Lugo, bimbo morto in incidente stradale: il padre era alla guida ubriaco

Lugo, bimbo morto in incidente stradale: il padre era alla guida ubriaco

Emergono raggelanti dettagli sull'incidente che sabato sera, attorno alle 22, ha stroncato la vita di un bimbo di appena 5 mesi e della sua giovanissima mamma, di 25 anni: alla guida dell'auto impazzita, che come un proiettile ha percorso il rettilineo di via De Brozzi a Lugo, c'era il padre, 24 anni, che guidava ubriaco e senza patente. Lo rende noto il Resto del Carlino, nella cronaca odierna, precisando che l'uomo avrebbe cercato anche di depistare le indagini, dicendo che si trovava a piedi.


Scusa adottata per evitare che emergesse che si trovava alla guida dell'auto privo di patente, visto che gli era stata ritirata per precedenti infrazioni. Il Pm Stefano Margiotti ha aperto sul caso un fascicolo per duplice omicidio colposo.

20/03/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Omicidio "colposo"? Dissento, qui si tratta almeno di "dolo eventuale". In galera, per cortesia.
20/03/2017 - Ludovico
Purtroppo, questo soggetto non proverà alcun rimorso, per avere distrutto due giovani vite.
20/03/2017 - Ravennate24ore
Dalle foto si capisce che non faceva i 50 ! La macchina è distrutta e quel "padre" (rumeno) e' veramente un incosciente! Quanto mi dispiace per il piccolo!
20/03/2017 - geng
in galera a vita!!!!!
20/03/2017 - massimo
Ravennate24ore,come ti permetti di dire che non proverà alcun rimorso forse sei dentro la sua testa? Mi fai pena, provo pietà per te
20/03/2017 - Angelo
geng, piu'che incosciente io lo definirei delinquente...Non e'possibile stroncare in questo modo due giovani (giovanissime) vite...Purtroppo nel caso di persone infami come questa neanche la galera (ammesso che ci vada) servira' a qualcosa...
20/03/2017 - mickyari
E buttate via la chiave......
20/03/2017 - elio62
e pensare che ci sono tante persone per bene e con tanti mezzi a disposizione che non riescono o non possono avere figli. e questa "gente" (non definibile come tale ma non ho termini pubblicabili a riguardo) considera un niente quello che ha......
20/03/2017 - E
Credo che non ci sia pena più pesante di quella di avere sul groppone della coscienza il fatto di essere il colpevole della morte di tuo figlio....sei l'assassino di tuo figlio e di tua moglie...non c'è galera che tenga il confronto!!
20/03/2017 - Gpl
Delinquente!!!!!!!!!!!
20/03/2017 - bc
per Angelo: se anche avesse dei rimorsi glieli auguro a vita! queste sono tragedie che si possono evitare e ci dobbiamo tutti ritenere fortunati di non aver incrociato la sua traiettoria poteva uccidere tante altre persone!
20/03/2017 - gg
La galera è un provvedimento costoso che non serve a niente. Io propongo l'interdizione a vita dalla patente e l'Irpef al 70% a vita, con proventi a favore dell'estraneo che ha subito il suo danno o (se come in questo caso fortunatamente non ve ne sono) alla collettività
20/03/2017 - Marco O.
Sig. Angelo lo sà che questo elemento, dopo avere ucciso la sua compagna e suo figlio perchè senza patente , ubriaco e guidando come un pazzo, era così sconvolto che la prima cosa che ha fatto è dichiararsi estraneo al fatto, avrebbe tentato di depistare gli accertamenti riferendo una ricostruzione incredibile: «Ero a piedi, mi hanno investito». Faccia le sue considerazioni su questo prima di parlare a vanvera.
20/03/2017 - stig
@-angelo. Neppure tu puoi sapere se prova o proverà rimorso.Mi fa pena sapere che due creature sono morte, e la pietà dovresti provarla per qualcunaltro!
20/03/2017 - Gio
Dalle notizie del Tg era pure senza patente Un esempio per tutti.!!!
20/03/2017 - Filo
Gentili signori, sempre facile sputare odio invece di avere solo un momento di riflessione silenziosa sulla responsabilità pesante che comporta la guida di un auto. Perchè ogni giorno per strada vedo continue imprudenze, sorpassi azzardati, precesdenze mancate, attuate da ITALIANI DOC. siamo sicuri che tra tutti voi indignados non vi sia nessuno che con magari il figlio dietro, apostrofa la signora accanto a loro con epiteti non ripetibili perchè và troppo piano e lui asso del volante dietro non ci può proprio stare. Tutti santi qui? Siamo certi?
20/03/2017 - simona
Le mie condoglianze vanno ai nonni tutti riguardo al papa credo che la abbia capita bene che alcol e guida non vanno daccordo e che prima o poi si devono fare i conti sulle malefatte
20/03/2017 - Dom
Un vero pezzo di m... !! I giornali riferiscono che, dopo aver ucciso due persone, ha provato a sostenere di non essere stato lui alla guida ed anzi che non era neppure in macchina con loro. Se questo risponde al vero di coscienza ne deve avere ben poca. Quindi in galera e buttare via la chiave!!
20/03/2017 - porter
Ma si sa chi è quest essere?
20/03/2017 - Memedesima
Come è crudele la vita, chi ha causato due morti innocenti se la cava, a volte penso che Dio non stia con le persone innocenti.
20/03/2017 - ALDO
Condivido gg e noto che il gran rimorso non gli ha impedito di cercare di depistare le indagini
20/03/2017 - artemio
@angelo: se avesse avuto un po' di testa non si sarebbe messo al volante ubriaco fradicio. E uno che ha una testa così marcia NON SA NEANCHE LONTANAMENTE COSA SONO I RIMORSI.
20/03/2017 - alberto
@Angelo, spiego: un uomo che, col figlio morto sull'asfalto a pochi metri, inizia ad inventare scuse, non ha una coscienza. Per tacere dell'essersi messo alla guida ubriaco, con il figlio in auto. Ometto, perché non ce n'è prova, le possibilità che stesse guidando in modo pericoloso e che il bimbo non fosse assicurato all'auto in modo corretto. La pietà al mittente.
20/03/2017 - Ravennate24ore
Mettersi al volante dopo aver bevuto ..e sapere che c è tuo figlio in macchina ..sei senza coscienza e senza cervello ..una mamma ..rimorso o non ...
20/03/2017 - Roberta
Marco, era già senza patente, ma guidava lo stesso; sai cosa gliene frega a soggetti del genere dei documenti!!
20/03/2017 - Stranger
Purtroppo chi era alla guida era un'incosciente.senza patente ubriaco e padre incosciente.basta riflettere su queste poche parole.non c'e galera che tenga.due vite innocenti stroncate.ha tolto la vita a un piccolo che aveva tutti i diritti di poterla viverla conoscerla da vicino. Famiglia distrutta e lui?sara'forse un giorno in grado di dire cosa ho fatto?ma nessuno gli ridara'indietro quella gioia che avrà provato nel diventare padre.la peggiore punizione
21/03/2017 - carla
L'avete lasciato entrare in Itaila? Ve lo tenete.
21/03/2017 - Giovanni lo scettico
@Angelo: tirando le fila dei commenti qui sopra, direi proprio che il commento fuori luogo sia il Suo, non il mio. Come può un uomo con un minimo di coscienza (necessaria, per provare rimorso) inscenare una commedia, in un frangente così drammatico, fatto di sirene, ambulanze e mezzi di soccorso? Mi dispiace, ma resto della mia idea.
21/03/2017 - Ravennate24ore
E se fosse rimasto al suo paese, problemi zero per noi ma non è facile, ora tutto a nostro carico, ma per quale risultato?
21/03/2017 - Mario
Pietà, Signore, pietà. Chi è senza peccato scagli la prima pietra! Il suo Angelo dal Cielo avrà certamente perdonato il suo povero papà.
21/03/2017 - maria luisa
... col figlio di 5 mesi morto, lì sull'asfalto, davanti ai suoi occhi, questo pensa solo a cercare scuse ed a dichiararsi estraneo ... Non credo si debba commentare oltre.
21/03/2017 - PAOLO79A
SIMONA IL SUO COMMENTO E' PATETICO...
21/03/2017 - PAOLO
...avrebbe cercato anche di depistare le indagini, dicendo che si trovava a piedi....con figlio & moglie morti a fianco per colpa sua! Altro che pietà per un soggetto simile, speriamo abbia un attimo di rimorso e tolga il disturbo prima di provocare altre vittime innocenti !!
21/03/2017 - Giampaolo
Gentile Simona, lei ha proprio ragione: ci sono già tantissimi italiani che si comportano male per la strada. Ma allora perchè dobbiamo farne venire dall'estero? Non potrebbero restarsene in Romania a guidare ubriachi?
21/03/2017 - Giovanni lo scettico
a lugo, presso camera mortuario si sono ritrovati quasi un centinaio di rom parenti dei defunti e sicuramente stanno organizzando delle ritorsioni nei confronti del padre e della sua famiglia, loro hanno una giustizia diversa dalla nostra e forse piu' efficace
22/03/2017 - Arturo
ecco ci manca anche la sparatoria tra clan rom alla camera mortuaria...
22/03/2017 - Angela
basta con questi stereotipi razzisti e manie da legge del taglione !
22/03/2017 - Armando
comunque ora è stato autorizzato il funerale, così l'accampamento si scioglierà, finalmente (che la polizia municipale mica gli faceva le multi per i camper abbusivamente parcheggiati davanti all'ospedale eh)
23/03/2017 - Alice
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.