Sale a quattro il bilancio dei morti nel naufragio della barca a vela sul porto canale di Rimini

Sale a quattro il bilancio dei morti nel naufragio della barca a vela sul porto canale di Rimini
Le ricerche con i visori notturni

L'imbarcazione era partita dal porto di Marina di Ravenna e si è schiantata sugli scogli del porto canale riminese a causa, pare, di un'avaria al motore e delle condizioni meteo avverse

Sono continuante ininterrottamente, anche durante la notte appena trascorsa, le ricerche dei dispersi, nel naufragio sul porto canale di Rimini. Grazie ai visori notturni (Night Vision Goggles - NVG) e all'addestramento specifico degli equipaggi dell'Aeronautica Militare e del 15^ Stormo, è stato possibile continuare le operazioni, anche dopo il tramonto, nonostante la scarsa visibilità e lo stato del mare abbiano reso difficoltosa la missione.


Purtroppo questa mattina il ritorvamento dei tre dispersi ha avuto un epilogo tragico: i corpi di due uomini e una donna sono stati ritrovati, due incastrati nella scogliera e uno all'altezza dello stabilimento balneare 44, trascinato dalla corrente marina. Sale così a quattro il bilancio dei morti, mentre due delle sei persone componenti l'equipaggio della barca a vela che si è schiantata contro gli scogli a causa del mare in burrasca sono sopravvissute, come riporta una notizia Ansa di questa mattina.

I due sopravvissuti sono Luca Nicolis, 39 anni (dimesso oggi), e Carlo Calvelli, 68 anni, arrivato in ospedale in condizioni di grave ipotermia: l'uomo è stato successivamente trasferito dal reparto di Rianimazione a un reparto a minore intensità di cura, non essendo più necessari sedazione e ventilazione artificiale.

Le vittime sono Alessandro Fabbri, cardiochirurgo di 68 anni, sua figlia Alessia, notaio di 38 anni (fidanzata di Luca Nicolis), Enrico Martinelli, 68 anni, dirigente d'azienda, di Verona, ed Ernesto Salin, 64 anni, originario di Camisano Vicentino.

La procura di Rimini ha aperto un fascicolo per naufragio colposo al fine di accertare le cause che hanno provocato l'incidente.

19/04/2017
 0

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.