Ambiente, M5S: "Acque contaminate dal glifosfato in Emilia Romagna, vietare questo pesticida"

Ambiente, M5S: "Acque contaminate dal glifosfato in Emilia Romagna, vietare questo pesticida"
Allarme lanciato dal Movimento 5 stelle per la presenza del pesticida glifosfato nelle acque romagnole

L'allarme è basato sui dati del monitoraggio Arpae. Piccinini: "I valori peggiori sono a Ravenna nel Canale destra Reno (Ponte Zanzi) e a Cesenatico. Rischio concreto per la salute dei cittadini"

Ci sono Ravenna e Cesenatico in cima alla lista sulla presenza del glifosfato (pesticida sospettato di essere cangerogeno) nelle acque, secondo la denuncia del Movimento 5 Stelle in Regione. L'allarme è stato lanciato citando dati Arpae appena forniti dalla giunta regionale sul monitoraggio compiuto sulla presenza della sostanza nelle acque dell'Emilia-Romagna. "Il nostro sospetto di una vasta contaminazione delle acque da glifosato è stato confermato dai risultati delle analisi che solo oggi la Regione ci ha fornito dopo mesi di attesa. C'e' un rischio concreto per la salute dei cittadini e sono necessari provvedimenti urgenti di tutela", è il commento della consigliera regionale M5S Silvia Piccinini.

 

"I risultati delle analisi dicono chiaramente che il glifosato non c'era semplicemente perché nessuno si prendeva la briga di cercarlo". I "valori peggiori- spiega - sono a Cesenatico nel Canale Fossatone con 1,2 microgrammi/litro per il glifosato (12 volte il valore limite di 0,1) ed a Ravenna Canale destra Reno (Ponte Zanzi) per l'Ampa (il suo metabolita di degradazione) con 6,1 microgrammi per litro (valore altissimo che dice quanto sia persistente la situazione di inquinamento)". Su 20 campionamenti solo in tre casi i valori sono inferiori ai limiti e comunque il pesticida è presente in concentrazioni significative".

 

Questi i valori (in microgrammi/litro) forniti al Movimento 5 stelle rispettivamente per glifosato ed Ampa: Cento (Ferrara) Casumaro, 0,9 e 3,4; Ruina-Ro Ferrara 0,51 e 1,2; Medicina (Bologna) Sant'Antonio Chiusura Bacino 0,17 e 0,4; Argenta (Ferrara) Ponte Localita' Traghetto 0,16 e 0,33; Cesenatico (Forlì-Cesena) Canale Fossatone 1,2 e 1,7; Uso Bellaria a valle Depuratore (Rimini) 0,18 e 0,28; Lamone Ponte (Ravenna) 0,2 e 0,57; Reno Volta Scirocco (Ravenna) 0,045 e 0,13; Ostellato (Ferrara) a monte Chiusa Valle Lepri 0,53 e 2,5; Ostellato (Ferrara) Idrovora Valle Lepri 0,19 e 1,7; Codigoro (Ferrara) ex ponte Varano 0,6 e 2,2; Serravalle Berra (Ferrara) 0,050 e 0,52; Argenta (Ferrara) Chiavica Beccara Nuova 0,35 e 4,3; Sala Bolognese (Bologna) Ponte Loreto 0,15 e 2,0; Ravenna Ponte Zanzi 0,83 e 6,1; Argenta Centrale di Saiarino 0,77 e 3,7; Bevano Ponte SS 16 Fosso Ghiaia (Ravenna) 0,15 e 1,8; Alfonsine Ponte Madonna del Bosco (Ravenna) 0,42 e 3,8; Pontelagoscuro (Ferrara) 0,067 e 0,53; Passerella Focomorto Ferrara 0,79 e 1,8.

 

"Con dati di questo tenore - chiosa Piccinini - sono necessari controlli più diffusi (e veloci auspichiamo) sulle acque superficiali, controlli che vanno estesi anche a quelle di falda e per uso potabile, ma anche su prodotti della filiera agricola e sugli uomini. Ma soprattutto la giunta regionale, in una situazione di pericolo per la salute dei cittadini, deve intervenire subito a cominciare dalla declinazione regionale del Pan (il piano di azione nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari) che deve vietare l'uso di questo pesticida".

02/09/2016

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
ma no per l'Arpae (che nome demm....) va tutto bene. E te credo, più complici di loro col partitone.... ma intanto lo scolo a fianco del Canale Magni, l'ho visto sempre IN ROSSO negli ultimi 10gg quando son passato dai Tre Ponti. :|
02/09/2016 - D.M.
non ho capito se l'acqua del rubinetto si può bere o no.
02/09/2016 - elena
Sarebbe bene analizzare anche l'acqua del Po che attraverso il canale emiliano-romagnolo va al potabilizzatore della Standiana e da lì nei nostri rubinetti. Ora provate a chiedervi cosa va a finire nell'acqua del Po mentre attraversa la pianura padana.
02/09/2016 - Giovanni lo scettico
......l'acqua si potrà anche bere.???.... ma che cosa ci mettiamo sotto i denti ???
02/09/2016 - Rx
Evidentemente il glifosato e la salute sono meno importanti per I lettori/cittadini di Ravenna di una poliziotta troppo "social" in sciopero della fame o altre non-notizie che scatenano il razzismo latente. Oltre a "commentare o chiosare" mi chiedo se il M5S sappia articolare nelle sedi opportune (locali e regionali) le giuste interrogazioni o altre iniziative a sostegno/garanzia della salute dei cittadini. PS per elena: tutti I valori sono ricavati da acque superficiali. Se "l'acqua del rubinetto" viene estratta dalla falda fino a quando non ci sono i valori relativi alla falda non si puo' dire che l'acqua contenga glifosato in quantita' da renderla non potabile. Ecco perche' prima si fanno le interrogazioni/esposti e si ricevono le risposte, meglio e' per tutti.
02/09/2016 - E_S_
Da quando ne so oramai è da due anni che seguo la vicenda in minima parte esiste anche nell' acqua in bottiglia e rubinetti,birra perché fatta con luppolo importato che prima semina in quantità enorme poi quando cresce l'robaccia gli sparano a dosso un tipo di glifosato che muore solo quella con le relative conseguenza,basta pensare che la multinazionale che lo produce a già cambiato nome e formula chimica ed a avuto una proposta d'acquisto da parte della Bayer (tedesca a prezzo stracciato)
02/09/2016 - Domenico
Se l'acqua rubinetto si può bere? Boh!!!!! scrivono che saranno fatti controlli sull'acqua e sulla filiera. Vedi tu! Per ora non dicono di non bere acqua da rubinetto poi se sarà positivo.........ormai l'abbiamo bevuta da mo'
02/09/2016 - Boh!
Come si puo non dare sufficenti informazioni all a cittadinanza su una cosa di imortanza vitale come l'acqua!!!siamo veramente governati da incompetenti menefreghisti
02/09/2016 - Rita
Non voglio pensare che gli addetti al lavoro nelle centrali di raccolta , potabilzzazione acqua e analisi della potabilizzazione relativa siano così fuori di testa da non fermare l'erogazione nel caso ci siano dubbi sulla potabilità relativa.Ci mancherebbe altro.
02/09/2016 - fernando
Informazioni le acquisisco presso i distributori di acqua di città ed in rete, sui siti dedicati.
02/09/2016 - Ermes
Certo, tutta colpa degli altri e del partitone cattivo cattivo
03/09/2016 - Alessandra
C'è un proverbio che dice: non chiedere all'oste se il vino è buono. Ora provate a immaginare cosa NON bisogna chiedere a HERA.
03/09/2016 - Giovanni lo scettico
C'e' gente che da il diserbante anche sotto il letto, questi sono i risultati. Un po' d'erba che sara' mai.... Si sfalcia meccanicamente.
03/09/2016 - elio62
@ermes- Ho avvisato nonna mi ha detto di commentare ""dove abito io non esiste distributore quindi bevo dal rubinetto. Non ho l'età per consultare siti !! vabbe' che sono vecchia ma non voglio morire di sete prima del tempo.Grazie Ermes stasera al trebbo spargo il messaggio"
03/09/2016 - Velina
@ermes - non tutti si forniscono dai distributori o consultano siti per vari motivi. Cmq qui non si tratta solo di acqua non dimentichiamoci che i danni fatti al l'organismo con ste schifezze ce ne accorgeremo quando sarà troppo tardi.
03/09/2016 - Gengi
Vedete che, confrontandoci, tantri problemi non sono più problemi? Anch'io bevo dal rubinetto da molti anni, riempio la caraffa e la metto in frigorifero; a mio avviso, questa acqua non è dissimile da altre acque. Chi non ha distributori vicini e non ha età per PC, tablet, smartphone, no problem: ha senz'altro figli o nipoti ben dotati, basta essere interessati all'argomento. I messaggi sparsi al trebbo, sono utili, basta parlarne! Vedrete che a qualcuno la cosa potrà interessare. Chi non si fornisce ai distributori o non consulta siti o volantini(ne siamo pieni), giornali o altri organi di informazione, potrebbe non essere interessato agli argomenti che stiamo, ora, dibattendo! Concordo con fernando augurandomi/ci che, a manovrare i rubinetti in Centrale, ci sia personale cosciente!
04/09/2016 - Ermes
l acqua di ridracoli non contiene glisofato!ed è buona eravamo anche i maggiori azionisti una volta adesso siamo coglio.i
04/09/2016 - batti
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.