Venerdì 24 Febbraio 2017

LA POSTA DEI LETTORI / Via Basilica "non a norma" e molto pericolosa

Domenica 8 Gennaio 2017 - Ravenna
foto di repertorio

Volevo segnalare una situazione di reale pericolo ma trattata con grande superficialità e leggerezza. Tutti i giorni per motivi familiari mi reco ad Alfonsine da Sant'Alberto e percorro la Via Basilica (credo sia la Strada Provinciale 24). Nel tratto fra Sant'Alberto e Savarna già da più di un anno è stato messo il limite dei 50 chilometri orari per un motivo molto semplice: la strada non è in regola con le normative europee e non ha alcun guard-rail in entrambi i sensi di marcia.

 

Da notare che la strada nel tratto in questione è sopraelevata rispetto ai terreni laterali con un'altezza che va da circa 3 metri fino anche a quasi 10 metri. Il pericolo è che, nonostante il limite di velocità ridotto, se qualcuno per qualche motivo sbanda e precipita, non è assolutamente visibile dalla strada quindi, se non transita qualcuno nel momento in cui il malcapitato va giù, non è possibile vedere l'auto precipitata e portare soccorso. Non parliamo poi se per caso c'è nebbia (da noi c'è anche quando non c'è da altre parti), il disgraziato potrebbe aspettare giorni prima di essere trovato!!

 

Non basta mettere cento cartelli con il limite dei 50 chilometri orari per salvarsi dalle responsabilità, è una grande leggerezza per un problema molto serio, in quel tratto di strada ci si ammazza anche se si va giù ai 20 km orari. Si tratta di 5 chilometri di strada, ma sono molto pericolosi, con questa mia denuncia ufficiale auspico che non si aspetti che succeda una tragedia per prendere le misure obbligatorie per mettere a norma il tratto di strada in questione, strada che peraltro nella bella stagione è molto trafficata essendo l'unico collegamento verso i lidi a nord di Ravenna.

Franca Lolli

8Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Poi non si capisce xche' su via S. Alberto verso Ravenna all'altezza del bar Ca' Bosco, vige il limite dei 70kmh, con un tratto in curva, serie di incroci, fermate della corriera e PASSAGGIO PEDONALE...... mah, col limite dei 50 usato quasi ovunque, quello dei 70 in quel tratto e' da pazzi....

    08/01/2017 - elio62

  • Gentile signora Franca, devo darle pienamente ragione. La totale carenza di risorse e di, fino al 4 dicembre, prospettive istituzionali (ricordo il recente referendum) hanno impedito l'esecuzione dell'intervento da lei correttamente indicato. L'istituzione del limite a 50 km/h è pertanto da considerarsi temporaneo, in attesa di provvedere all'installazione del guard-rail nel più breve tempo possibile. Ing. Paolo Nobile

    08/01/2017 - paolo nobile

  • Purtroppo noi automobilisti ci lamentiamo sempre. Ma un motivo c'é. Le amministrazioni per togliersi dalle responsabilità mettono limiti a 50 Km/h, a volte dove la strada è dissestata anche a 30 Km/h. Così se si ha un incidente, loro sono in regola con i cartelli. Non mi sembra giusto per niente. Le strade andrebbero aggiustate, non togliersi dalle responsabilità. Grazie

    08/01/2017 - Raffaele

  • Non rompete i maroni che poi finisce che mettono un velox anche li hahhahaahahahah

    08/01/2017 - Agostino

  • signora franca al giorno d'oggi non esistono,purtrppo,strade sicure e la colpa maggiore è di noi guidatori troppo distratti e imprudenti.La via Molinazza,mi sembra provinciale,è ancora più rischiosa(lim.70KM)

    08/01/2017 - tony

  • La risposta dell'ing. Nobile mi sembra poco credibile. la via Basilica esiste da decenni. Ed è pericolosa e sopraelevata da decenni. Quindi il referendum e la crisi non c'entrano nulla. Forse è più vicino al vero che chi doveva intervenire ha pensato ad altro. Su Ca bosco e San Romualdo, in cui servirebbero due autovelox fissi si aspetterà il morto, o i morti per installarli. Fino ad allora questo tratto di provinciale continuerà ad assomigliare a ....Le Mans.

    08/01/2017 - Davide Battistini

  • Percorro spesso la Basilica, da Alf verso Casalborsetti. Faccio presente che DI FATTO NESSUNO, ripeto NESSUNO, viaggia ai 50 Km/h. Io viaggio sui 60/70 e vengo quasi sempre sorpassato... Tant'è... A QUANDO una soluzione sostenibile ?!?

    09/01/2017 - angelo antonellini

  • Ringrazio l'Ing. Nobile per la sua risposta, ma il sig. Davide Battistini mi ha tolto le parole di bocca. Il problema c'è sempre stato, mi stupisco che non sia mai stato segnalato da alcuno, tantomeno dagli amministratori, anche locali, che si sono succeduti in tutti questi anni. Non si tratta di aspettare i risultati referendari o che adesso non ci sono soldi per fare alcun lavoro sulle strade. E' altrettanto reale anche il problema della strada provinciale Via Molinazza, che percorro giornalmente, dove il limite, assurdamente, è di 70 km. orari in una strada stretta, con curve e profondi fossati laterali anche con acqua. Così com'è altamente rischiosa la percorrenza della Via Sant'Alberto nei pressi di S.Romualdo e di Ca' Bosco (con il bruttissimo incrocio con Via Cerba), una strada che nel corso degli anni ha visto tanti incidenti anche mortali.

    09/01/2017 - FRANCA LOLLI



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it