Omicidio Ballestri: l'impronta di sangue sul frigorifero sembra appartenere a Cagnoni

Omicidio Ballestri: l'impronta di sangue sul frigorifero sembra appartenere a Cagnoni
La polizia scientifica al lavoro nella villa di via Genocchi

Il perito del tribunale, che ha svolto l'incidente probatorio, ha stabilito che il rilievo della traccia refertata dalla Polizia Scientifica di Bologna per il confronto con le impronte digitali del sospettato, è stato eseguito correttamente

L'impronta digitale impressa nel sangue, rilevata dalla Polizia Scientifica di Bologna sulla parte superiore del frigorifero che si trova nello scantinato dove è stato ritrovato il corpo senza vita di Giulia Ballestri, sembrerebbe appartenere al marito Matteo Cagnoni. È quello che emerge dal risultato dell'incidente probatorio, richiesto dalla Procura e realizzato dal perito del Tribunale Oscar Ghizzoni, che ha stabilito che il metodo utilizzato per rilevare le impronte nella villa dell'omicidio è corretto, confermando implicitamente i risultati emersi dai confronti realizzati dalla Scientifica in ottobre, che avevano rilevato 16 punti comuni tra l'impronta e quella di Cagnoni.


Ora bisognerà attendere il confronto ufficiale con il calco delle impronte di Cagnoni, ma questa costituire a tutti gli effetti la "prova regina" che inchioderebbe il dermatologo e marito della donna. La notizia è riportata questa mattina dal Resto del Carlino di Ravenna, in una articolo a firma di Lorenzo Priviato.

Il perito ha anche rilevato la correttezza della rilevazione relativa all'altra impronta digitale rinvenuta nell'appartamento di via Genocchi, collocata questa volta sullo spigolo del corridoio, a meno di un metro dal pavimento. Su questa non è ancora stato compiuto però alcun confronto e si attendono i risultati della comparazione.

11/01/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Frigor ?!?!
11/01/2017 - Sergio
Perchè, qualcuno ha dubbi su chi è il colpevole? Forse qualche massone?
11/01/2017 - mara
Sarebbe meglio evitare di pubblicare articoli fuffa pieni di condizionali. A parte il fatto che un'impronta E' o NON E' di qualcuno, non si può sentire "sembra appartenere".
11/01/2017 - MC
Come mai non era stata trovata allora? Forse, tra tre mesi ne troveranno un'altra?
11/01/2017 - Ermes
Grande MC , non si possono leggere delle notizie cosi non Notizie. @Mara, indubbiamente il Dott Cagnoni non ha la faccia da simpatico, e ho il sospetto, a livello di sentore personale, che lui sia il colpevole, ma da qui a fare passare il mio sentore per verità.... ce ne passa, Forse Lei ha una conoscenza delle perizie e dei rilievi degli inquirenti tali da poter giungere a questa prematura sentenza. Ci saranno pure garantisti non massoni..
11/01/2017 - ANNA M
Forse Mara non sa che per fare i Giudici è necessaria una laurea in giurisprudenza e il concorso in magistratura, non basta la connessione internet
12/01/2017 - fabio
Io ancora oggi,contro ogni logica, visto quello che i giornali ci fanno sapere spero che non sia lui il colpevole. Non tanto per lui ma per quei poveri bambini che hanno perso una mamma e se lui fosse colpevole resterebbero anche senza un papà.
12/01/2017 - Fragolamilly
Bene allora! Quanto sareste disposti a scommettere che il sig. Cagnoni non è colpevole... sinceramante!
12/01/2017 - mara
Ma ognuno è libero di pensare ciò che vuole? Laurea non laurea....sono le prove alla fine che fanno la differenza. E se hanno scritto "sembrerebbe", è per ché evidentemente sanno già qualcosa, ma prima di dare la notizia ufficiale devono aspettare....Comunque, non dimentichiamo che,per uno che viene arrestato immediatamente,i sospetti devono essere fortissimi....Poi per carità ,si possono sempre sbagliare.....
12/01/2017 - Paola
Magari non lo fosse proprio solo per quei poveri bambini.... .
12/01/2017 - giovanna
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.