Progetto "Ravenna in Darsena": arrivano i 12,8 milioni promessi, la conferma dal Sindaco

Progetto "Ravenna in Darsena": arrivano i 12,8 milioni promessi, la conferma dal Sindaco
Michele de Pascale

"Una buona notizia, abbiamo la conferma ufficiale che Ravenna riceverà il finanziamento di 12,8 milioni di euro per la realizzazione del progetto "Ravenna in Darsena il mare in piazza" che abbiamo candidato ad agosto al Bando Periferie." Così il Sindaco Michele de Pascale sulla sua pagina Facebook. 

Davvero una buona notizia che piomba su Ravenna in questo martedì pomeriggio d'inverno. Ravenna e l'amministrazione comunale ci speravano. Il sindaco aveva detto già in altre occasioni che aveva ricevuto rassicurazioni dal governo sul finanziamento dei vari progetti, fra cui quello di Ravenna. Il più importante è quello relativo al rifacimento del sistema fognario in destra canale.

 

"Confermati i 12,8 milioni di euro per il progetto "Ravenna in Darsena il mare in piazza"... Inizieremo a lavorare da subito alla progettazione esecutiva. Questo progetto ha dimostrato una grande generosità e attenzione da parte della città rispetto ai suoi luoghi pubblici simbolo" ha commentato l'assessore Federica Del Conte.

 

Il Progetto unitario "Ravenna in Darsena il mare in piazza" fu deliberato in Giunta il 25 agosto e presentato il 26 agosto e in quella occasione l'assessore alla Rigenerazione urbana Federica Del Conte aveva affermato: "Abbiamo così raggiunto un primo traguardo, non scontato vista la ristrettezza dei tempi, lavorando in squadra con i privati che hanno manifestato interesse a partecipare al bando. Con i soggetti privati abbiamo sancito gli impegni e le modalità per le rispettive progettazioni definitive ed esecutive da realizzarsi in caso di aggiudicazione dei contributi. Ringrazio tutti i tecnici comunali e privati che si sono impegnati nella redazione di questo progetto unitario, gli enti pubblici e tutti i privati che hanno partecipato rispettando i termini del bando. Colgo l'occasione per sottolineare che come Amministrazione comunale manteniamo una grande apertura nei riguardi dei privati che non avevano le condizioni per partecipare a questo bando e che vorranno proporci idee per la riqualificazione della Darsena".

 

“Voglio ringraziare tutti i tecnici dell’amministrazione e degli enti che ci hanno supportato, l’Autorità Portuale in primis, e anche i tanti privati e i loro tecnici che, nel poco tempo a disposizione, hanno dato vita ai progetti per prendere parte a questa candidatura. La dimostrazione di una città che manifesta una così forte generosità e attenzione rispetto ai suoi luoghi pubblici simbolo, è già una bella vittoria - aveva dichiarato il sindaco Michele de Pascale -. Tanta progettualità e la conseguente disponibilità a investire appare tutt’altro che scontata, rappresenta una scelta coraggiosa da parte degli imprenditori che con la partecipazione a questo bando s’impegnano ufficialmente a realizzare gli investimenti. Nel progetto c’è il mix di tutti quegli aspetti di cui da tempo si parla per la nostra darsena, dagli interventi meno impattanti di riuso temporaneo (come Darsena Pop Up), fino a interventi di riqualificazione più strutturati (come quello che riguarda il Sigarone); è chiaro che l’intervento macro di risanamento ambientale d’investimento sulla rete fognaria rappresenta la pre-condizione alla realizzazione degli altri interventi. Sono molto contento del risultato che abbiamo conseguito, ottenere il finanziamento sarebbe un successo straordinario, in ogni caso questo progetto ci ha dato modo di quantificare in maniera molto chiara le criticità, le priorità d’investimento e non ultimo di sapere che c’è un numero significativo di privati che, a fronte delle opere di risanamento, sono disponibili a prendersi l’impegno ad investire”.

 

L'ELENCO DEGLI INTERVENTI: OTTO INTERVENTI PRIVATI E QUATTRO INTERVENTI PUBBLICI

1 - Prolungamento sottopasso binari stazione e mobilità sostenibile (intervento pubblico)

2 - Potenziamento nodo intermodale di Piazzale Aldo Moro

3 - Le piattaforme per il diritto alla cittadinanza digitale - Politiche inclusive nella Darsena di Ravenna (intervento pubblico)

4 - Pontile per l’accesso all’acqua e collegamento con il mare in mobilità sostenibile

5 - Servizio trasporto passeggeri - visite guidate - itinerari didattici

6 - Controllo integrato in Darsena (intervento pubblico)

7 - Infrastrutturazione fognaria e per il cablaggio in fibra ottica in Dx canale - 1° stralcio (intervento pubblico)

8 - Passeggiata lungocanale - 1° Stralcio

9 - POP UP 2° stralcio - sport nautica ricerca

10 - Archeologia industriale - recupero del cosiddetto SigarOne

11 - Archeologia industriale - recupero del magazzino cosiddetto Area T

12 - Orti inclusione sociale e welfare urbano

 

I materiali si trovano sul sito del Comune al link http://www.comune.ra.it/Notizie-di-copertina/Ravenna-in-Darsena-il-mare-in-piazza.-Bando-per-intervento-di-riqualificazione-urbana-e-sicurezza-delle-periferie-citta-metropolitane-e-comuni-capoluogo-di-provincia

 

10/01/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Un'ottima notizia! Questa volta finalmente arriveranno soldi veri per la Darsena. Complimenti al Sindaco e a tutti quelli che hanno lavorato per questo risultato! Dopo anni di parole finalmente i fatti......
10/01/2017 - Paolo
La cosa mi lascia molto, molto dubbioso... Ci sarebbero da (ri)fare tante strade a Ravenna, tanti lavori di ristrutturazione importanti, ma noi investiremo in altro cemento quasi inutile... Sindaco sindaco... il turismo non lo si rinvigorisce cosi.
10/01/2017 - Roberto
E il cementificio?
10/01/2017 - s
Speriamo che siano spesi bene e non usati come popup dello scorso anno. Speriamo
10/01/2017 - Cristina
Una notizia buona e una cattiva.La buona è che sono confermati i 12,8 milioni. la cattivae che per quest'anno sono stati finanziati solo i primi 24 progetti, Ravenna è al 73° posto quindi non si sa quando arriveranno, se ne riparlerà (forse) nella prossima legge di stabilità.
10/01/2017 - dd
A parte il fatto che buon parte dei soldi andranno spesi per la sistemazione degli impianti come rete fognaria, vorrei far notare che posso arrivare tutti i soldi che vogliono ma se non si sanno spendere bene salterà sempre fuori obbrobri come piazza Kennedy e la rotonda ancora non terminata in via ravegnana, quindi cosa ci aspetterà lacrime o risate?
10/01/2017 - marco74
Io capisco che ci si entusiasmi per un progetto per cui si è lavorato; è l'affermazione del proprio impegno e delle proprie visioni. Non c'è niente di male, anzi. Non sono un esperto di bandi et similia, ma leggendo la classifica della Gazzetta Ufficiale, dove Ravenna è alla posizione 73 su 120 partecipanti, e leggendo che dalla posizione 25 in avanti si dovranno attendere “risorse che saranno successivamente disponibili“, mi viene da rispondere che Paolo dovrà attendere ancora un po' prima di tirare fuori i festoni e fare il trenino. Io festeggerò con famiglia ed amici, una volta che il progetto sarà attuato. Le promesse e i proclami ormai mi entrano da un orecchio e mi escono dal... dall'altro orecchio
11/01/2017 - Alessandro
Prima di fare inutili salti di gioia e propaganda.....leggete il testo pubblicato sulla gazzetta ufficiale....
11/01/2017 - Andrea
il progetto di Ravenna ha ottenuto il 73' posto in graduatoria. Al momento i fondi saranno stanziati per i primi 24 (e solo successivamente alla presentazione dei rispettivi progetti esecutivi). per gli altri non sono stati definiti tempi. cantar vittoria pare un tantino prematuro.. ma l'importante è sempre saperla raccontare...
11/01/2017 - lettore
ma il progetto per il quale verranno impiegati qual è???
11/01/2017 - ele
Mi chiedevo come mai non si faccia cenno al fatto che Il progetto si sia piazzato, nel cosiddetto "bando periferie" al 73' posto su 120 e che soltanto i primi 24 saranno finanziati subito con uno stanziamento di 500 milioni memtre per gli altri – Ravenna compresa – lo Stato ha deciso di provvedere (forse dico io) con risorse che saranno solo "successivamente disponibili". Ora, posto che fra cambi di governo elezioni ecc ho l'impressione che ci sia poco da fidarsi, mi pareva giusto che per onore di cronaca la notizia venisse fornita interamente. Speriamo comunque, per amore della nostra città e per le potenzialità che questa area può avere, che non finisca tutto in una bolla di sapone.
11/01/2017 - Nicola Grandi
Al sig sindaco, se si avanzano due soldi non è che Si potrebbe potenziare il servizio pubblico da piangipane?
11/01/2017 - Dom
Buongiorno,volevo associarmi al plauso e congratularmi con l amministrazione comuna per il progetto Darsena. Voglio aggiungere che per u a migliorvalorizzazione della darsena sarebbe necessario poter rende accessibile e navigabile il trat di canale Candiano sino alla fine dello stesso( alle spalle della stazio ferroviaria); in modo tale che i natanti da diporto possano arrivare praticamente quasi in centro e creerebbe un introito economico per la città oltre che presentare un opportunità di accesso particolare per visitare la nostra Ravenna.
11/01/2017 - marco 62
Date un po' di soldi al bitumificio, cosi finalmente si "toglie dai piedi"!!!!!
11/01/2017 - marco
Riqualificare la darsena mi piace come progetto, mi piacerebbe immaginarla come i navigli a Milano con la passeggiata ed i locali... impegnamoci su
11/01/2017 - Mattia Il bello
che bravo il cervese non avrà nulla e sbandiera il finanziamento, tipico politicante tante frottole e null' altro ... forse non ha letto bene vengono finanziati i primi 24 progetti(FORSE) il nostro è al 73 posto campa che l' erba...
11/01/2017 - mirco
Che risate grasse! Soldi che non arriveranno mai. (nel caso arrivassero dopo esserseli spartiti per benino ne rimarrebbero pochi per qualsiasi progetto).
11/01/2017 - Matteo Pasi
Ma di che soldi in arrivo stiamo dicendo???? sono i primi 24 ad avere i soldi subito.
11/01/2017 - alberto
Io sono come Tommaso... se non lo vedo non ci credo!
11/01/2017 - Tax19
...ma chi vive sperando......
12/01/2017 - giovanna
la vittoria del si.. ha pagato!:-))))
12/01/2017 - stalin
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.