Domenica 22 Gennaio 2017

Consumo di territorio, Ravenna maglia nera in regione? Andrea Maestri interroga il ministro Galletti

Giovedì 15 Dicembre 2016 - Ravenna

Il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti ha risposto ad un'interrogazione del parlamentare ravennate di Possibile, Andrea Maestri, sugli alti livelli di consumo di suolo a Ravenna, che emergono da un rapporto Ispra, l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, che indica Ravenna come il Comune con il valore più alto di suolo consumato pro capite. Ne da notizia l'agenzia di stampa Dire in una nota.


Secondo il ministro però, il consumo di suolo nel territorio di Ravenna non è così allarmante: "la percentuale di suolo consumato riferita all'intera superficie comunale è solo dell'8,2%, valore più basso di tutte le città della regione Emilia-Romagna e tra i minori nel contesto nazionale".

Nella sua interrogazione Maestri cita l'11esimo rapporto sulla "Qualita' dell'ambiente urbano" di Ispra, l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale. Secondo il quale "il Comune con il valore più alto di suolo consumato pro capite è quello di Ravenna che ha raggiunto valori incredibilmente superiori a quelli medi, ovvero superiori ai 500 metri quadrati ad abitante".

Ciò significa che "il territorio e il suolo di Ravenna sono consumati a una velocità pari a quella di una metropoli", circa 9.000 ettari l'anno, "un valore ben al di sotto dei 33.000 di Roma, ma quasi pari a grandi città come Milano e Torino". Infine a Ravenna, conclude Maestri, "spetta anche la maglia nera regionale del consumo di suolo totale, dato che Ferrara si ferma a 6.500 ettari, Bologna a 5.000, mentre Forlì e Rimini non vanno oltre i 3.000".

Sulla base del sistema di monitoraggio regionale, replica Galletti, "ogni comparazione tra città deve essere interpretata anche alla luce delle differenze in termini di estensione e caratteristiche dei diversi territori comunali". Quello di Ravenna, oltre 650 chilometri quadrati, è il secondo Comune più esteso d'Italia, per cui "il dato sul consumo totale di suolo va interpretato rapportandolo a quello di intensità di consumo rispetto all'estensione". Da qui la percentuale bassa dell'8,2%.

E, aggiunge Galletti, anche il valore sul suolo consumato pro capite "risente dell'estensione territoriale" e del forese a minore densità abitativa ma con una maggiore presenza di fabbricati, spesso rurali, non utilizzati e di infrastrutture extraurbane. Da qui valori "mediamente più alti rispetto ai capoluoghi di provincia emiliano-romagnoli, nei quali si concentra il 25% del consumo di suolo totale, ma il 36% della popolazione regionale".

"Da non trascurare - prosegue - pure la presenza sul territorio ravennate degli insediamenti e delle infrastrutture legate al sistema portuale e del polo industriale di rango nazionale". Comunque, conclude il titolare dell'Ambiente, "il ministero continuerà a tenersi informato nonchè a svolgere un'attività di monitoraggio sulla materia in questione".

5Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Forse quando terminerà questa legislatura rimpiangeremo l'on. Maestri per i suoi importantissimi interventi o FORSE ANCHE NO!!!

    15/12/2016 - M.C.

  • RIUSCIRO' A GARANTIRMI I MIEI 2 MQ DI TERRA? Marcio per i 70 e, a 9000 ettari di consumo di territorio all'anno, in meno di 10 anni non resta molto per me. Tranquilli: il dato di riferisce (e in eccesso) al territorio "consumato" (cioè le nostre case, le nostre strade, i nostri asili) da poi che Ravenna è;il rapporto Ispra lo fissa all'8,2% riferito al tempo degli etruschi NON ALL'ANNO DI RILEVAZIONE. L'incremento rilevato è 0,9% nel triennio 2013-2015 (0,3) 200 ettari/anno; sempre troppo ma meno dei 9000 annui asseriti. In Regione Ravenna ha la maglia rosa, non nera:8,2 contro 24,8 di Piacenza, 21,1 di Modena 19,9 Parma, 22,5 Bologna, 10,7 Ferrara, 18 Reggio 25 Rimini 13, 9 Forlì . Nonostante Ravenna sia il secondo comune per estensione e sul ns. territorio gravitino strutture (porto ad esempio, servizi di spiaggia ecc) a servizio di un comprensorio molto più ampio. Naturalmente posso anche aver sbagliato a leggere o interpretare i dati: capita a tutti.

    15/12/2016 - mauro mazzotti

  • se ne avessimo dei MAESTRI ma ce ne sono pochi e si vede dalla situazione in cui SIAMO

    15/12/2016 - batti

  • Potremmo essere un pò più concisi e condensare le 12,5 righe in non più di 4 o 5? Forse il mio processore è obsoleto o sono reminescenze di quando, la prof. di lettere ci consigliava di:"Condensare per non stufare il lettore"?

    15/12/2016 - Ermes

  • ..leggo, fra le righe..."con una maggior presenza di fabbricati rurali non utilizzati"..-.come mai ci sono tante troppe case (bellissime) di campagna completamente abbandonate e cadenti?? non si potrebbe fare qualcosa per rimetterle in vita???

    16/12/2016 - armando



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it