Ravenna Festival, è un trionfo per il Falstaff dei giovani diretto da Riccardo Muti

Ravenna Festival, è un trionfo per il Falstaff dei giovani diretto da Riccardo Muti

Successo annunciato per l'opera verdiana giovedì sera al Teatro Alighieri, nell'allestimento di Cristina Mazzavillani

Lunghissime ovazioni e battimani cadenzati hanno salutato Riccardo Muti quando non aveva ancora abbassato del tutto la bacchetta dopo le ultime note del "Falstaff" di Giuseppe Verdi con cui il Ravenna Festival 2015 si è avviato alla conclusione, giovedì sera al Teatro Alighieri. Un successo annunciato, per uno spettacolo attesissimo, unico impegno operistico di Muti in Italia per quest'anno, inserito tra i contributi della Regione Emilia-Romagna per Expo. E dunque sala esaurita in ogni ordine di posto e festa grande anche per tutti gli altri artisti impegnati nella produzione.

"Falstaff" è l'opera della maturità verdiana, composta quando aveva già ottanta anni, e anche di quella del maestro napoletano (ormai ravennate d'adozione) che la diresse per la prima volta nel 1993, quando la sua arte era stata ammirata e apprezzata già in tutto il mondo. Da allora Muti è tornato spesso su questo capolavoro assoluto e la sua direzione è oramai considerata di riferimento: varietà dei colori ed elasticità ritmica fanno a gara con una tensione di fraseggio incisiva.
Una direzione ricca di illuminazioni sia nei tanti momenti sinfonici della partitura, che, e non poteva essere altrimenti, nella grandissima attenzione al canto. Con i giovani interpreti che componevano il cast si è comportato quasi da chioccia: li ha accompagnati per mano, proteggendoli dalle mille insidie disseminate da Verdi tra le note. Così Kiril Manolov ha potuto dar vita ad un Falstaff spigliato, malinconico ma divertente allo stesso tempo, ricco di quelle sfumature che inducono più al sorriso che al riso, anche se è un sorriso disincantato. Voce e recitazione da cantante navigato, fraseggio elegante e timbro solido. Per lui grande successo personale.
Anche il resto del cast è stato molto applaudito a partire dall'eccellente quartetto delle allegre comari, Eleonora Buratto (Alice), Damiana Mizzi (Nannetta), Anna Malavasi (Meg) e Isabel De Paoli (Quickly). E poi Federico Longhi (Ford), Giovanni Sebastiano Sala (Fenton), Giorgio Trucco (Cajus), Matteo Falcier (Bardolfo) e Graziano Dallavalle (Pistola).
Riccardo Muti ha ottenuto un'ottima risposta anche dai suoi ragazzi dell'Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, capace di suonare con grande leggerezza, e dal coro del Teatro Municipale di Piacenza. L'allestimento era quello realizzato due anni fa, in occasione del bicentenario verdiano, da Cristina Mazzavillani (moglie di Muti e responsabile del Festival), che trasporta la scena nei luoghi verdiani (la casa natale alle Roncole con il busto del compositore al quale Falstaff si appella dopo il bagno nelle acque gelide del Tamigi, la villa di Sant'Agata dove Verdi compose l'opera, e il teatrino di Busseto) con una freschezza inventiva di grande suggestione: attraverso un gioco di proiezioni fotografiche i personaggi shakespeariani vengono immersi nei luoghi nebbiosi della Bassa Padana, col povero Sir John, ormai libero da ogni illusione amorosa, a meditare sotto la quercia di Herne, che "tutto nel mondo è burla", che non è solo lui ad essere "grasso e panciuto", ma che anche tutti gli altri lo sono, perché tutti sono in qualche maniera compromessi.

24/07/2015

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Niente da dire sullo spettacolo: bellissimo!!! ma l'aria condizionata dov'era??? non si puo' stare al chiuso con un caldo cosi!!! volevo ritornare domenica, ma rinuncio....SOFFOCANTE
24/07/2015 - bilancia
questa è la ravenna turistica culturale che ristruttura una piazza per nessuno e lascia il resto così che apre un parco archeologico a fine stagione con un percorso ciclabile fino a classe - viste le temperature -senza alberi diventa istinto suicida percorrerlo
25/07/2015 - leonarda
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.