LA POSTA DEI LETTORI / I prodotti pirotecnici venduti nei negozi autorizzati sono legali

LA POSTA DEI LETTORI / I prodotti pirotecnici venduti nei negozi autorizzati sono legali

In qualità di titolare dei due negozi di vendita di prodotti pirotecnici a Ravenna in risposta al MANCATO divieto di utilizzo dei prodotti pirotecnici da parte del Sindaco di Ravenna ed alle polemiche sollevate dal movimento CambieRà, ci tengo a precisare che i prodotti pirotecnici che vengono immessi sul mercato sono tutti prodotti legali e marcati CE e pertanto rispondenti alle norme di sicurezze ed alle regole di produzione previste dalla Comunità Europea è garantita dal Decreto legislativo nr.123 del 2015 in attuazione alla direttiva 2013/29/UE.

 

Ne consegue che i nostri prodotti pirotecnici sono tutti rispondenti alla nuova normativa per cui il commercio e produzione sono disciplinati da norme tecniche recepite dal Governo Italiano e devono essere utilizzati nel pieno rispetto delle regole riportate sulla confezione.


Ritengo pertanto che ogni provvedimento restrittivo volto al divieto indiscriminato dei prodotti pirotecnici possa risultare dannoso non solo per il mercato, andando a penalizzare aziende come la mia e tante altre a livello nazionale che da anni sono seriamente impegnate nella commercializzazione di materiale pirotecnico testato e certificato, ma anche a limitare l’uso ludico di un prodotto che è sempre stato (e deve restare) fonte di divertimento per tutte le famiglie e cittadini che lo desiderano. Limitare la circolazione dei prodotti legali significa incentivare l’uso di quelli illegali che sono nel modo più assoluto da vietare e punire severamente.


I consumatori di prodotti pirotecnici che si recavano a San Marino per l’approvvigionamento dei prodotti illegali, si trovano già dal 2012 nell’impossibilità del loro acquisto in virtù dell’accordo effettuato con lo Stato Italiano.
Pertanto anche lo stato di San Marino, fonte di vendita in passato di prodotti considerati illegali in quanto la maggior parte degli acquirenti non erano titolati per l’acquisto, si è allineato alle direttive italiane e quindi europee, per cui i prodotti venduti a San Marino sono i medesimi di quelli presenti nello Stato Italiano.


Produrre ed importare articoli di NUOVA GENERAZIONE, quindi progettati per rispondere in tutto e per tutto alle nuove normative dettate dalle leggi italiane e europee, vuol dire immettere sul mercato prodotti concepiti per rispettare nel modo più assoluto quelle che sono le regole in fatto di inquinamento acustico, rispetto dei nostri animali, distanze di sicurezza, modalità di impiego, divieto di acquisto ai minori ecc…


A tale scopo le nostre tre associazioni italiane Assogiocattoli, ANISP e ASSPI e la Regione LOMBARDIA intendono suggerire alle amministrazioni locali ed a tutti i consumatori una PIROGUIDA per fare chiarezza su cosa si intende per fuoco d’artificio, petardo, mortaretto e tutte le varie terminologie purtroppo usate spesso a sproposito.
Si tratta di un utilissimo schema riassuntivo che consente al lettore di fare chiarezza e distinguere bene le varie tipologie di prodotti.

 


La PIROGUIDA si può scaricare gratuitamente dal nostro sito internet www.irazzi.it
Concludendo, ritengo siano presenti tutti gli elementi essenziali per permettere la libera circolazione di questi prodotti, invitando gli acquirenti a rivolgersi ai centri specializzati che forniscono oltre ai prodotti certificati CE anche tutti le informazioni necessarie per il corretto utilizzo evitando nel modo più assoluto i prodotti illegali e pertanto considerati pericolosi in quanto privi di tutti i necessari test di ammissibilità previsti dalla normativa vigente.

 

Glauco Mazzari

27/12/2016
 5

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Grazie delle precisazioni, ma pare che qui stiano protestando solo i proprietari di animali.....
27/12/2016 - armando
Non mi convinci e le norme della CEE non sono la Bibbia. Basta botti, sono pericolosi, possono creare danni all'udito, fanno passare attimi terribili agli animali. La civiltà con la C maiuscola non li gradisce. Fattene una ragione
27/12/2016 - Bici
Questi botti dovrebbero essere usati per capodanno ,ma come al solito si sentono già da ora e chi ha un cane fuori da oggi deve sempre tenerlo in casa? Questi botti sono simili a degli spari da arma da fuoco e quindi chi lo fa è un disturbatore della quiete pubblica, non ci interessa che siano legali, sono usati anche da persone che non vedono l'ora di far casino a piacimento a tutte le ore!
27/12/2016 - maria
Adesso anziani ed animali sono piu' tranquilli...... Non e' criticata la vendita illegale ma l'utilizzo indiscriminato ed in luoghi non adatti da parte di soggetti poco propensi a leggere come dovrebbero essere utilizzati. Poi se vogliamo anche le armi da fuoco sono costruite secondo le leggi vigenti ed acquistate solo col possesso del porto d'armi, ma qualcuno da di matto e puo' fare una strage. Speriamo vada tutto bene. Buon anno a tutti.
28/12/2016 - elio62
Allora non avete letto bene l'articolo, se dice che saranno a norma anche per l'inquinamento acustico e per proteggere gli animali possono essere punti a favore per l'utilizzo oppure no? Capisco che possano spaventare gli animali, ma vengono utilizzati solo per capodanno e qualche altra festa. Non facciamone un caso di stato, spesso poi se sentite i botti già in questi giorni sono dei ragazzini che se ne fregano delle regole. Non dovete prendervela con chi li vende i fuochi artificiali e i botti, ma con chi li utilizza in modo sbagliato. Siete sempre i soliti bacchettoni, che volete solo il silenzio più assoluto e una noia mortale tutto l'anno, smettetela voi! È solo divertimento.
29/12/2016 - Je
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.