La UIL Emilia Romagna contro i voucher: "Utilizzo scandaloso dei buoni lavoro"

La UIL Emilia Romagna contro i voucher: "Utilizzo scandaloso dei buoni lavoro"

La nostra Regione al terzo posto per l'utilizzo di voucher. Per il sindacato se ne fa un uso distorto a scapito del lavoro stagionale: "Il rischio concreto è quello di aumentare la platea di precari nel lavoro e nella vita". Lunedì a Cervia il convegno ‘Lavoro stagionale: una risorsa senza diritti?’

Giuliano Zignani, segretario generale della Uil Emilia Romagna, Riberto Neri, segretario regionale Emilia Romagna e segretario territoriale Uil Ravenna, Giuseppina Morolli, segretario territoriale Uil Rimini e Marcello Borghetti, segretario territoriale Uil Cesena annunciano una nuova stagione di contestazioni a difesa dei lavoratori assunti-retribuiti con voucher.


«Per ristabilire la legalità sul posto di lavoro, la Uil Emilia Romagna, attraverso le sue articolazioni territoriali di Ravenna, Rimini e Cesena, apre una campagna di vertenzialità a fianco dei ‘voucheristi’. Nel mirino dei nostri legali, ci sarà l’uso distorto, per non dire abuso, dei voucher, nati nel 2003 come strumento retributivo del lavoro accessorio e oggi trasformati in grimaldello capace di scardinare la legalità contrattuale e in detonatore dell’evasione fiscale». Ecco perché, spiegano i sindacati, «auspichiamo una modifica della normativa relativa al voucher».

L’occasione è data dal convegno su ‘Lavoro stagionale: una risorsa senza diritti?’ in programma per lunedì 18 aprile 2016, alle 9.30, al Club Hotel Dante (viale Milazzo, 81 – Cervia) cui partecipano Guglielmo Loy, segretario confederale Uil e Cesare Damiano, presidente commissione Lavoro della Camera dei Deputati.

Punto di partenza dell’impegno della Uil Emilia Romagna, lo studio sui voucher condotto dal Servizio politiche attive e passive del lavoro della Uil che ha rilevato come nel 2015 ci sia stata una vera e propria esplosione dei ‘buoni lavoro’. Al punto da far indossare all’Emilia Romagna la maglia nera di regione tra le più voucherizzate con 14,3 milioni di ‘foglietti’ acquistati dai datori di lavoro, piazzandosi dopo Lombardia (21 milioni) e Veneto (15,2 milioni). 

Disaggregando il dato regionale, al primo posto si piazza Bologna (3.007.818), tallonata da Modena (2.635.422). Segue il blocco romagnolo: Ravenna (1.516.201) e Rimini (1.532.555). Si torna in Emilia con Reggio Emilia (1.432.294) per poi rispostarci in Romagna con Forlì- Cesena (1.317.711). Chiudono Parma (1.102.867) e Ferrara (959.637). Analizzando i settori che fanno maggior ricorso a questo strumento emerge come siano commercio, turismo e servizi. Insomma ambiti trainanti, in particolare, dell’economia romagnola «dove i vantaggi, per i datori di lavori e non certo per le persone, hanno comportato un uso selvaggio del ticket» denunciano i sindacalisti della Uil Emilia Romagna.

Secondo la UIL il voucher, così come modificato dalla Riforma Fornero e potenziato nelle sue deformazioni dal Jobs Act «scardina il concetto di lavoro stagionale per cui era concepito e va a danneggiare la platea dei lavoratori del settore che, di fatto, operano senza diritti e tutele, in balia del committente. Il paravento ‘lecito’ del lavoro accessorio, dato dalla normativa che regola i ticket-lavoro, camuffa, nella realtà, una dimensione continuativa da lavoro dipendente e quindi strutturato». Oltretutto, in virtù di quella che è la sua concezione originaria, il voucher non dà «diritto ad alcuna forma di ammortizzatore sociale né tanto meno a una reale contribuzione previdenziale». In estrema sintesi, accusano i segretari «le condizioni di lavoro che l’uso illecito del voucher ha creato, rasentano in tutto e per tutto quelle del caporalato». 

Ma non è tutto. «La logica da far west che sottende a questo utilizzo scandaloso del voucher – contestano i sindacalisti – sembra quasi incentivare il lavoro sommerso e legalizzare il pagamento dello stipendio in nero. Ciò crea un triplice danno: al lavoratore in quanto è privo di una vera copertura previdenziale; alla casse dello Stato per un mancato gettito Irpef e all’Inps per un mancato contributo previdenziale». 

Accanto alle problematiche innestate in modo diretto dai ticket-lavoro, ve ne è una seconda figlia anch’essa del Jobs Act che, comunque, incide sui lavoratori stagionale. Si tratta del decreto 150 del settembre 2015 in materia di disoccupazione. Prima coloro che lavoravano meno di quindici ore settimanali su tre giorni potevano continuare ad essere iscritti alle liste di disoccupazione. «Ora non più - osservano i sindacalisti -. E così accadrà che tutta questa platea di lavoratori, circa 58.000 in Emilia Romagna, passerà a voucher, alimentando così, in modo vizioso, un meccanismo che già non funziona». E’ evidente che, così, «si abbatterà di un paio di punti il tasso di disoccupazione, ma a che prezzo? Così anziché incoraggiare la buona occupazione con politiche attive, la si scoraggia, cronicizzando la stagionalità». Calato in Emilia Romagna, questo meccanismo «come si va a conciliare, anche in termini di qualità, con il sistema stagionale ad esempio termale? Si rischia la dequalificazione di un settore trainante della nostra economia».

Ultimo, ma non meno importante, è l’aspetto che la ‘nuova’ disoccupazione riserva ai lavoratori stagionali, già alle prese con una situazione grave. «Con il nuovo meccanismo - concludono i segretari -, la Naspi (ex Aspi), per i lavoratori stagionali, viene decurtata di quasi il 50%». 

Per il Segretario confederale della Uil, Guglielmo Loy, "la diffusione sempre più capillare del lavoro accessorio sta compromettendo non solo la regolarità dei rapporti di lavoro ma anche le tutele per centinaia di migliaia di lavoratori. Diventa sempre più necessaria, dunque, una riflessione da parte di tutta la politica, anche ai fini di una corretta tracciabilità dello strumento. Il rischio concreto è quello di aumentare la platea di precari nel lavoro e nella vita, precludendo, peraltro, l’accesso a una pensione dignitosa".

16/04/2016

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
guardate che non se ne parla, ma faccio un esempio concreto sul voucher (dovrebbe essere UGUALE per tutti i settori no?): se incasso per 58 netto, il datore ne paga 85 lordi. Alla faccia! Vorrei vedere a queste condizioni come possa esser un mezzo di contrasto contro il lavoro nero.
16/04/2016 - D.M.
é già, ma finora dove eravate, avete permesso l'utilizzo dei voucher in modo sproporzionato, senza mai osteggiarli, in Italia siamo passati da: un milione e mezzo del 2014, ai quindici milioni del 2015, dalle 7,50 € per il lavoratore, fino al ricatto delle 3€ l'ora, è già, perchè sicuramente non lo sapete neanche che oltre all'utilizzo sproporzionato ci sia anche l'utilizzo scellerato di questo voucher, permettendo quello che secondo me, essere: "RICATTO SOCIALE" ma tanto a voi il motto è: predicare bene, ma razzolare male, VERGOGNA!!!
16/04/2016 - PIETRO
Almeno con i voucher la cente lavora e riesce a sbarcare il lunario , lo scandalo sono i pensionati che continuano a lavorare con la partita iva ...a questi pensionati bisognerebbe penalizzare la pensione come era nel passato, tra la legge fornero e i pensionati lavoratori i giovani quando troveranno un lavoro?
16/04/2016 - Paperino
e non è tutto , sapete cosa accade ? il datore di lavoro non paga nemmeno 7,50 euro all'ora il dipendente ma contratta 5 o 6 euro la paga oraria o anche meno e chi ha bisogno è costretto ad abbassare la testa e accettare una paga da fame se vuole guadagnare due soldi,vergogna ! tanti lo sanno e non fanno niente , viva l'italia (minuscolo di proposito) , è tornata la schiavitù !
17/04/2016 - giovanni
Visto il sistema concesso dal governo ,e visto le tasse che i datore di lavoro devo pagare x assumere un dipendente.Diciamo che se prima un datore di lavoro poteva permettersi di assumere un dipendente a tempo determinato x tutto il ciclo lavorativo ,vuoi xche'c'e'la possibilità di assumere a chiamata o con il vaucher,ma e'normale che se hanno un modo x risparmiare lo assumano.Chi ci rimette ?Noi!Naturalmente!L'artigiano Anch'esso soffocato dalle tasse!A mio parere il governo deve abbassare le tasse.Staremo tutti meglio!
17/04/2016 - Patrizia
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.