Fidenzio Laghi: "Una proposta per rivalorizzare il turismo naturista a Lido di Dante"

Fidenzio Laghi: "Una proposta per rivalorizzare il turismo naturista a Lido di Dante"

"Ieri mattina ho incontrato in Comune l'assessore al turismo di Ravenna Giacomo Costantini e l'arch. Mara Roncuzzi che segue il tema della valorizzazione del turismo naturista", ci scrive Laghi.

 

"Abbiamo approfondito molto il tema naturismo partendo dalla sua nascita, dagli anni '70 sino ad oggi, esponendo la mia idea per la valorizzazione del turismo naturista a Lido di Dante con relativo beneficio economico ed occupazionale che vede, in prospettiva, tutta la spiaggia della località aperta ai bagnanti clothing optional (abbigliamento facoltativo) ad iniziare dalla foce dei Fiumi Uniti sino alla foce del torrente Bevano con, almeno, il diritto di passeggiare sulla battigia nell'ultimo tratto a sud, se necessario tutelare le dune per la nidificazione del Fratino."

 

"Come primo passo, per giungere a questo obiettivo, ritengo necessario che l'inizio storico (1986) dell'attuale spiaggia clothing optional che è a destra dello sbocco dello stradello pinetale che parte dal Camping Classe sia spostato (a nord) di un ulteriore tratto di circa 100 mt (attualmente poco frequentato dai bagnanti in costume) ed avvicinarsi al pennello di protezione della spiaggia per dare la possibilità di poter accedere direttamente alla zona clothing optional dal Camping Ramazzotti dove, nella sua parte più a sud la gestione potrebbe creare alcuni servizi importanti per i frequentatori della spiaggia dotando questa parte del camping di un bar ristorante, toilette e non solo questi."

 

"Se il gestore del Ramazzotti non fosse disponibile nel tratto confinante a questa area a sud od a est si dovrebbe costruire, per il ristoro ed i servizi igienici, una piccola struttura in legno, anche rimovibile a fine stagione, con una superficie non superiore a 30 mq. Per quanto riguarda il Camping Classe io ritengo giusto e rispettoso nei riguardi dell'ospiti che a lato del cancello che immette al sentiero che porta alla spiaggia venga data informazione che la spiaggia antistante è clothing optional per consentire a coloro che non vogliono vedere persone nude di non accedervi ed entrare in spiaggia tradizionale per una via posta più a nord. Un altro cartello informativo che segnala che il sentiero in questione porta all'area clothing optional andrebbe posto dal Comune sulla spiaggia alla fine dello stradello pinetale ed un altro prima della sbarra posta all'inizio nord della pineta Ramazzotti ed in prossimità dello stradello un pulsante che se premuto blocca con una luce l'eventuale passaggio dei naturisti, se in nudità, provengono dal Camping Classe o dalla spiaggia diretti al campeggio, prima di attraversare l'incrocio fra lo stradello e la strada principale della pineta."

 

"Certamente se fosse realizzato quanto ho detto la presenza turistica che attualmente è formata, in particolare, dai pendolari, coi servizi dati dai privati comprensivi di bagnino di salvataggio e pulizia della spiaggia data dall'amministrazione comunale e, senza dimenticare di rendere possibile l'accesso alla spiaggia da parte dei disabili, si potrebbe avere una forte presenza di ospiti stanziali che per quanto riguarda i naturisti la stagione balneare parte da aprile ed arriva ad ottobre inoltrato. Direttamente sulla spiaggia, a mio parere oltre a quanto ho detto, non va posto nulla ad eccezione della torretta del bagnino di salvataggio e qualche cestino per i rifiuti. Il turista naturista europeo per trascorrere una vacanza a Lido di Dante in forma stabile deve poter usufruire di alcuni servizi minimi e se c'è la possibilità di poter contare su un servizio di ristoro adiacente alla spiaggia in cui può accedevi in nudità gli sarà molto gradito come pure la possibilità di poter avere la spiaggia vicino al campeggio il più possibile per non trasportare a lungo il passeggino od il peso dei giochi per i propri figli e se, anziani con problemi di salute, o in carrozzina la possibilità di accedervi facilmente."

 

"Tutto questo sommato alla vicinanza (a partire da Ravenna) di numerose città d'arte e di storia raggiungibili in una giornata e tante altre attrazioni porterebbe ad un grosso afflusso turistico in poco tempo. Se, invece, come qualcuno vorrebbe l'amministrazione comunale ripristinasse un'area riservata ai naturisti (com'era sino al 2006 con una ordinanza che oggi ritengo come tale non più legale ma che andrebbe sostituita da una delibera) che sposti più a sud l'attuale inizio, non avremmo alcuna valorizzazione del turismo e resterà riservato, com'è ora in prevalenza ai pendolari. Difficilmente il turista naturista stanziale e straniero potrà scegliere Lido di Dante se solo dall'ingresso della pineta Ramazzotti dovrà percorrere come minimo, se è il primo, un tratto di seicento metri in particolar modo se deve trasportare i giochi per i bimbi ed il passeggino o venire in carrozzella se handicappato o con problemi motori importanti."

 

"Se si decidesse in questo modo mi pare che, come si è visto anche quest'anno, farebbe solo un favore a qualcuno che non ci vuole bene e cerca di fare in modo che chi preferisce tenere il costume possa stare in prima fila subito davanti al sentiero che attraversa la pineta partendo dal Camping Classe ove al suo interno, ad agosto, si vieta la nudità nell'area che dovrebbe essere naturista. Non c'è bisogno di altro spazio per i bagnanti tradizionali e rispettiamo anche quelli naturisti senza ammassarli: i bagnanti tradizionali sino al Bagno Classe posto circa 400 metri a nord sono quasi sempre in pochissimi a differenza dei naturisti che addirittura sino al 15 luglio possono contare su un tratto di spiaggia inferiore ai 400 metri. Cordiali saluti"

 

Fidenzio Laghi, ex presidente ANER sino al 2001

20/10/2016

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Sig. Laghi..si è dimenticato una cosa molto, molto importante: cartelli con i divieti ASSOLUTI, di portare i cani in spiaggia, proprio per l'incolumita' dei bimbi, delle persone disabili e di chi vuole godere una spiaggia libera in assoluta tranquillita'.- Dopotutto, nelle spiagge libere di Ravenna è vietato portare cani..o sbaglio? Grazie
20/10/2016 - bilancia
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.