Fusignani (PRI): "Noi determinanti al successo della coalizione"

Fusignani (PRI): "Noi determinanti al successo della coalizione"
Eugenio Fusignani e Giannantonio Mingozzi dopo l'esito del ballottaggio (foto da Facebook)

"Di fatto i nostri 3 mila voti sono quelli che hanno garantito la vittoria della coalizione di centro sinistra. Risultato importante per rilanciare il partito e il ruolo della politica nelle istituzioni"

“Ravenna è ancora una città Repubblicana e l’ha dimostrato anche al ballottaggio, scegliendo Michele de Pascale e il progetto della coalizione di centro sinistra, dove il PRI rivendica con forza autonomia, ma anche la propria visione”, così Eugenio Fusignani, segretario PRI Ravenna.


“Il PRI – prosegue Fusignani - è stato determinate al primo turno e al ballottaggio, perché, pur col fisiologico calo che contraddistingue il voto del ballottaggio, è riuscito a confermare i propri voti, dando un apporto decisivo alla vittoria della coalizione. Abbiamo praticamente riconfermato larga parte di voti del primo turno e di fatto i nostri 3 mila voti sono quelli che hanno garantito la vittoria della coalizione di centro sinistra”.

Il PRI Ravenna ha centrato un duplice obiettivo, come spiega Fusignani: “Dare un progetto di governo alla città, serio e credibile e contemporaneamente garantire una prospettiva politica al partito ravennate, regionale e nazionale, attraverso la riconferma della presenza istituzionale. In questo senso l’obiettivo è stato centrato, raddoppiando i consiglieri comunali. Tutto questo è avvenuto partendo Ravenna e dalla Romagna, tanto che il PRI si consolida anche a Cesenatico, dimostrando, ovunque ci siamo presentati, come la politica con una tradizione e una visione possa ancora vincere sull’antipolitica. Nel congresso provinciale dello scorso anno prevalse la mia linea che sosteneva il rilancio del partito attraverso la riconquista delle presenze istituzionali nel territorio e da qui ripartiamo per dare nuova linfa all’Edera regionale e nazionale”.

La soddisfazione di Fusignani è maggiore se si considera “Che abbiamo lottato contro tutti, anche contro alcuni detrattori, che hanno usato ogni mezzo per infangarci personalmente e per gettare melma sul partito, peccato che il tempo sia galantuomo e che noi repubblicani abbiamo una sola parola e abbiamo sempre lavorato per Ravenna e per i suoi cittadini. Continueremo a farlo. Non voglio occuparmi di chi parla col rancore della sconfitta o delle scelte sbagliate. Il PRI è e rimane nelle istituzioni forte della sua tradizione laica e democratica”.

“Un plauso va anche naturalmente alla squadra che abbiamo messo in campo, che personalmente ho voluto fortemente, di cui rivendico con orgoglio la paternità – afferma Fusignani -, non solo ha fornito i risultati sperati, tutti i candidati hanno portato a casa un risultato a doppia cifra, ma ha agito come una squadra vera, perché è sempre la squadra che porta il risultato. Questo dovrà e potrà costruire l’ossatura portante del nuovo PRI che si delineerà nei prossimi mesi. Il PRI non appartiene ad un segretario, ad una o più persone, ma a pieno titolo alla storia del Paese e di questa città. Questa storia, grazie al risultato e alla squadra, non si interrompe”.

20/06/2016

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Che Fusignani si vanti di 3000 voti avendone 5000 nel 2011 fa morire dal ridere. Essere succubi e proni del Pd vi ha portato a questo. Se tanto mi dà tanto fra 5 anni siete da proteggere come il panda! Un minimo di sobrietà non guasterebbe. Ridicoli.
20/06/2016 - Andrea
Che coppia incoraggiante. Nooo, Il PRI rivendica l'apporto fondamentale per la vittoria. Povero De Pascale... e poveri noi. Come inizio del cambiamento non c'e' male. Parole imbarazzanti del futuro vicesindaco; Il PRI ha perso un terzo degli elettori, ma ha raddoppiato i seggi in consiglio.. da 1 a 2.. ah ah ah ah che faccia tosta. Sul fatto che il PRI appartiene alla storia d'Italia poi e' veramente tutta da ridere... sono praticamente estinti, restano solo nella riserva di San P. in Vincoli. Sono come dei fossili di dinosauro riesumati da un PD che raccoglie tutto. Ancora per 5 anni ci dovremo sorbire le dichiarazioni alienate di questa coppia di involontari simpaticoni.
20/06/2016 - ciccio formaggio
Pare sia stato proprio così. Solo 4200 voti separano i due candidati. Anzi, più passerà il tempo e più il Pri sarà fondamentale, dovesse prendere anche solo poche centinaia di voti. Diabolicus!
20/06/2016 - uomini e no
ma che carini!! meno male che ci siete voi a fare i prezzemolini di tutte le festicciole che vi organizzate (tagli di nastri alla moda, mangiate a sbaffo di varie associazioni, inaugurazioni di negozi per criceti...) è uno sporco lavoro ma qualcuno lo deve pur fare...
20/06/2016 - sm
Guarda guarda Sono tornati Gianni e Pipotto almeno loro facevano ridere questi fanno piangere
20/06/2016 - Sergio
Siete patetici.
20/06/2016 - RB
Penosi ....
20/06/2016 - Vanni
Bisogna farsi una convinzione, purtroppo, per i prossimi 5 anni, vedremo ogni santo giorno, Mingozzi fotografato, come per i precedenti anni, di fatto, senza aver fatto nulla per la collettività. A meno che.....!!!!
20/06/2016 - PIETRO
.......più che un segno di vittoria mi ricorda la richiesta di permesso per andare al bagno.....!!! Il nuovo che avanza !!!
20/06/2016 - Rx
Povera Ravenna....
20/06/2016 - Bici
Il pri si deve fare carico di un progetto politico semplice ma realizzabile: investire su un turismo sia marino che cittadino, un progetto chiaro sulla portualita', circolazione stradale che non porti a giri viziosi che hanno la solo certezza di aumentare l'inquinamento, piste ciclabili che abbiano continuità. Si deve vedere il cambiamento di passo. Buon lavoro
20/06/2016 - Marcello
cioè, De Pascale preparaci le poltrone
20/06/2016 - lorenzo
Certo che se la ridono! Se perdevano dovevano iniziare a lavorare ed a una certa età è dura incominciare èh....!
20/06/2016 - strac
Ma chi? L'ex assessore con delega al porto che si stà asciugando è contento? L'ex vicesindaco Festaiolo fa festa? Fortuna che in zona ci sono sempre locali nuovi da inaugurare e bottiglie da stappare! Ci vorrebbe un pò di PUDORE...Garibaldi ed Anita si ribaltano nella tomba vedendo il risultato...Andate a Lavorare...con la cariola...e il badile
21/06/2016 - Steve
Non mi pare ci sia da vantarsi per aver permesso al blocco di potere, che ha ridotto Ravenna in questo stato pietoso, di continuare a fare danno!! Il tutto per qualche nocciolina in cambio.
21/06/2016 - luciano
e cominciare a mandarli a lavorare sul serio?
21/06/2016 - piripicchio
No......per favore no!!!!! Non credo di potere reggere ancora le foto di Mingozzi vice sindaco con la fascia tricolore !!!!
21/06/2016 - danda
Con il dato salva poltrone che ha fatto la circoscrizione di San Pietro in Vincoli, rischia di fare il Sindaco Fusignani....
21/06/2016 - Francis
é il classico atteggiamento dei zitelli , si divertano, giocano, non prendano mai niente sul serio,non hanno mai nulla da perdere! è l'infelicità in persona! è da vedere, sarà il vero problema per De Pascale !
21/06/2016 - Prugna
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.