È nata l'associazione “Insieme per cambiare Ravenna” a sostegno del candidato Pd De Pascale

È nata l'associazione “Insieme per cambiare Ravenna” a sostegno del candidato Pd De Pascale

Presidente l'imprenditore Giovanni Poggiali: "Faremo da pungolo alla coalizione". Insieme a Poggiali, tra gli altri, l'assessore provinciale Paolo Valenti. Al centro del programma l'identità romagnola.

È stata presentata nella mattinata di oggi all'hotel Palazzo Bezzi l'associazione Insieme Per Cambiare Ravenna, destinata a diventare una lista civica che appoggerà il candidato sindaco Michele De Pascale alle prossime elezioni amministrative. Numerosi gli associati e i simpatizzanti presenti in sala che hanno ascoltato il primo discorso programmatico dell'imprenditore Giovanni Poggiali, presidente dell'associazione.


Al centro del programma c'è l'identità romagnola: “Ravenna e le altre città - ha detto Poggiali - devono ragionare in ottica di sistema. La Romagna è un territorio con 1,2 milioni di abitanti e personalmente da vent'anni lavoro all'interno della mia associazione imprenditoriale in questo senso, per far nascere Confindustria Romagna. Anche altre realtà, come Legacoop, hanno già iniziato esperienze di questo tipo e credo che le singole città debbano cominciare a concretizzare i progetti che si celano dietro la parola ‘area vasta'. Servizi e infrastrutture non possono essere programmati, oggi, se non si ragiona in ottica di sistema romagnolo”.

Inoltre i temi principali sui quali l'associazione intende sviluppare proposte sono la sicurezza, l'educazione, lo sport e la cultura con una particolare attenzione a tutto il territorio del Comune di Ravenna, molto vasto e diversificato nelle esigenze.

Poggiali si occupa soprattutto di viticoltura ma viene da una famiglia che ha fatto del porto uno dei suoi business principali. Ha quindi un'idea precisa riguardo a ciò che si deve fare dello scalo romagnolo: “Bisogna dragare. Il nostro è un porto canale e non se ne può fare a meno. Non so di chi siano le responsabilità ma è un fatto che, ad oggi, non si stia scavando e questo è un problema".

Il ruolo di Insieme per Cambiare all'interno della coalizione, ha detto Poggiali, sarà quello di “pungolo". Alcuni temi fondamentali, come appunto la Questione Romagnola, saranno portati all'attenzione del candidato sindaco Michele De Pascale. 

“Con gli alleati discuteremo e ci confronteremo, non ho nessun problema anche se dovessero esserci differenze di posizione. Anzi, il nostro ruolo sarà proprio quello di portare nuove idee e progetti al candidato sindaco". 

L'imprenditore ha poi spiegato di aver scelto di sostenere De Pascale perché “in un momento drammatico per l'economia come quello che stiamo vivendo il candidato del Pd e la compagine che lo appoggia sono a mio avviso la squadra migliore, per affrontare questi impegni". 

Quarantatré anni, proveniente da una famiglia legata a Benigno Zaccagnini, Poggiali è affiancato in questa avventura da Annalisa Ricci, insegnante e vicepresidente dell'associazione, e da Paolo Valenti, attualmente vicepresidente della Provincia. Insieme a loro già diverse persone hanno aderito al progetto Insieme Per Cambiare. Ecco qualche nome: Gabriella Baldassarri (insegnante); Piergiorgio Anzelmo (musicista); Francesco Plazzi (musicista); Laura Ugolini (dipendente bancaria); Gabriele Luzio (dipendente bancario); Claudia Burnacci (Imprenditrice); Livia Ridolfi (dottoressa); Andrea Patrignani (organizzatore di eventi sportivi); Laura Savioli (commercialista); Marco Zatti (imprenditore turistico).

Valenti ha aggiunto poi qualche dettaglio operativo: “Nelle prossime settimane lanceremo le nostre proposte programmatiche e cominceremo la campagna elettorale vera e propria. Incontreremo gli alleati e lasceremo al candidato sindaco il ruolo di mediatore. Nella nostra realtà ci sono molte persone già impegnate nell'associazionismo e crediamo che questo sia un valore aggiunto".

Per contatti e adesioni è attiva la mail nfo@ixc.ra.it e nei prossimi giorni sarà attivo il sito www.ixc.ra.it e la pagina Facebook “Insieme per Cambiare", con tutti gli aggiornamenti dell'attività elettorale.

18/02/2016

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Insieme X Convenienza....IXC
18/02/2016 - Ale
cosa cè da cambiare? il partito o il sindaco uno di questi mi hanno detto che simpatizzava nella destra più radicale, mahhh
18/02/2016 - BATTI
L'identità romagnola... deliri programmatici, leghismo da riporto, destrismo che alberga, neanche tanto dormiente, nel Pd. Non c'è speranza per questa città.
18/02/2016 - Nucky
E vai, se ne aggiunta un'altra di lista a bordo del grande carrozzone del PD, questa è la prova evidente che pochissime persone,(quindi un piccolo cerchio magico) vogliono controllare attraverso,(come dicono loro) lo sport, la cultura, l'educazione, la viticultura etc. Io penso che vogliate avere il controllo totale nel turismo, delle materie prime, di settori produttivi strategici. Per quanta riguarda le necessita dei cittadini vi importa poco, come: lavoratori, aziende e artigiani in crisi, etc. Per quanto riguarda la sicurezza, beh!! i cittadini lo sanno che sono stati abbandonati al proprio destino.
18/02/2016 - PIETRO
Notizione!!!!!!!
18/02/2016 - Iago
Va bene ma sorge spontanea una domanda:sino ad ora dove siete stati?Perchè non si è intervenuti prima di far entrare nel degrado la nostra città
18/02/2016 - daniele
Il candidato PD e la sua squadra è la soluzione migliore per risolvere i problemi dell'economia ? Finora il PD ne ha risolti ben pochi, anzi. Via, siamo realisti ! Sembra invece ottimo il candidato di Lega e Ancisi
18/02/2016 - Bici
Ahahaah... quante barzellette in poche frasi! Con il PD per cambiare Ravenna? Ma se il PD amministra da sempre la città che ormai è nell'immobilità più assoluta... Al centro del programma l'identità romagnola? Certo, quando proprio il PD che amministra anche la regione non fa altro che destinare la maggior parte delle risorse all'Emilia. Proprio il PD poi che non vuole nemmeno sentire parlare del refendum per l'autonomia della Romagna. Fate proprio ridere.... ridere per non piangere!
19/02/2016 - Tax19
Cosa pensano di cambiare se appoggiano il Pd de Pascale ?
19/02/2016 - paperino
Poggiali che si è sempre dichiarato uomo di destra, adesso fa da sostegno al PD!! Pecunia non olet......
19/02/2016 - Angela
Insieme "per cambiare"...?! Ma se appoggiano il PD che governa ovunque in provincia da decenni! Questa è un'offesa all'intelligenza dei ravennati...
19/02/2016 - Sarina
L'ennesimo tentativo del PD di tappare i buchi della nave che affonda con liste civetta (come anche quella di Amare Ravenna con Daniele Perini) che tentano di avvicinare quelle parti di cittadinanza che non voterebbero direttamente il partitone. E la triste storia di persone che credono di poter cambiare il partitone dall'interno non capendo che l'unica possibilità per la nostra città di risollevarsi è l'alternanza di governo! [ma non mi pubblicherete!]
19/02/2016 - g.a.
Egregio dott. Poggiali, caro Giuseppe, intanto in bocca al lupo per la tua scelta difficile ed impegnativa. Ti volevo ringraziare per le belle parole, che peraltro so essere condivise da tuo padre (e da tanti importanti industriali di questo territorio che mi hanno telefonato o addirittura scritto delle bellissime lettere), che stimo molto per la sua storia ma anche per il buon senso che esprime sempre nei Comitati Portuali. Una cosa però devo dirti, come ho già detto a lui e al vostro AD, Luca Minardi: non è vero che gli altri porti dragano e Ravenna no. Questa è una leggenda metropolitana messa in giro ad arte da qualcuno. Un caro saluto. Galliano Di Marco
19/02/2016 - Galliano Di Marco
Se uno, noto solo per essere "il figlio di" fa una lista in appoggio a chi comanda da 50 anni e la chiama "insieme per cambiare", si può solo prenderlo per i fondelli. Cambiare cosa? La ruota di scorta!
19/02/2016 - luciano
Personalmente mi sembra poco congruente il nome: "Insieme per cambiare" e appoggiare il vecchio, inteso come partito e non come persona. Ma inizio a pensare di capire sempre meno di politica e fortunatamente non farne parte visto cosa sta facendo.
19/02/2016 - angelo
Ma questo.. e' il programma di Pierino Brunelli, "La Magna Romagna". Il sistema Romagna esiste gia cari signori, e' sotto gli occhi di tutti e' si chiama: "coop-pd-mercatali". Piu' che altro questa lista mi sembra mossa dal vecchio e sempre valido principio che afferma: "Se non puoi sconfiggere il nemico; alleati con lui".
19/02/2016 - Maurizio
Insieme per lasciarla com'è!!!
19/02/2016 - PORTER
IXC: Insieme Per Convenienza.....
19/02/2016 - ale
Cosa volete che cambi! Con le teste vuote che si vedono in giro.
19/02/2016 - igor
Ossimoro spettacolare!!!!
19/02/2016 - Franca
Il PCI-PD governa da più di quaranta anni e si è costruito un sistema di Potere locale invidiabile. Ora questi vogliono aiutarlo a mantenersi al Potere,,,, e parlano di cambiare!. Valà!
19/02/2016 - Ludovico
Quando una azienda va in crisi si pensa di salvare la stessa azienda voltando gabanna
19/02/2016 - Pippo
Gent.le Ing. Di Marco, il Poggiali in questione è Giovanni, non Giuseppe. E il vicesindaco è Mingozzi, non La Malfa. Mi venga a trovare al Ministero dopo il 3 marzo, mangeremo una pajata insieme. Immagino che il tempo non le mancherà. La aspetto.
19/02/2016 - L. Merlo
era proprio lui ,per essere nelle stanze dei bottoni si fa questo e altro, con ancisi non si vince allora .....(se maometto non va alla montagna la montagna va da maometto)
19/02/2016 - BATTI
Per favore, smettetela di trattare la politica come una baldracca. Chiediamo al Pd un sussulto di dignità: butti a mare le liste fantoccio dei nonni, dei nipoti, degli industriali, della simil-sinistra che non vale più della simil-pelle. Forse perderà le elezioni, ma salverà l'onore, perché, si convincano, la politica deve tornare ad essere della gente seria
19/02/2016 - lorenzo
Caro L. Merlo, se tu fossi davvero Luigi Merlo, con il quale ho parlato oggi, venerdì 19.2.16, alle ore 13:00 saresti molto più Gentile. In ogni caso, ci dobbiamo vedere la prossima settimana per parlare del Porto di Ravenna e fare il punto sul Tavolo Tecnico e ti parlerò anche della differenza tra Poggiali sr. e jr. Di Mingozzi e La Malfa non credo ti interessi minimamente parlare. Oh, capisco che ti rode che molti imprenditori parlano bene del Presidente di AP ma fattene una ragione. Un caro saluto. Galliano Di Marco
20/02/2016 - Galliano Di Marco
Vede Sig. Di Marco, alla fine in base a quello da lei espresso, si è inteso proprio quello che penso io. Praticamente vi siete fatto i complimenti tra di voi, tutti gli industriali che conoscete, gli in bocca al lupo, ricordato le origini, etc, denigrare i cittadini che commentano le alleanze politiche che hanno commesso dei disastri senza occuparsi dei loro problemi reali, non da ne "risposte" ne "soluzioni" agli stessi, è neanche lei ha speso una sola parola su chi vive i disagi reali, cioè le "persone". Quindi va bene che vi fate i cavoli vostri, ma almeno non colpevolizzate noi.
20/02/2016 - PIETRO
Gentile sig. Pietro, io ho ringraziato Giovanni Poggiali perché ha avuto il coraggio di parlare bene di me in un momento in cui il Presidente della sua Associazione mi denigra e dice di farlo a nome di tutti gli industriali di Ravenna. Ormai so che non è così e le parole di Poggiali lo dimostrano. Le assicuro che per me le persone vengono prima di certi soggetti che predicano bene e razzolano male, che non sono miei amici. Sono e resto un uomo di sinistra e non colpevolizzo nessuno, tanto meno voi. Buona domenica Galliano Di Marco
21/02/2016 - Galliano Di Marco
attenzione SUDDITI leggete i commenti e vi accorgerete che la partita è tra industriali e potere per noi SUDDITI ci saranno solo tasse e tagli
21/02/2016 - BATTI
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.