Paglia (Sel) a Pini (LN): "Ravenna, la moschea non c'entra nulla, le responsabilità sono altre"

Paglia (Sel) a Pini (LN): "Ravenna, la moschea non c'entra nulla, le responsabilità sono altre"
La moschea di Ravenna

L'onorevole di Sel risponde alla nota di ieri del deputato romagnolo della Lega Nord Gianluca Pini

A ciò che aveva scritto Pini, Paglia replica: "Quanto sta avvenendo in Medio Oriente deve preoccupare tutti noi, senza ipocrisie. Preoccupa che Israele trasformi Gaza e i suoi cittadini in un tragico tiro a segno. Preoccupa che Hamas continui a tenere in ostaggio la popolazione di Gaza".

"Preoccupa  – prosegue Giovanni Paglia – che fra Siria e Iraq possa affermarsi una forza totalitaria, settaria, aggressiva e violenta come lo Stato Islamico. Preoccupa che la Libia sia prossima a diventare l'ennesimo Stato fallito, stavolta a poche miglia dalle nostre coste.

 

Preoccupa che le monarchie del Golfo, alleate di ferro degli USA, continuino a mantenere rapporti stretti con tutti i peggiori gruppi fondamentalisti in campo.

 

Preoccupa che la politica occidentale, che ha responsabilità dirette e recenti in tutto questo, a partire dalla sciagurata dottrina della guerra permanente, non riesca ad immaginare nulla di diverso che cercare una fazione da armare contro l'altra e intanto studiare nuovi bombardamenti. Non si capisce invece cosa tutto questo abbia a che fare con la richiesta dell'On.Pini di chiudere un luogo di culto certo non clandestino, quale è la moschea di Ravenna. Tutto serve infatti in questo momento, fuorché piegare intelligenza e responsabilità alle esigenze della più bassa propaganda, e confondere Islam e fondamentalismo, fingendo peraltro di non sapere che il web, e non certo le moschee, rappresenta oggi il luogo del reclutamento, come ci segnala inequivocabilmente l'intelligence".

27/08/2014

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Il solito ping pong! Siete bravi a fare la guerra dei poveri, vi vedrei in prima linea tutti e due!
27/08/2014 - massimiliano
Sulla questione dei fondamentalisti islamici si potrebbero fare alcuni commenti. Inanzi tutto perchè chiamarli fondamentalisti? Io userei il termine "fanatici" senza tante storie. Ma a parte le questioni di forma c'è un enorme problema di sostanza: il silenzio assordante dei paesi arabi moderati, che fa inesorabilmente scivolare Paglia dalla parte del torto. Purtroppo l'Islam moderato (se esiste ancora) tace, legittimando di fatto gli assassini che decapitano chi non adora Allah. Gentile signor Paglia, faccia un giretto a Tunisi o a Jeddah e chieda in giro cosa pensano dell'ISIS, poi con calma ne riparliamo.
27/08/2014 - Giovanni lo scettico
Le tue preoccupazioni esternale alla tua sodale boldrini. Tutto il mondo ha capito di chi sono le responsabilità. E' ora di crescere.
27/08/2014 - keke
Preoccupa che tutti questi islamici fanatici siano anche in mezzo a noi,questo preoccupa il cittadino normale non a voi con le solite chiacchiere da propaganda.VERGOGNA
27/08/2014 - Stefano
ma sta moschea chi la voleva? io onestamente non la volevo...non capisco tutta questa tolleranza ma continuate pure
27/08/2014 - derp
I problemi creati dall'islam in tutto il mondo sono troppo ampi e gravi da poter essere giustificati come semplici "estremismi". Ricordo all'On. Paglia, infatti, che il Corano NON può essere interpretato e contestualizzato storicamente (come la Bibbia), dato che per i musulmani è direttamente la parola di Allah. Da qui tutto ciò che ne consegue.
27/08/2014 - Luigi
Con certe dichiarazioni si capisce la superficialità e la competenza dei nostri piccoli politici.
27/08/2014 - Andrea
tutto ha una risposta anno mai chiesto ai cittadini ravennati se volevamo una moschea no questa è la loro democrazia
27/08/2014 - mauri
Il vero problema e la mia più grande preoccupazione è che questo luogo di culto è totalmente fuori controllo: nessuno verifica se stanno dicendo qualcosa dispregevole o se peggio stanno organizzando qualcosa di cui preoccuparsi davvero!!! Comunque ormai il sindaco si è prodigato tanto per la costruzione e sembra difficile tornare indietro.. Tra poco ci saluteremo con un Salam a tutti! :-(
28/08/2014 - Gianluca
visto il sempre maggiore astensionismo, i sinistrati stanno allevando...i loro prossimi elettori....tutto qui!!!!!
28/08/2014 - italo
Fa un po' sorridere l'appoggio che la sinistra dà all'islam, se si pensa che obiettivo della religione islamica è la creazione di uno Stato religioso, ovvero esattamente il contrario di quanto vorrebbe la sinistra (perlomeno quando si parla di cristianesimo!).
28/08/2014 - Silvia
Che commenti vuoti: Io allora che sono Cattolico mi dovrei sentire responsabile dei numerosi omicidi di donne e in colpa per un "prete" pedofilo? Non si può andare contro la Costituzione visto ha prevista la libertà di culto. Ormai sono anni che avete questa "gnola" e create inutili tensioni e paure. Poi se la mettiamo sul piano giuridico sono più esposte a reato i testimoni di geova e centology per eutanasia forzata e truffe finanziarie...
28/08/2014 - Remo
I nostri politici e non solo, non hanno ancora capito che questi NON vogliono integrarsi. Per loro siamo Satana! Fra qualche hanno non saranno più una minoranza e ci castigheranno! Ci dovremo piegare al loro fanatismo. E' in corso un'invasione che ci costerà cara.
28/08/2014 - mario
Sig. Remo con tt il rispetto per l islam ci provi Lei a costruire una chiesa a casa loro!!!!!
29/08/2014 - Gg
Sig.Remo, visti i fatti recenti, la vorrò vedere quando sarà invitato a convertirsi e la vorrò sentire dare il suo parere di integrato. Alla faccia della libertà di culto.
29/08/2014 - Rx
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.