo rischio a nessuno. Tuttavia rimane la nostra richiesta che ad ogni livello sia valutata la possibilità di cancellare questa richiesta di danni, e soprattutto la nostra valutazione negativa della gestione della vicenda.

Andrea Tarroni del Pd: " Voteremo convintamene questa delibera. Siamo soddisfatti della soluzione individuata, alla quale si è arrivati dopo due anni di sforzi e impegno serio, poiché non solo va incontro agli autocostruttori che potranno abitare e riscattare i loro alloggi, ma va anche ad ampliare l'offerta complessiva di case popolari per i cittadini".

Tarroni ha replicato alle accuse lanciate dai banchi dell'opposizione affermando: "E' paradossale essere tacciati di insensibilità di fronte alle vittime dell'autocostruzione di Filetto e nel contempo avere il dito punto addosso quando si riescono a trovare i fondi attraverso i quali giungere finalmente a una soluzione positiva della vertenza. Il nostro auspicio, oggi, è che prevalga la ragionevolezza riconoscendo la positività della risposta concreta cui siamo giunti. Poiché non siamo la 'città dei ruderi', sappiamo trovare soluzioni giuste anche quando le cose non vanno come si vorrebbe".

Per il Pd è intervenuto anche il capogruppo Matteo Cavicchioli che ha sottolineato come la soluzione individuata al problema degli autocostruttori di Filetto, smentisca anche le accuse espresse dal consigliere Ancisi. "Il sindaco e gli assessori che si sono occupati della vicenda hanno dimostrato come si sia capaci di trasformare i problemi in opportunità. Crediamo che sia una prassi da seguire sempre, continueremo quindi su questa strada".

25/07/2014

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Mi permetto di aggiornare il titolo: "approvato L'AFFOSSAMENTO dell'autocostruzione di Filetto". Il Comune gli autocostruttori li ha fatti fuori.
26/07/2014 - Alvaro Ancisi
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.