Clima sereno, entusiasmo e unità nella serata in cui Ravenna in Comune sceglie la sua lista

Clima sereno, entusiasmo e unità nella serata in cui Ravenna in Comune sceglie la sua lista
Un momento dell'assemblea di ieri sera

Dora Casalino e Massimo Manzoli sono i 2 capilista. 32 i candidati, 16 donne e 16 uomini, l'età media è di 40 anni. Il commento della candidata Sindaca Raffaella Sutter

Sala Forum piena di iscritti, ieri sera, ma non ci sono tutti e 400 gli aventi diritto al voto per scegliere i 32 candidati di Ravenna in Comune per il Consiglio comunale. Il clima è molto sereno, disteso, a tratti allegro e festoso. Si parla molto di cambiamento e di progetto nuovo per Ravenna. E sopra le altre rimbomba forte una parola: unità. Una parola magica e insieme tremenda per la sinistra. Perchè l'unità è sempre stata un bene prezioso in quest'area politica e insieme quasi una chimera per una sinistra che si è sempre divisa su tutto.

 

Stavolta invece le tante anime della sinistra locale - stanche dell'egemonia e del sistema PD - si sono ritrovate e a Ravenna hanno dato vita a un progetto che sembra davvero marciare bene sotto le insegne dell'unità e della collaborazione, senza litigi, risse, contrapposizioni, protagonismi, gelosie. Niente di tutto questo. La serata di ieri sera si prestava del resto, perchè si dovevano scegliere i 32 candidati che dovranno rappresentare Ravenna in Comune di fronte all'elettorato per cercare di raccogliere quanti più voti possibile. E tutti sanno che non sarà facile. Ma questa è una sinistra che viene da anni di sconfitte e vacche magre e dunque alle batoste in qualche modo è abituata. Ci ha fatto il callo. Ma stavolta vorrebbe non prenderle più. E ci prova, con la candidata Sindaca Raffaella Sutter, che raccoglie da tutti grandi attestati di stima e di affetto. E con una squadra di candidati - rigorosamente divisi per genere, 16 donne e 16 uomini - molto agguerrita e motivata, anche con quel tocco di ingenuità e leggerezza che non guasta. Molti del resto sono alla prima esperienza politica.

 

Quattro le precondizioni per essere candidati: non avere ricoperto incarichi politici negli ultimi 5 anni; non avere pendenze con la giustizia (essere dentro le regole stabilite dalla legge Severino); avere sottoscritto il programma di Ravenna in Comune; avere raccolto almeno 5 firme di iscritti per la presentazione della propria candidatura. Alla fine la lista è un insieme variegato di istanze della società civile, di esperienze di lotta e di movimento, di ispirazioni politiche e di differenti professioni. Molti i giovani in lista. L'età media è di 40 anni. Aprono la lista i due portavoce di Ravenna in Comune, Dora Casalino e Massimo Manzoli che saranno i 2 capilista. 

 

TUTTA LA LISTA

1 - Dora Casalino, capolista, portavoce di Ravenna in Comune, lavora nel sociale, si occupa di tutela dei diritti umani e promuove iniziative pubbliche contro ogni forma di discriminazione.

2 - Massimo Manzoli, capolista, portavoce di Ravenna in Comune, fondatore del Gruppo dello Zuccherificio, da anni impegnato nella lotta per la libertà d'informazione e per la legalità.

3 - Gabriele Abrotini, attivista nei movimenti per i Beni Comuni.

4 - Anna Agati, artista, educatrice e operatrice culturale.

5 - Desiderio Basile, giovanissimo studente universitario e rapper che - forse - scriverà l'inno rap della lista.

6 - Francesco Alberto Bellini, lavora all'ASL di Ravenna e si occupa in particolare di disabilità.

7 - Antonia Bufano, che tutti conoscono come Antonella, è impegnata nel sociale, abituata a mettere le ali a quanti vogliono volare... come Ravenna in Comune.

8 - Filippo Cicognani, di professione edicolante è impegnato come dirigente sportivo. 

9 - Ioana Simona Ciobanu, di origine romena con la cittadinanza italiana, è pedagogista e mediatrice culturale.

10 - Raffaella De Mucci, è una delle poche in lista ad avere avuto in passato un'esperienza politica attiva, essendo stata consigliere comunale a Ravenna non nell'ultima ma nella precedente legislatura.

11 - Luca Dubbini, è un libertario che si occupa di ricerche storiche sul territorio.

12 - Claudio Fabbri, è avvocato, lavora a Ravenna, è presidente dell'Anpi di Alfonsine.

13 - Ilario Farabegoli, attualmente dipendente Coop, ha alle spalle una certa esperienza politica e nella legislatura 2006-2011 è stato assessore nella prima Giunta guidata da Fabrizio Matteucci.

14 - Gabriella Floro Flores, è mediatrice culturale, impegnata nella battaglia contro la violenza di genere e sui temi del fine vita.

15 - Marco Frisone, si occupa di servizi di internazionalizzazione per le imprese.

16 - Andrea Giuliani, è operaio alla Marcegaglia e noto attivista della Fiom, il sindacato dei metalmeccanici della Cgil.

17 - Marisa Iannucci, artista, mosaicista, convertita all'Islam, è animatrice della Life.

18 - Marinella Isacco, imprenditrice, è attiva nel Comitato in Difesa della Costituzione e nell'Associazione Libertà e Giustizia.

19 - Tahar Lamri, scrittore, poeta, intellettuale, animatore del Festival delle Culture di Ravenna.

20 - Boro Lo Fatou, senegalese, lavora negli enti bilaterali delle associazioni artigiane, è mediatrice culturale e sanitaria.

21 - Lorenzo Mancini, studente universitario di Agraria, attivista di Legambiente e ora impegnato nella battaglia del referendum per il Sì nel voto del 17 aprile.

22 - Tania Moroni, già presidente dell'Arci Gay Frida Kahlo, è attivista dei diritti della comunità LGBT.

23 - Antonio Onza, è un giovane avvocato, impegnato anche nell'associazione degli avvocati di strada.

24 - Alessandro Perini, agente di commercio, si occupa di traffico, mobilità, infrastrutture e urbanistica.

25 - Anida Poljac, nata in Bosnia ma cresciuta in Italia, appena laureata, è attiva nella Casa delle Culture e fra gli avvocati di strada.

26 - Maria Domenica Scarpone, è insegnante del Liceo Artistico, presidente dell'Associazione Naturista e attivista di Libertà e Giustizia.

27 - Simonetta Scotti, lavora nel Settore dell'Ambiente per la Regione, attiva nel sociale e al Cisim di Lido Adriano.

28 - Nicola Staloni, è attualmente consigliere provinciale, ed è l'unica eccezione fra i candidati a ricoprire un incarico politico. E' stato scelto direttamente da Raffaella Sutter, poichè si tratta di un giovane molto impegnato e con un mandato in Provincia in scadenza. 

29 - Giorgio Stamboulis, insegnante precario, lavora a progetti culturali come Ravenna Cinema e il Dock61.

30 - Elena Starna, è operatrice sociale, si occupa di rifugiati e richiedenti asilo.

31 - Luana Vacchi, è insegnante al Ginanni ed è da sempre impegnata nel movimento delle donne.

32 - Raffaella Veridiani, responsabile di una casa emergenza a Piangipane, impegnata nelle lotte contro gli sfratti, il razzismo, il fascismo. 

 

Guarda il video con il commento finale della candidata Sindaca Raffaella Sutter

 

 

06/04/2016

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Che bella lista davvero! Speriamo riescano a raccogliere quella fiducia che effettivamente si meritano.
06/04/2016 - Alessandro
In bocca al lupo a tutti!
06/04/2016 - Bianca
auguri alla Sutter e alla sua lista. Mi si permetta di fare una critica: Staloni, che non conosco, non doveva essere in lista. Le regole devono essere uguali per tutti e da una lista come Raincomune non mi aspettavo deroghe. Grazie per la pubblicazione
06/04/2016 - osservatore non votante
mi piacerebbe non ci fosse nessun collegamento né alcun "contatto" con il PD: altrimenti non avrebbe nessun senso fare una lista propria e diversa se poi nomi o fatti riportano alla vecchia nomenclatura!!!
06/04/2016 - s
Ah! Cominciamo bene! Si fanno delle regole e subito si disattendono! Non mi pare un buon inizio!
06/04/2016 - Viola
Capisco le perplessità qui sopra relative allo disattendere le regole, però ci è sembrato più importante dare rappresentanza ai territori altrimenti esclusi (e quindi privi di rappresentanza). Il comune di Ravenna vede comunque una città con poco meno di 90000 abitanti ed un Forese che si attesta a circa 70000, non si poteva non pensarci... Consuelo
06/04/2016 - Cizeta
Grazie Cizeta per la risposta e capisco vostra esigenza ma resto titubante per il non rispetto di una regola che vi siete imposti
06/04/2016 - osservatore non votante
@Osservatore mi creda, abbiamo 32 candidati uno più bello dell'altro, io stessa ho letto tutte le lettere di presentazione, ieri sera sono uscita felicissima delle competenze della mia lista! E piena di dubbi sulle preferenze! Lei ha ragione, ma in un comune così grande è importante includere tutti: Staloni non ha neanche 30 anni ed ha una forte capacità di mettersi in gioco, lo sapeva benissimo che si sarebbe trovato davanti questo tipo di critiche, ma ha la schiena dritta ed una testa, sono sicura che non resteremo delusi.
06/04/2016 - Cizeta
Sveglia ,Stalloni, con tuttto il rispetto, non è stato scelto per le sue conpetenze ma come elemento di disturbo in quanto rappresentante dello stesso territorio di provenienza di Valentina Morigi(Sinistra per Ravenna).Vecchi trucchi da" vecchia politica".Ecco le nobili ragioni dellla deroga alle regole."La vita non è un sogno sveglia sveglia"
06/04/2016 - loren
5/6% al massimo.
07/04/2016 - aldo gradimento
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.