L'incontro "Biblioteche, lettori e Wikipedia" apre inContemporanea 2.0 alla biblioteca Oriani

L'incontro "Biblioteche, lettori e Wikipedia" apre inContemporanea 2.0 alla biblioteca Oriani

Appuntamento lunedì 19 gennaio con Virginia Gentilini

Si svolgerà lunedì 19 gennaio, ore 17.00-19.00, presso la Sala Spadolini della Biblioteca di Storia Contemporanea “Alfredo Oriani”, il primo appuntamento con inContemporanea 2.0. La rivoluzione digitale e l'enorme successo del web 2.0, il cosiddetto web partecipato (blog, social network, ecc) hanno spinto anche le biblioteche a ripensare i propri servizi e il proprio rapporto con gli utenti.


Nasce così il progetto inContemporanea 2.0, nuovi servizi e risorse per i lettori al tempo di internet, promosso dalla Biblioteca di Storia Contemporanea “Alfredo Oriani” per integrare e arricchire le risorse e i servizi che essa offre ai lettori utilizzando strumenti del web partecipato che favoriscono l'interazione tra utenti, la diffusione e la condivisione di contenuti e informazioni.

Il primo ospite della rassegna sarà Virginia Gentilini, coordinatrice dei progetti GLAM di Wikimedia Italia e bibliotecaria presso la Biblioteca SalaBorsa di Bologna, che parlerà di Biblioteche, lettori e Wikipedia: convergenze inattese e missioni comuni.

Che cos’è Wikipedia dietro l’apparenza e perché siamo in biblioteca a parlare di Wikipedia sono le due domande a cui si tenterà di dare una risposta in questo incontro col pubblico della Biblioteca “Alfredo Oriani”. Nella prima parte si illustreranno alcuni aspetti meno noti dell’enciclopedia on line, della sua storia e dei princìpi su cui si basa, mentre nella seconda sarà offerto un quadro generale della valenza culturale dei progetti Wikimedia nell’attuale contesto del digitale e s’indicheranno alcune possibili forme di collaborazione fra istituzioni culturali e wiki.

Per maggiori informazioni: http://www.fondazionecasadioriani.it

13/01/2015


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.