Ampliamento del centro commerciale ESP, una foto aerea dello stato dei lavori

Ampliamento del centro commerciale ESP, una foto aerea dello stato dei lavori
Foto di Giorgio Benelli, sito http://www.fotoaeree.com

Giorgio Benelli ci invia questa foto aerea e un video dell'avanzamento dei lavori

Lo storico centro commerciale di Ravenna, l'ESP, raddoppia e lo si vede da questa bella foto aerea che ci ha inviato Giorgio Benelli.L'inaugurazione a fine primavera, l'ESP avrà circa un centinaio di negozi, tra cui famosi marchi di abbigliamento, ma non solo. Il Gruppo IGD ha investito oltre 50 milioni di euro in questo centro che diventerà uno tra i più grandi in Italia appartenente al gruppo.

 

Nel video, girato sempre da Giorgio Benelli, si vede chiaramente la grande superficie occupata dal nuovo complesso e dal parcheggio.

29/12/2016

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Purtroppo viene annunciata con questo video la lenta agonia del piccolo commercio che ha tenuto in vita i nostri borghi e i nostri piccoli paesi del forese.
29/12/2016 - Claudio
A ulteriore conferma dello scandaloso abuso-consumo legalizzato di prezioso suolo agricolo che ritornerà mai più. Lavaggio di denari e ricchezza distribuita in più CHE NON CI SARÀ.
29/12/2016 - Adelmo
...non me ne puo' fregar di meno!!!!
29/12/2016 - armando
Ma a chi serve ? Popolazione sempre più povera. Calo demografico da anni. Forse a dare il colpo di grazia definitivo ai negozi che non hanno ancora chiuso ??? Allucinante !
29/12/2016 - alberto
Che fine farà il centro storico? E come sono stati veloci e silenziosi a edificare rispetto ai lavori di piazza kennedy...... Chi ha voluto il raddoppio dell'esp? I soliti....
29/12/2016 - Claudio
a me i centri commerciali piacciono,perchè ci si trova di tutto senza girare in qua e in là e sono alquanto competitivi rispetto ai piccoli negozi che decenni fa eravamo abituati ad usare,ma i tempi cambiano ,certe professioni sono quasi sparite...vedi arrotino..calzolaio ..quello che in bici e proveniente da cervia vendeva le pavarazze ...ecc ecc...
29/12/2016 - maria teresa
All'esp roba scadente nei negozi altrettanta roba scadente, tranne qualche negozio camuffato da boutique,insomma continua la politica del poca spesa tanta resa! io continuo ad andare nei negozietti di periferia!
29/12/2016 - susy
In questo modo il centro della città verrà desertificato , la maggior parte dei negozi sarà costretta a chiudere anche perché nel frattempo hanno diminuito i parcheggi. Tutto a vantaggio delle coop rosse.
29/12/2016 - Cesa
Cara maria teresa, mi sorprende quello che lei dice!!certe professioni sono sparite?? ma dove vive??? arrotino??? in citta ce ne sono 3-4 e bravissimi!!uno al mercato di via sighinolfi: bravissimo a prezzi competitivi!!! calzolaio?? vicino Ospedale, nel borgo san Rocco, e chissa' quanti altri!!!Mi fa ridere..quello che in bici da Cervia..(penso che lei stia scherzando vero??).le paverazze, buonissime , sono ovunque!!! quell' ecc. ecc. poi, non ci sta!! che attivita' ci sono all'ESP che non si trovano da altra parte??? boh.- povero il nostro terreno agricolo che non ci sara piu'!!!!!
29/12/2016 - armando
Senza volerlo ci troviamo di fronte allo scempio dell'esercizio !! i tempi son cambiati, e cambieremo ancora.. meglio? non credo! ma i monopoli son stati fatti e noi cittadini come pecore dietro alla pubblicita'.. non diciamo altro ..grazie
29/12/2016 - gatosenzanome
Ma è veramente immenso,non pensavo ad un ampliamento di questa portata, mah! certo con questo mostro per il resto non c'è più speranza,50 milioni di euro di investimento,centinaia di negozi,come fai con un negozietto a competere,non c'è proprio la competizione,non comincia neanche la competizione. Tempi moderni...si è vero,però speriamo non si perda del tutto un minimo di dimensione "umana",ma temo che sia solo una mia speranza,forse addirittura utopia. OSSEQUI BASTIANCONTRARIO.
29/12/2016 - BASTIANCONTRARIO
Prima di fare acquisti mi capita spesso di confrontare i prezzi fra negozzi dell'Iper e quelli in città e periferia. Spesso sono identici.
29/12/2016 - Andrea Magnani
Io personalmente faccio fatica ora ad andare all'ESP . E' già enorme adesso e si perde un sacco di tempo per parcheggiare e fare la spesa. Mah. speriamo che i nuovi negozi attirino effettivamente dei nuovi clienti.
29/12/2016 - Klaudio
Tante critiche e lamentele, poi andiamo in altre città perché i centri commerciali sono più grandi e più belli! A Ravenna non deve mai cambiare nulla, tutto deve rimanere uguale ...
29/12/2016 - k.
Mamma che scempio
29/12/2016 - Mamma mia
Però faranno gli scontrini
29/12/2016 - Crisi
nuovi posti di lavoro..per i soliti noti che attendono all'uscita!!:-)))
29/12/2016 - stalin
Non compro più vestiario all'esp è tutto cinese e con taglie piccole !
29/12/2016 - maria
Cosi continueranno a chiudere altri negozi e non ci sarà più concorrenza. Inoltre continua l'inutile consumo di suolo agricolo.
29/12/2016 - collaman
Come si fa a scrivere ciò che ha scritto Maria Teresa??? Ci si rende conto che il territorio è fatto anche di una rete commerciale importantissimo collante sociale? Perché chi programma è così miope? Che assurda ignoranza!
29/12/2016 - Emanuele
Io sono molto contenta e non vedo l'ora che apra, nei centri commeriali si sta molto bene sono freschi d'estate e caldi di inverno ,ci trovi di tutto il parcheggio lo trovi sempre ed è GRATIS .Ravenna aveva bisogno di un centro commerciale come si deve, era diventato il più piccolo e triste della zona e se siete contrari peggio per voi bisogna adeguarsi ai tempi ...e i tempi cambiano ...ciao Laura
29/12/2016 - laura
tutti si lamentano ma se i piccoli chiudono è perché alla fine,la gente ci va all'esp. E non mi venite a parlare di concorrenza,io sono un commerciante e ,per esempio,pago una bottiglia di acqua lo stesso prezzo a cui la stessa bottiglia è in vendita in un super,come farò a fare concorrenza!Poi vengo a sapere che le grandi marche pagano per avere i loro prodotti in esposizione o che l'iva la reinvestono invece di pagarla allo stato...ma quale concorrenza!Questa è concorrenza sleale,la politica non fa niente e la gente parla senza sapere come funziona
29/12/2016 - alessandro
Siete sicuri che i futuri clienti dei nuovi negozi siano coloro che fino a oggi si sono serviti in centro? Lo sapete che non tutti abitiamo in città, né ci andiamo a lavorare, vero? Io è da parecchi anni che non faccio un acquisto in centro. Al Le Maioliche, invece, ci vado varie volte all'anno e qualche volta al Globo. Forse, se arrivano nuovi negozi all'ESP, farò meno chilometri attraverso le campagne della provincia.
30/12/2016 - Lara
Gentile signora Maria...non solo l'esp ha vestiario cinese..io comprai un giubbotto della geox in centro...ma nell'etichetta c'era la scritta ( made in china) percio'....
30/12/2016 - Daniele
Prima il cc era piccolo (soprattutto paragonato a quelli delle città vicine) e non andava bene..ora che è piu grande non va bene di nuovo. Non siamo mai contenti.
30/12/2016 - Vale
Mi piacerebbe vedere anche la foto aerea con avanzamento lavori della scandalosa rotonda di via Ravegnana, Lampioni provvisori di cui la metà spenti, segnalazione in pratica nulla, fila interminabile in entrambi le direzioni ecc.... Secondo me termineranno prima i lavori dell' ipercoop che della rotonda scandalosa!!!
30/12/2016 - Marco74
Grande Susy,sono completamente d'accordo con te,un saluto Roby.
30/12/2016 - Roby
Perché...in centro ci sono invece molti negozi "artigianali" e "originali italiani"? Mi sembra che ormai sia un dilagare delle solite catene di negozi ovunque. E poi non si trova parcheggio. A Ravenna c'era un solo centro commerciale e molto più piccolo di quelli del circondario...non capisco quale sia il problema...se non ci volete andare nessuno vi obbligherà.Io lavoro tutto il giorno e ho una fsmihlia con bambini piccoli...personalmente se non ci fosse l'iper dove trovo tutto andrei alle Maioliche.
30/12/2016 - roberta Ravaglia
L' esp ampliato è una opportunità per chi investe, per le catene low cost di abbigliamento, per chi realizza le opere, per chi ci lavora. È soprattutto concorrenza con gli altri centri commerciali che avranno meno clienti da Ravenna e magari si attraggono persone di Forlì o Faenza. Ma potrebbe essere un grande flop: la gente spende meno, l'offerta cresce ma i soldi non ci sono, i clienti si disperdono su più centri commerciali. Penso che i negozi del centro siano già in difficoltà da anni ma possono resistere se offrono qualità e innovazione. Un appunto sulla classicana: assolutamente inadeguata, una rotonda ancora più inadeguata. Ravenna ha bisogno anche di infrastrutture se vogliamo il più grande centro commerciale.
30/12/2016 - Marcello
be a chi va bene a chi va male... io mi risparmio i consueti giri a Savignano e a Faenza o Forli, così risparmio benzina e inquino meno perché abito a Ravenna... per quanto riguarda la qualità... be insomma io non mi posso più permettere di comprare in centro una maglia a 70/80 euro e la prendo nei negozi dei centri commerciali a 15/20 euro ognuno fa quel che può ed è giusto dare anche questa opportunità ai cittadini... basta litigare...
30/12/2016 - gg
Personalmente non approvo i centri commerciali perche si perde piu tempo che guadagnarlo, i prezzi al supermercato sono piu alti rispetto a gli altri. Detto questo, per non far morire i negozietti tanto preziosi per Ravenna basta non andare all Iper e continuare come abbiamo sempre fatto a cercare prodotti di qualità e se sono alimenti andare dai contadini come il martedi in piazza s.fran... Dobbiamo essere i primi ad aiutare i negozi del centro
30/12/2016 - Simone
L'e-commerce (Amazon, Ebay ecc) trasformerà l'Esp in una cattedrale nel deserto entro pochi anni. Oppure, diventerà un centro di logistica, dove dare posto a tutti i corrieri, che oggi sono sparpagliati tra le Bassette e Fornace Zarattini.
30/12/2016 - Ravennate24ore
I commenti rispecchiano la cittadina di Ravenna, alla quale non va mai bene niente di niente, non siete mai contenti. Io credo invece che sia un buon passo avanti, e bisogna capire cosa aprirà li dentro. Ad esempio avevo sentito parlare di Decathlon, che solo lui prenderà il 50 % dello spazio costruito e vi assicuro che come negozio a Ravenna mancava, dovevo sempre andare a Rimini o Faenza, e guarda un po'? poi mi fermavo proprio in quelle città a fare un giro. Questo vuol dire che attirerà persone da fuori Ravenna che andranno a fare un giro magari proprio in centro città. Basta con la negatività e il perbenismo
30/12/2016 - Paolo
A Ravenna comandano le coop.
30/12/2016 - Roma
Le piccole e medie imprese sono destinate a soccombere, troppi interessi politici le uccidono. In questa città l'esempio arriva dall'ex mercato coperto e dall'ampliamento dell'Esp. Le responsabilità cadono inevitabilmente su quelle confederazioni del settore e sui sindacati, spesso silenti altre volte complici di questo disfattismo sociale.
30/12/2016 - Nicola Tritto
Speriamo in un'altra MARINARA
30/12/2016 - paolo
Quello che e peggio è che troppo spesso nei negozi dei centri commerciali mancano le professionalità, sui prezzi oggi comprare all iper o fuori spendi meno fuor, la coop è uno dei super mercati più cari, oltre a decathlon aprirà un ristorante e i soliti negozi. Non si trova un negozio che si possa definire originale, visto un centro commerciale visti tutti, a me mancano molto i negozietti che c'erano in città. Per me questo non è cambiamento è adeguarsi ad un sistema che porta al tutto uguale
30/12/2016 - Giovanna
Io non sono così tragico come alcuni lettori. L'Iper non mi è mai piaciuto tanto e preferisco molto di più l'Iper di Savignano per esempio ma questo è un'altro discorso. Capisco anche il discorso dei negozietti piccoli ma non penso sarà questo sviluppo di un centro commerciale già esistente a dargli il colpo di grazia. Semmai si faranno concorrenza i negozi dentro l'iper! Sono d'accordo con chi dice che a Ravenna mancano dei negozi importanti e che ci tocca sempre andare a Rimini, Faenza o Savignano: IKEA, Decathlon, Leroy Merlin e compagnia bella. Se aprirà il Decathlon sarò molto contento. A dirla tutta mi dispiace di più per il bel campo che c'era dietro e per il tranquillo abitato di San Marco, ma giustamente un centro commerciale migliore per provare a rilanciare la città ci sta.
30/12/2016 - Mattia
Rispetto le idee di tutti, ma non si può scrivere che un centro commerciale rilancia una città... né si può scrivere che i centri commerciali sono il presente e il futuro del commercio, poiché le esperienze di Paesi più evoluti del nostro ci dicono esattamente il contrario: si sta ripartendo dai centri commerciali naturali (i nostri centri storici, per intenderci). Volete "vivere" il futuro di cui qualcuno qui è sostenitore? Fatevi un bel giretto a Forlì, prima in centro poi al centro commerciale della città (ce n'è uno solo quindi non dovreste sbagliarvi). Poi mi saprete dire. Noi, fortunatamente, non diventeremo mai così. Ma se è quello il modello che vi piace tanto... "prego lor signori, avanti che c'è posto!" (trasferitevi a Forlì).
31/12/2016 - Emanuele
Brava sg.Laura.
31/12/2016 - Daniele
se non piace il centro commerciale è semplice non andateci io faccio cosi
31/12/2016 - alba
La mia famiglia gestisce negozi da 51 anni,iper o non iper.se sai fare il tuo lavoro e hai la fortuna di proporre gli articoli giusti,i centri commerciali non danno nessun fastidio.detto ciò,non vedo l'ora che apra,anche se poi di novità ci sarà ben poco.
31/12/2016 - Roberto
Quando si diventa vecchi si ha la necessità di maggiori comodità perciò se si abita in centro si spera che non chiudano tutti i negozi. I turisti poi sono buoni clienti e cercano i piccoli negozi che, da sempre, hanno prodotti ottimi e miglior servizio .Sono perciò ottimista e penso che si possono ampliare come vogliono passata la curiosità vince la comodità. I cani con la salsiccia non si legano!
31/12/2016 - giovanna
Decathlon ha già smentito che aprirà a Ravenna. Ikea pure. Esattamente, chi dovrebbe occupare tutto quello spazio? C'è un elenco? Si sa quali marchi o catene sarebbero interessate?
31/12/2016 - Simone
Con l'e-commerce che avanza a velocità esponenziale, non vedo un gran futuro per i centri commerciali: prezzi alti, spesso poca scelta, fila e perdita di tempo tra parcheggiare e tutto il resto. Personalmente scelgo e-commerce o piccolo negozio, ma mai i centri commerciali. Staremo a vedere.
01/01/2017 - Francy70
diventeremo tutti della LEGA....coop.
01/01/2017 - orpe
Chi teme per i negozi del centro probabilmente non è mai uscito da Ravenna. Tutte le cittá d'Europa sono piene di mega centri commerciali in periferia e bellissimi centri pedonali con negozi ricchissimi, tut'altro che in crisi. le due cose possono coesistere perchè hanno fruitori differenti. Da una parte il popolo dei centri commerciali, che ci passa la giornata, spesso con tutta la famiglia, mangia anche con poca spesa e a fine giornata riempie facilmente la macchina nel parcheggio, con ogni ben di Dio. Dall'altra parte ci sono quelli che abbinano lo shopping ad una bella passaggiata in centro, senza fretta, senza gas, magari fermandosi in un bar per un caffè od un aperitivo. C'è spazio per tutti, basta adeguare l'offerta.
02/01/2017 - oponopono
Ciò che ha affossato tutto ciò che non è un centro commerciale è stato il decreto Salva Italia con la liberalizzazione degli orari d'apertura. "Ah ma bisogna adeguarsi al resto d'Europa": FALSO - nella maggioranza continentale sopra un TOT di metratura si può aprire per meno tempo rispetto la piccola bottega, quella sì liberalizzata. Prima tramite ordinanza nel nostro centro storico era già presente una sorta di liberalizzazione, ma gli esercenti del centro (e gente locale) sono quello che sono rispetto altrove :( Poi fosse per me, sopra i 250mq CHIUDERE visto che c'han mangiato in troppi, anzi facciam pure restituire il maltolto....
03/01/2017 - D.M.
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.