Felice Nittolo: "La 'buona scuola' fa sparire il mosaico. È ora di un grande Polo Artistico Musivo"

Felice Nittolo: "La 'buona scuola' fa sparire il mosaico. È ora di un grande Polo Artistico Musivo"
L'Istituto Severini di Ravenna

"Sessant'anni fa nasceva l'Istituto Statale d'Arte per il Mosaico di Ravenna (in seguito intitolato a Gino Severini). Tutti gli Istituti d'Arte d'Italia nacquero per la necessità di conservare, tutelare, tramandare e rinnovare le specificità e le eccellenze territoriali di cui il Bel Paese è talmente ricco che tutto il mondo ci invidia e ci imita."

 

"E' incredibile che con l'ultima riforma della 'buona scuola' di alcune di queste specificità ci si 'dimentica'. In pratica è sparita la parola mosaico e qualsiasi docente di 'Arti Figurative' potrà insegnarlo. E' questo quello che potrà succedere al nostro Istituto Severini che già oggi si trova all'interno dell'istituzione 'Liceo Artistico Nervi-Severini' con l'indirizzo 'Arti Figurative'. E pensare che la mia scelta di vivere a Ravenna fu dettata proprio da quell'innamoramento al mosaico che nel 1968 mi portò in questa città dall'Accademia di Belle Arti di Napoli."

 

"Finchè chi orienta i programmi ministeriali non saprà riconoscere le peculiarità dei territori andremo avanti disconoscendo le nostre stesse origini! Ravenna e le eccellenze del suo territorio sono state capaci di farmi innamorare a tal punto da averla scelta come 'patria' adottiva. Infatti ogni mia attività artistica e culturale è nata unicamente ispirata dal e per il Mosaico millenario custodito in questa città. La luce che emana il mosaico di Ravenna non è uguale a quella dei mosaici di altre città e altre tradizioni: è questa luce che il docente di mosaico, a Ravenna, trasferisce ai suoi allievi!"

 

"Qualsiasi insegnante di 'Arti Figurative' non potrà sapere che nel 'mosaico di Ravenna' la tessera è rivolta all'osservatore con il lato che la martellina ha 'tagliato' (creando miriadi rifrazioni e riflessioni di luce). Qualsiasi insegnante non potrà trasmettere che la stessa tessera va inserita nella malta con una 'leggera inclinazione' in modo da poter 'attirare' l'osservatore alle vibrazioni della luce. Tutto questo e molto altro sono le eccellenze del mosaico di Ravenna che, invece, si 'appiattiscono' ogni volta che si realizza una 'cornice per specchio' di cui Ravenna è già piena da anni."

 

"Oppure si può 'annullare tutta questa luce' continuando ad inserire nelle architetture ravennati i 'mosaici di Invader' (per carità rispetto sempre il lavoro di tutti gli artisti) che educano all'appiattimento della superficie musiva, cioè all'annullamento di tutta la nostra storia. Ogni volta che mi trovo all'estero (ma anche in Italia) constato che è questa la luce che ci invidiano e che ha fatto si che la città possiede ben otto monumenti riconosciuti patrimonio dell'Unesco. E noi cosa facciamo? Non voglio credere che ci sono politici che remano contro i principi di cultura e crescita del proprio territorio!"

 

"La mia esperienza di docente al Severini è stata lezione di vita e crescita culturale e artistica tanto che oggi molte città Europee e internazionali riconoscono la ricerca e la sperimentazione che il lavoro d'Artista mio e di tanti altri, come faro di innovazione e di ispirazione per le generazioni di giovani che sempre più si avvicinano a quest'arte pregna di fascino. A proposito di futuro del Mosaico e di Ravenna vedrei un unico grande Polo Artistico Musivo che si può sviluppare anche in un grande sito (tipo Bauhaus) e che parte dalla scuola di ogni ordine e grado fino a giungere all'Accademia di Belle Arti e all'Università. Naturalmente dovrà interessarsi di tutti gli indirizzi, da quello didattico a quello artistico, da quello scientifico a quello produttivo, dalla conservazione al restauro, dalla decorazione alla ricerca."

 

"Penso che sia giunta l'ora di programmare un grande convegno (magari in occasione dei 60 anni dell'Istituto Severini) che coinvolga la città del mosaico e di Dante, ma anche il ministro e gli addetti all'istruzione che hanno 'dimenticato' di salvaguardare il mosaico come hanno fatto con l'alabastro e il corallo."

 

Felice Nittolo

16/02/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
parole sante - e cosa si poteva fare in piazza kennedy che ha davanti un palazzo con mosaici moderni bellissimi e soprattutto ignoranti credo dai ravennati- magari si potesse fare un comitato di cittadini a difesa e portavoce di questa iniziativa -
16/02/2017 - Leo
Benissimo! Diteci cosa dobbiamo fare noi cittadini e noi lo facciamo. Non si può ignorare così la nostra storia come niente fosse.
17/02/2017 - simo
ecco.... con un altro bel convegno risolveremo tutto. Come sempre
17/02/2017 - jack feste
essendo anch'io insegnante al Severini da oltre 20 anni, ed innamorata del mosaico con le peculiarità solo ravennati e una sorta di misteriosa maestria sottesa, tramandata sapientemente in questa scuola, mi auguro la questione venga presa seriamente e al più presto!
17/02/2017 - Silvia Colizzi
Felice Nittolo FOR PRESIDENT!!!!
17/02/2017 - Titti
Intervento necessario e pregnante, con un peso notevole visto che lo firma un artista e docente come Nittolo, mettendo il dito nella piaga della questione: "Quale futuro per la trasmissione della didattica del mosaico ravennate?"
17/02/2017 - Luca Maggio
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.