Mercoledì 29 Marzo 2017

LA POSTA DEI LETTORI / Bando periferie, per Ravenna un'altra occasione persa

Mercoledì 11 Gennaio 2017 - Ravenna

Classificati al 73esimo posto, e quindi fuori dai primi 24, per i finanziamenti pubblici; sembra ripetersi la vicenda di Ravenna Capitale Europea della cultura. Un amministrazione che non riesce a presentare progetti adeguati a convincere giurie esterne a quelle dello stesso PD, progetti che appena escono da quello che è il contesto ravennate, dove l’amministrazione la fa da padrona, ricevono sonore sconfitte.


A perdere i benefici sono però sempre i ravennati che in buona parte hanno già capito di chi sono le responsabilità: alle ultime comunali il PD  è stato costretto ad uno  storico ballottaggio in cui il voto ha dimostrato la spaccatura tra città e forese, dove in città l’amministrazione PD non è più gradita e la vittoria è arrivata in gran parte per merito di un sostanziale calo di affluenza rispetto al primo turno.

Presentare un progetto per la Darsena di città dove 8 milioni di fondi devono essere destinati al rifacimento delle fogne non ci pare una grande innovazione da poter essere premiata ma pare un voler sfruttare un bando per coprire le proprie mancanze verso la città.
Questa amministrazione non ha nessun piano di manutenzione delle aree verdi come dimostrato dalle condizioni in cui versano, che attende addirittura una raccolta fondi di volontari per mettere mano alla sistemazioni di aree verdi come la Rocca Brancaleone; strade in condizioni disastrate, un centro storico ormai abbandonato a se stesso, un porto sfruttato al minimo delle proprie potenzialità, aree di città al collasso per mancanza di parcheggi ecce ccc come si può  pretendere di essere competitivi se non si sa gestire nemmeno l’ordinario ?

Ma anche i recenti dati sul turismo culturale hanno evidenziato quanto Ravenna sia lontana dal saper sfruttare le risorse importanti del territorio. Come mai Gradara sfruttando Dante riesce a raccogliere 213.000 visitatori e noi sommando il Battistero degli Ariani e il Mausoleo di Teodorico ci fermiamo a 141mila visitatori? Come mai non riusciamo a spostare i 160mila visitatori di sant’Apollinare in Classe verso gli altri gioielli della nostra bella città?

Ricordando appunto il Dante Alighieri mi vien da dire “Ahi serva Ravenna, di dolore ostello, nave senza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello!”.

Mauro Bertolino – Forza Italia

9Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Forse il progetto lo hanno fatto sempre quelli della riqualificazione di Piazza Kennedy...

    11/01/2017 - P.S.

  • Forse il progetto lo hanno fatto sempre quelli della capitale della cultura...

    11/01/2017 - angelo

  • Ma come!! Il sindaco è soddisfatto! Son tutti la che festeggiano! Evviva!

    11/01/2017 - Matteo Pasi

  • Forse sarebbe veramente ora di mandare a casa parecchia gente, ma alla fine non si ha mai il coraggio di cambiare :-(

    11/01/2017 - Sole

  • Per niente lo hanno fatto coloro che investono (a sapere chi sono), tutt'altro coloro che debbano curare l'interesse dei cittadini o del porto! Basta vedere come è messo il forese di Ravenna per capire tutto!

    11/01/2017 - landi

  • Ragazzi non ditemi che non hanno inserito lo sblocco della messa in sicurezza della Sp3 di cui lo stato ha stanziato (primo piano nazionale di sicurezza stradale) i soldi ma la provincia non sa dove trovare qualche spiccioli che doveva programmare, sarebbe il colmo!?

    11/01/2017 - Com. Gambellara

  • Hanno trovato l'ennesimo/a Signor SI e hanno presentato la solita boiata! provate ad immaginare lo stupore di chi ha esaminato tutti dossier e ha costato la povertà tecnica e il contenuto stupido della proposta! sono danni incredibili per l'immagine di Ravenna e dei Ravennati. Secondo me un protesta bisogna farla e farci sentire: ormai siamo lo zimbello della situazione!

    11/01/2017 - emilio

  • Sole, approvo in pieno ed aggiungo anche che chi continua ad eleggere sempre i soliti compagni e un asino coi paraocchi!

    11/01/2017 - Lu

  • ...rtaccci loro tutti a casa con il sindaco in testa

    20/01/2017 - Hulius



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it