Patrizia Masetti (AGCI): "Atti di bracconaggio nella Piallassa della Baiona, uno scempio"

Patrizia Masetti (AGCI): "Atti di bracconaggio nella Piallassa della Baiona, uno scempio"

"Ieri notte", scrive Patrizia Masetti, responsabile del settore pesca, "si è perpetrato un ulteriore scempio nella valle, tre comacchiesi rubata a riva una barca erano intenti a pescare abusivamente delle vongole. Alcuni soci della Cooperativa Baiona Viva accortisi dell’illegalità del gesto, inseguiti e bloccati i fuorilegge hanno rimesso oltre 100 Kg di vongole nel canale degli Spinaroni. L’attività illegale si conferma come prassi di terzi che, incuranti della conservazione locale delle risorse naturali spadroneggiano nella Piallassa Baiona con ogni mezzo ed attrezzo predando i banchi di molluschi (vongole, ostriche) nell’incuranza del Comune di Ravenna."

 

"Non sono da oggi le segnalazioni di un bracconaggio che potrebbe essere ridotto da una continuativa sorveglianza che solo chi è impegnato nella gestione di tale patrimonio può dare. E la Cooperativa richiamando gli usi civici e le concessioni date dal Comune di Ravenna non ha mai ricevuto risposte per attuare un compatibile conduzione. Con tale richiesta vi è l’esigenza di tutelare il lavoro di giovani nel mestiere della pesca professionale, autorizzati alla pesca secondo le regole vigenti dal Comune ma non in canali ben definiti per promuovere piani di gestione responsabili secondo l’egida ed il controllo del Comune stesso," continua Masetti.

 

"L’AGCI di Ravenna seguendo questa cooperativa, aperta ai pescatori di Ravenna, promuove un modello gestionale di un patrimonio rinnovabile nel principio che, se lo sforzo di pesca è misurabile con un prelievo rapportato al massimo sfruttabile, si mantiene inalterata la capacità produttiva dell’ambiente. È quanto di strategico affermato nell’avviamento di questa attività che ieri era lasciata all’improvvisazione personale di pescatori. Oggi si stimola un nuovo corso operativo rispettoso della biodiversità favorito da una iniziale cultura radicata nei giovani della cooperativa il cui ruolo sarà di autogestire e di contingentare i prelievi con quell’autocontrollo non presenti in altri ambiti costieri. Il mio impegno personale è di favorire la crescita gestionale e culturale di questi giovani promuovendo presso il Comune l’accoglimento delle loro istanze nell’utilizzo alternato del reticolo dei canali adduttori al Candiano. Per Ravenna si traduce in una nuova forma di gestione coerente nel rispetto della Politica Comune della Pesca dell’UE e del Piano Strategico Nazionale dell’acquacoltura affermando l’applicazione di uno sviluppo collettivo locale nel promuovere reddito ed occupazione stimolando pure l’imprenditorialità familiare."

 

"Non si riesce a capire il silenzio dell’amministrazione nel promuovere questi obiettivi ed ai politici locali segnalo questa attività che da anni ha necessità di spazi gestibili in forma collettiva che già ora nasce in forma cooperativistica maturando i propri risultati nell’esperienza pilotata dei suoi aderenti. Ulteriori ritardi nell’assegnazione dei canali si ripercuoteranno nel beneficiare del Fondo Europeo Affari Marittimi della Pesca (FEAMP 2014-2020) favorendo investimenti e lavoro per l’imprenditorialità locale. In attesa che ciò si concretizzi al più presto la Cooperativa continuerà, con i propri soci a pescare il prodotto, a stabularlo e a farlo verificare come salubrità dalle Asl competenti, ma non potrà attuare un piano di gestione compatibile e a seminare le forme giovanili essendo la pesca una risorsa per quella illegale."

 

"A tal fine, in collaborazione con i volontari di altre associazioni di pesca sportiva (Arci Pesca Fisa, Fipsas ecc), alcuni pescatori professionali sono stati inseriti nel corso formativo per le guardie volontarie dal Corpo di Vigilanza Provinciale. E questa è un altr’altra dimostrazione di disponibilità per tutelare un patrimonio naturale. Personalmente sono impegnata a raggiungere con ogni mezzo democratico un risultato rifiutando altra perdita di tempo perché i giovani devono lavorare," conclude Masetti.

21/04/2016

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Oltre alla pesca abusiva prevalentemente di notte ultimamente siamo assediati dai ladri. La notte infatti mi hanno portato via un generatore per il capanno da circa 10 Kw e quindi bello grosso. La nostra Piallassa di notte è' diventata terra di nessuno. E nessuno se occupa. Ora veramente sarebbe ora che si facesse veramente qualcosa. E puntualmente sopratutto la notte venga presidiata. Chi deve farlo non sta a me dirlo ma è necessario farlo e subito.
21/04/2016 - gluc
Da troppo tempo la valle e'stata abbandonata dal comune e dalle istituzioni,tutti sanno cosa succede ma nessuno fa niente.basteirebbe cominciare a sanzionare chi usa motori da 90/100 cv vietati da regolomento,questi invece passano tranquillamente sotto il naso di tutti ,guardie comprese.cosa ancora piu' grave di cui nessuno parla e'il fatto chr queste vongole senza nessun trattamento arrivano nei ristoranti.questo vuole essere un messaggio per i nuovi amministratori visto che i vecchi hanno fatto finta di non sentire.
21/04/2016 - sn
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.