Il Pri Ravenna: “Ecco la nostra proposta per l'Accademia in centro città”

Il Pri Ravenna: “Ecco la nostra proposta per l'Accademia in centro città”

Gli esponenti del partito propongono la sua collocazione negli spazi della ex caserma di via Bixio. "Insediamento di prestigio che ben si adatta al potenziale straordinario dell'Accademia"

Il vicesegretario del PRI Stefano Ravaglia e i consiglieri comunali dell'Edera Giannantonio Mingozzi e Chiara Francesconi nel condividere le valutazioni che lo studente dell'Accademia di Belle Arti di Ravenna Carlo Montrasio ha indirizzato al Sindaco, avanzano alcune idee affinchè il prestigioso Istituto artistico possa tornare nel centro cittadino.

“Come repubblicani lo abbiamo sostenuto nella recente campagna elettorale delle amministrative - si legge nella nota diramata dall'ufficio sampa del partito - e intendiamo tradurre in atti concreti il nostro programma. Ad inizio mandato il vicesindaco Eugenio Fusignani ha sottolineato le stesse ragioni che lo studente Montrasio ha evidenziato: il potenziale dell'Accademia di Belle Arti, oggi ben gestita e diretta e in crescita di iscritti, è straordinario ed una sede cittadina ne amplierebbe il richiamo internazionale e la stessa capacità di rilanciare il valore dell'insegnamento del mosaico. L'Istituto è oggi a tutti gli effetti parificato all'insegnamento universitario e la sua collocazione entro le mura cittadine consentirebbe anche un rapporto più stretto col dipartimento ravennate di conservazione dei beni culturali. Ogni studio artistico ed iniziative di diffusione dei corsi come l'esposizione dei lavori e la dimostrazione pratica degli allievi otterrebbe una risonanza turistica e d'interesse incomparabile rispetto alle possibilità offerte dall'attuale sede decentrata".

Ravaglia, Mingozzi e Francesconi sottolineano come "si potrebbe lavorare da subito per una collocazione adeguata negli spazi - continua il comunicato stampa - della caserma di via N. Bixio, in fase di dismissione e di possibile passaggio dal patrimonio dello Stato alla competenza e alla disponibilità del Comune. I lavori di bonifica dell'area missilistica sono ormai terminati e tutto l'ambito della caserma, anche la parte vincolata dalla Sovrintendenza costituirebbe un insediamento di prestigio che l'utenza dell'Accademia e quella universitaria (interessata a quest'ultimo ad una sede logistica con posti letto e servizi) renderebbero di grande valore".

"Se pensiamo poi che la vicina sede dell'Istituto Olivetti - concludono gli esponenti del Pri ravennate - appartiene al Comune, un domani unificati i due corpi ne deriverebbe un tutt'uno straordinario dedicato al mondo degli insegnamenti artistici ed universitari ravennati. Va esaminata, infine, la possibilità di rendere fruibile per l'Accademia, una volta insediata in via N. Bixio, una sala espositiva nel Palazzo Rasponi appena ristrutturato per esporre quanto di più interessante l'istituto propone, dai gessi recuperati alla collezione di manifesti ed alle collezioni musive e di straordinario pregio artistico che oggi appartengono al patrimonio invisibile dell'arte ravennate”.

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
PRI: dov'eri primna?
24/01/2017 - susy
Il problema logistico della scuola di belle arti non credo proprio debba avere la priorità rispetto ad altri . L'attuale struttura è a meno di 10 minuti a piedi dal centro della città. Adeguare i locali della caserma Nino Bixio vuol dire spendere centinaia di migliaia di euro e avere la struttura pronta fra 20 anni . Piuttosto il PRI in giunta da sempre dovrebbe giustificare i 180.000 euro (fonte cambieRa) annui spesi per la locazione dei locali dell'attuale struttura.
24/01/2017 - Klaudio
Sembra una buona proposta, perché l'ex "vice sindaco" non l'ha fatta anni fa? Ci voleva uno studente straniero per prendere atto di come si è messi a Ravenna sia con l'accademia che con l'insegnamento e la vicinanza dell'immenso patrimonio artistico?
24/01/2017 - roberta
Ma non è lo stesso partito che aveva il vicesindaco con deleghe alla scuola e università nella precedente amministrazione?
24/01/2017 - angelo
Se il PRI aveva già una proposta per riportare l'Accademia in centro perché non l'ha divulgata prima della lettera dello studente tedesco? A pensare male si potrebbe pensare che il PRI non avesse alcuna proposta
25/01/2017 - Tax19
Siete caduti dal pero?
25/01/2017 - oponopono
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.