Incontro tra de Pascale e l'on. Bonafé su economia circolare e gestione rifiuti

Incontro tra de Pascale e l'on. Bonafé su economia circolare e gestione rifiuti

Ieri sera c'è stato l'incontro al Comitato elettorale di Michele de Pascale, sul tema: "L'economia circolare e le nuove politiche regionali per la gestione del servizio rifiuti"

“Che cos’è l’economia circolare? E’ un concetto tanto semplice quanto rivoluzionario, perché l’idea è: da dove le recuperiamo le materie prime, e quindi salvaguardiamo il pianeta e quindi abbassiamo i nostri costi di produzione? Dai rifiuti. Il rifiuto oggi non è più un problema, è risorsa. L’economia circolare è l’unica possibilità che abbiamo oggi per continuare a sopravvivere in questo pianeta “. Questo il tema al centro del dibattito tra l’Onorevole Simona Bonafé, europarlamentare per il Partito Democratico e relatrice presso la Commissione europea sul pacchetto del ciclo di rifiuti, Michele de Pascale, Candidato Sindaco di Ravenna per il centrosinistra e Paola Gazzolo, Assessore all’Ambiente e alla Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna, che si è svolto ieri sera presso il Comitato elettorale di Michele de Pascale in via San Mama 73 a Ravenna. 

 


L’incontro, moderato da Manuela Rontini, Consigliera regionale e Presidente della Commissione assembleare Territorio, Ambiente, Mobilità dell’Emilia-Romagna, è stato l’occasione per fare il punto sui dispositivi promossi dalla nuova legge regionale sui rifiuti approvata lo scorso ottobre dall’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, prima regione in Italia ad aver emanato una norma sulla base della recente direttiva europea in materia di economia circolare.


L’Assessore Paola Gazzolo, in apertura del dibattito, ha posto l’accento sugli effetti positivi che l’adozione della nuova legge e del piano regionale sui rifiuti avrà in termini di competitività e di crescita economica sostenibile, stimolando la creazione di nuovi posti di lavoro “green”. Attraverso un maggior ricorso al riciclaggio e al riutilizzo di materie prime, prodotti e rifiuti, si promuoveranno inoltre risparmi di energia e riduzioni delle emissioni di gas a effetto serra.


Il Candidato Sindaco de Pascale ha spiegato come il comune di Ravenna intende accettare la sfida dell’economia circolare, ribadendo l’importanza di un cambiamento culturale: “Ravenna in questo percorso vuole essere protagonista. E lo vuole essere accettando la sfida culturale, perché prima di parlare di singoli provvedimenti, dobbiamo essere consapevoli che in una città come la nostra passare dal 57, % di raccolta differenziata del 2011, al 70%, in un territorio complesso come il nostro con attività turistica, porto e distretto chimico, è necessario un cambiamento culturale che deve passare attraverso le nostre scuole e attraverso un cambiamento delle nostre abitudini.”
Michele de Pascale ha sottolineato l’importanza del ruolo dell’Amministrazione comunale nel rispetto delle regole: “L’Amministrazione comunale ha una responsabilità rispetto al senso civico dei suoi abitanti, quella, da una parte di fare promozione culturale in termini di riciclo, riuso e differenziazioni dei rifiuti, d’altra avere la mano inflessibile per chi non rispetterà le regole”.



Sul tema dell’inceneritore di Ravenna, de Pascale ha dichiarato la necessità di superare questo sistema, per transitare verso soluzioni alternative entro il 2018, come previsto dal piano regionale: “L’inceneritore di Ravenna è uno degli impianti più datati della nostra regione; ho fiducia nella ricerca scientifica, in questi anni sono nati impianti che a parità di rifiuti inquinano molto meno, arrivano a tassi di emissioni bassissime, come quello di Parma, e quindi una politica pubblica, seria e assennata, chiude l’inceneritore più datato, al di là di qualsiasi logica di mercato, e fa lavorare quegli impianti che hanno dei livelli di emissioni molto più bassi e sono in grado di produrre effetti sull’ambiente molto inferiori rispetto al nostro”.


Il Candidato ha poi riaffermato il ruolo fondamentale del polo chimico ravennate:
“Un punto importantissimo sul quale vorrei discutere con Regione, Unione Europea e con i soggetti economici del nostro territorio, è quello sulla vocazione chimica di Ravenna. Due importanti aziende italiane come Hera ed Eni possono essere protagoniste a Ravenna di un grande distretto del riciclo della plastica, un’attività che ha un forte connotato, sia da un punto di vista di chi fa recupero ambientale, sia di chi ha delle competenze legate alla chimica. Ravenna può rappresentare una grande filiera da sviluppare in collaborazione con gli istituti di ricerca”.


Sul tema gestione rifiuti de Pascale ha affrontato anche il tema delle multi-utility: « Credo che le Amministrazioni comunali debbano presentare con chiarezza ai propri cittadini euro per euro come vengono destinati i dividendi che provengono dai loro servizi. E per quanto riguarda il comune di Ravenna noi dobbiamo dimostrare ai cittadini che queste risorse vengono utilizzate per politiche sociali e politiche ambientali.


Il Candidato Sindaco ha chiuso il suo intervento ribadendo l’importanza di una visione unitaria di tutta Romagna anche sulla gestione dei rifiuti, scelta che purtroppo in passato invece è andata in una direzione di divisione e separazione: “Tutte le volte che qualcuno divide la Romagna perdiamo tutti.  Se Ravenna dimostra che si può essere seri e si possono ottenere risultati, forse si può riaprire una fase nuova tutti insieme, su una base nuova di rapporto con la Regione e con le multi-utility, per trovare un’unità in Romagna sul tema della gestione dei rifiuti”.


In chiusura del dibattito Simona Bonafé ha posto l’accento sull’importanza della realizzazione dell’economia circolare quale “politica industriale sostenibile che tiene insieme la competitività e il rispetto per l’ambiente attraverso l’efficienza dell’uso delle risorse e attraverso l’ottimizzazione del ciclo integrato dei rifiuti”.
“Nell’applicazione dell’economia circolare, Ravenna che può dare molto”, ha terminato l’Onorevole, affermando: “Sono molto contenta di essere qui, è la prima volta che mi capita di affrontare questo importante tema ad un’iniziativa di campagna elettorale”.

12/02/2016

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Bella roba.
12/02/2016 - Dr. Jekyll
non voterò mai De Pascale e neppure il P,D Ravenna ha bisogna di nuova politica nuovi amministratori e non di scambio di poltrone
12/02/2016 - ravennate
Parole, parole, parole parole, soltanto parole parole tra noi....
13/02/2016 - Orso Tibetano
Il candidato Sindaco PD deve preoccuparsi di fornire servizi efficienti che determinano utili bassissimi a vantaggio della collettività. Gli utili elevati sono indicativi di truffa nei confronti dei cittadini.
13/02/2016 - Nicolo'
L'economia circolare proposta dal PD e' quella cosa per la quale gira che ti rigiri, te lo ritrovi sempre in quel posto. La Bonafe' e' una tuttologa che come tutti i suoi simili, non puo' risolvere alcun problema, figuriamoci se puo' cambiare i principi generali del consumismo, che si basa sul consumo indiscriminato di materie prime, non sul suo riciclaggio. Dopo tante chiacchere, poi si dichiarano a favore delle trivellazioni in mare adriatico... E' tutto dire...
15/02/2016 - maurizio
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.