Volley / La Teodora Ravenna in B1: al primo rinforzo Aluigi si aggiungono Mazzini e Rubini

Volley / La Teodora Ravenna in B1: al primo rinforzo Aluigi si aggiungono Mazzini e Rubini
Da sx Aluigi, Mazzini e Rubini

Teodora Ravenna sarà ai nastri di partenza del prossimo campionato di B1 femminile. L’ufficialità è arrivata ieri, cioè da quando è stato perfezionato lo scambio dei titoli con ldea Volley Bologna che quindi nella stagione 2016-17 ha scelto di partecipare alla B2. Nella stessa giornata si è raggiunto l’accordo con Fiamma Mazzini e Chiara Rubini, la prima palleggiatore e la seconda schiacciatore/opposto, che hanno accettato di vestire la maglia giallorossa della Teodora, così come aveva fatto nel corso della settimana scorsa Chiara Aluigi.


Fiamma Mazzini, classe 1989, palleggiatrice toscana nata a Siena che unisce talento a prestanza fisica grazie ai 180 cm di altezza. E’ reduce dal campionato di A1 dove ha ricoperto il ruolo di vice regista nel Bisonte Firenze, mentre l’anno prima aveva giocato titolare in B1 a Orvieto. Nelle stagioni precedenti vanta esperienze in A2 a Scandicci e a San Casciano.

Giulia Rubini, emiliana, 181 cm. di potenza che può sprigionare sia nel ruolo di schiacciatrice, che in quello di opposta. E’ nata a Bologna nel 1990, dove ha cominciato a giocare e dove ha disputato il suo primo campionato di B1 nella stagione 2009/10 nelle file dell’Idea Volley. Nella stessa società bolognese ha disputato il campionato scorso (arrivando a giocare i playoff), nelle stagioni precedenti vanta esperienze in A2, tra le quali Busnago e Soverato.

Chiara Aluigi, la più giovane delle tre, 23enne schiacciatrice marchigiana di Lucrezia, cresciuta nel vivaio della sua città (con promozione dalla C alla B2), ha poi giocato a Sassuolo (in B2, ma aggregata alla prima squadra di A1 con vittoria dello scudetto under 18) e successivamente a Bergamo. Dal 2010 al 2013 ha vestito la maglia del Pesaro con promozione dalla B2 alla B1; poi è arrivata la serie A2 (Soverato e Rovigo) fino al ritorno in B1 della passata stagione con la maglia dell’Idea Volley Bologna al pari di Giulia Rubini, che ritroverà a Ravenna.

«Siamo molto contenti che queste tre ragazze — commenta Daniele Ricci — abbiano scelto il progetto targato Teodora. Si tratta di giocatrici di sicura affidabilità e di grande esperienza anche per un campionato come la B1. L’obiettivo — continua Daniele — è quello di mettere in piedi una squadra dotata di buona competitività, con elementi di categoria in tutti i ruoli. Non dimenticando poi che il nostro fiore all’occhiello resta la filiera giovanile, che da anni continua a darci tante soddisfazioni, saranno almeno 5 o 6 le ragazze under 18 che andranno a comporre il roster; con una o forse due di loro in grado di giocarsi il posto da titolare».

06/07/2016

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Dicono che "two is mei che one" ,io mi divertivo di più a vedere una squadra in A2 piuttosto che poco o niente in B. Comunque tanti auguri a entrambi.E tutti vissero felici e contenti.
06/07/2016 - ammiratore segreto
Alla faccia del fiore all'occhiello che dev'essere il giovanile. Tutti giocatrici fuori dal giovanile e la migliore giovane lasciata partire per andare nell'altra realtà cittadina
07/07/2016 - Marcello
Quindi che fine ha fatto il GRANDE PROGETTO della Teodora, che prevedeva la costruzione di una grande squadra formata ESCLUSIVAMENTE da giocatrici allevate nel proprio settore giovanile? Con tutti quei "titoli regionali" vinti negli ultimi anni ci si poteva aspettare qualcosa di più.
07/07/2016 - Luca
Cari Marcello e Luca, mi sembra che i risultati ottenuti fino ad oggi parlino chiaro, il fatto che sia stato deciso di fare la B1, non vuol dire abbandonare il progetto, ma bisogna essere consapevoli che la categoria richiede un ragionamento sensato al di là del settore giovanile promettente, d'altronde non mi sembra che l'antagonista ravennate del Sig. Bonitta abbia ragazze in fasce. Il fatto che la migliore giovane sia stata lasciata partire, certamente quando a una ragazzina di 16 anni si presenta Marco Bonitta, allenatore della Nazionale Campione del Mondo, fra pochi giorni in Brasile all' olimpiade, cosa volete che decida la ragazzina, la Teodora ha dimostrato grande serietà non ostacolando la decisione dell'atleta. Noi andiamo avanti con il nostro progetto poi alla fine tireremo le somme. Grazie e saluti
07/07/2016 - gallo
Cari Luca e Marcello... Brutta cosa l'invidia! Comunque beati voi! Il fiore all'occhiello se ne e' andata perché e' stata lei a volere andare! Informarsi prima di parlare! Il settore giovanile e' alla base di qualsiasi grande squadra in qualsiasi settore! Sveglia! Invece di giudicare informarsi please!
07/07/2016 - edo
Caro Gallo,la migliore giovane di cui parli e che è passata con Bonitta, certo che l'hai lasciata andare via in quanto appartiene ad altra società e nella Teodora è sempre stata in prestito quindi libera di scegliere dove andare.
07/07/2016 - Piero
Edo, penso che Luca si riferisse a qualcos'altro e cioè a quello che la Teodora aveva dichiarato di voler fare, in netta contrapposizione con quanto sta facendo ora. Comunque sarà una bella lotta tra le 2 società di B1 per l'egemonia, dal punto di vista dell'immagine, nella nostra città. Chi vincerà il derby? Ai posteri l'ardua sentenza.
07/07/2016 - Jimmi
Guardi sig. edo che l'invidia non c'entra proprio niente. Si chiama oggettività e vedo che lei ne è sprovvisto. In una società con fiore all'occhiello il giovanile si dovrebbe puntare ad acquistare giovani promesse per farle emergere giocando titolari non facendo le riserve di giocatrici fuori quota
07/07/2016 - Marcello
Intanto una società che vuole fare del giovanile il suo vanto dovrebbe investire su allenatori in grado di lavorare con le giovani. Per esperienza diretta e poco felice credetemi che tra gli allenatori che avete in casa c'è qualcuno che tutto può fare tranne ch del giovanile e nonostante ciò da anni viene riconfermato
07/07/2016 - Andrea
Esiste una cosa che si chiama programmazione e non improvvisazione! Senza le basi se fallisci un anno o due salti! Questo e' il punto! Non solo nella pallavolo ma anche nel calcio e nel basket! Quindi fare una squadra senza settore giovanile e' come iniziare a fare la casa dal tetto...tutto il resto sono solo chiacchere!! Basta vedere che fine ha fatto anche il nostro Ravenna Calcio! Per imparare basta guardare chi programma...e vedi che i risultati ci sono (vedi Cesena Atalanta ecc nel Calcio) (Conegliano VolleyRo ecc ecc nel Volley)
07/07/2016 - edo
MA DUE SOCIETA' DI PALLAVOLO FEMMINILE IN B1 A RAVENNA NON SONO TROPPE ? E DOVE SI ALLENANO, TUTTI AL PALA COSTA INSIEME AL BASCHET, PALLAVOLO MASCHILE, ARTI MARZIALI ETC. ETC. UNA BELLA FRITTATA ROMAGNOLA?
08/07/2016 - ROBY
beh la maschile che si mette a fare la femminile dopo anni che arrvano sempre in fondo alla classifica............
08/07/2016 - marco
Andrea immagino tu ce l'abbia con quel l'allenatore in quanto e' quello che in tanti anni non ve l'ha fatta vedere...e continuerà a farlo...
08/07/2016 - edo
La Robur è stata spinta a fare la B1 femminile in cambio della promessa che si sarebbe trovato uno sponsor istituzionale (puntualmente arrivato), ovvero la CMC. Facile fare le cose con le risorse garantite dai poteri forti. E dopo tutto ciò, che male c'è se la TEODORA continua a fare la sua attività come meglio crede e soprattutto trovandosi le risorse per conto suo? Di certo le varie Olimpia, Master, Alfa e Garavini in tutte le categorie giovanili continueranno a buscarle come sempre successo in questi anni, con buona pace anche di chi critica gli allenatori della Teodora...
08/07/2016 - Moreno Landi
Caro edo non so chi sei ma non penso che io parlo della tua stessa persona
08/07/2016 - Andrea
Ma basta con questi commenti, a senso unico, carichi d'invidia e a volte di cattiveria ( io sono più bravo di te, noi abbiamo sempre vinto contro l'Olimpia e il Master ecc. ). Chi commenta in tal modo non può sicuramente considerarsi uno sportivo e tifoso del volley. Ben venga che a Ravenna ci siano due squadre che militano nella stessa serie, ogni sabato ci sarà una partita di volley da vedere al Costa; E lasciamo lavorare tranquille le due Società.
09/07/2016 - Piero
I concetti del vivaio sono giusti bisogna lavorare su quello qualsiasi sport si pratichi e in qualsiasi societa' pero'bisogna poi avere il coraggio di farli giocare i giovani. la Teodora si è prefissata di far giocare le ragazze cresciute nel proprio vivaio l'invito a continuare che non si faccia prendere dall'ansia di prestazioni di competizione con la nuova squadra . le due società sono nate con esigeze diverse e con obbiettivi diversi realtà diverse una deve ottenere subito dei risultati e dietro ha un vivaio relativamente giovane non puo assolutamente pescare nulla da quelle squadre almeno quest'anno quindi investirà su giocatrici già fatte e pronte per cercare di vincere il campionato è abbastanza logico.
09/07/2016 - cesare
Chi si loda s' imbroda, le nuove giocatrici teodora non arrivano dal settore giovanile e non sono neanche ravennati.
10/07/2016 - ROBY
Signor cesare, qualcuno le ha mai parlato dell'esistenza delle virgole?
11/07/2016 - Vanni
caro andrea, da mamma che ha visto tante partite in questi anni, le dico che ci sono anche tanti genitori che dovrebbero fare tutt'altro, ma purtroppo nessun giudice gli toglie la patria potestà
11/07/2016 - MARZIA
sig cesare penso che potranno attingere al settore giovanile tra 10 anni ...forse
12/07/2016 - filippo
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.