De Pascale: "Se saltano gli introiti Imu e Ici dalle piattaforme, Ravenna perde 40 mln di euro"

De Pascale: "Se saltano gli introiti Imu e Ici dalle piattaforme, Ravenna perde 40 mln di euro"
Michele de Pascale

È la dichiarazione preoccupata del sindaco, che ha già scritto una lettera al primo ministro Gentiloni per chiedere un incontro urgente e che vengano rispettati i patti

"Abbiamo appreso che il Governo, nell’ambito della manovra correttiva varata nei giorni scorsi, avrebbe introdotto – senza alcun confronto con gli enti territoriali interessati – una norma interpretativa che blocca il pagamento di ICI e IMU da parte delle piattaforme di estrazione idrocarburi anche con effetto retroattivo; questo per il nostro Comune significherebbe non incassare 40 milioni di euro più la parte corrente, con ovvie pesanti conseguenze per Ravenna". A parlare è il sindaco Michele de Pascale, direttamente dal proprio profilo Facebook, dove stigmatizza queste intenzioni del Governo.


"Ieri ho scritto subito al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni - continua de Pascale -, per chiedere un incontro urgente e in queste ore stiamo combattendo, con il pieno sostegno di Anci (Associazione nazionale dei comuni italiani) per chiedere che quella norma, palesemente anticostituzionale, venga cancellata".

"Da parte nostra - conclude il sindaco - sul tema non c’è mai stata nessuna demagogia, ma solo il rispetto di un iter giurisprudenziale che abbiamo seguito in tutti i gradi di giudizio; ora ci aspettiamo solo che vengano rispettate le sentenze e la Costituzione. Per il futuro siamo totalmente disponibili ad un confronto, ma ciò che è già stato determinato oggi va semplicemente rispettato, come peraltro più volte confermato anche dai proprietari stessi delle piattaforme".

L’on. Alberto Pagani risulta inoltre come il primo firmatario di una lettera indirizzata al presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, che chiede di togliere dalla manovra correttiva del Governo la norma finalizzata alla detassazione, con effetto retroattivo, degli effetti ICI, IMU e TASI delle piattaforme di estrazione idrocarburi.

Ha commentato Pagani: “L'ipotesi di defiscalizzazione degli effetti ICI, IMU e TASI delle piattaforme di estrazione idrocarburi ubicate nel mare territoriale, è un fatto di per sé grave e incomprensibile. Ma prima di tutto si tratta di un regalo di oltre 300 milioni alle compagnia petrolifere, a danno delle comunità locali. Questa notizia appare al momento come un'indiscrezione di stampa uscita su Il Sole 24 ore".

"Secondo questa indiscrezione - continua Pagani -, la manovra correttiva a cui sta lavorando il Governo conterrebbe una norma interpretativa finalizzata al la detassazione, con effetto retroattivo, degli effetti ICI, IMU e TASI delle piattaforme di estrazione idrocarburi. Ci troveremmo davanti ad una violazione dei principi contenuti nella sentenza n. 3618 del 24 febbraio 2016 della Corte di Cassazione Questi principi prevedono che tali fabbricati siano ascrivibili nel catasto edilizio urbano, quindi assoggettabili ai tributi comunali sugli immobili".

"Contraddire questi principi - aggiunge Pagani - provocherebbe un grave danno economico alle casse dei comuni interessati, nel nostro caso al comune di Ravenna. Con una importante ricaduta negativa sui servizi e sugli investimenti già programmati. La prevista retroattività, molto probabilmente illegittima e incostituzionale, riguarderebbe gli anni dal 2011 al 2016. Un danno enorme e del tutto insostenibile dagli enti locali coinvolti".

"Vogliamo sperare – conclude l’onorevole Pagani - che queste indiscrezioni rimangano tali, diversamente ci vedremo costretti a proporre un emendamento soppressivo della norma”.

La questione era stata sollevata anche ieri dal deputato ravennate di Sinistra Italiana, Giovanni Paglia.

20/04/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Domanda stupida: Se non si fosse bloccato il pagamento imu e ici le piattaforme avrebbero smesso di pagare l'iva e i dazi per la merce che sale e che scende? Non sarebbero più allo stato estero?
20/04/2017 - andrea
Intanto come è successo con la tari aumenteranno quelle di noi cittadini e lo stipendio degli amministratori è ancora assicurato. Come direbbe qualcuno: "Michele, stai sereno!"
20/04/2017 - angelo
Sindaco è il tuo amico Renzi per fare un piacere ai poteri forti che genera questa situazione per cui per cosa ti lamenti?.
20/04/2017 - Roby
Immaginate quante multe dovranno fare in più!
20/04/2017 - Giovanni lo scettico
De Pasca! ti tocca a svendere un altro ente per risparmiare, Dopo ASL a Cesena svenderei anche la protezione civile e la darei a Forli cosi risparmierai un sacco!
20/04/2017 - Mirco
il governo cancella introiti , il sindaco spreca quelli che ha e vai!!!!!!!
20/04/2017 - maria
Non so se ci sei o ci fai. Guarda che queste cavolate qui le fa il tuo PD per contraccambiare i favori alle Compagnie dei finanziamenti al bomba di Rignano (Renzusconi) per campagna referendaria sulle trivelle.
20/04/2017 - Tristano Onofri
Ma non vi siete ancora accorti che questo governo ruba ai poveri per donare ai ricchi?? I colossi che estraggono gas devono essere liberi dalle tasse! Noi invece stiamo aspettando il termine del dibattito dell'innalzamento IVA..
20/04/2017 - Gianluca
Caro sindaco, fai come fanno gli imprenditori privati che si devono inventare il lavoro ogni giorno. Troppo comodo sarebbe. Spremere le meningi Ravenna avrebbe grandi risorse turistiche da sfruttare invece di chiedere soldi. É ora di finirla con le lamentele. Cominciate a lavorare
20/04/2017 - Caterina
Uno dei cavalli di battaglia del PD pro trivelle non erano le royalties pagate dai trivellatori, che avrebbero arricchito il territorio?
20/04/2017 - oponopono
Ma io mi chiedo: perché il pd locale non cambia nome, visto che non ha influenza su quello nazionale? ..... Forse perché non è così e ci stanno prendendo per i fondelli?
20/04/2017 - Riccardo
Buon pomeriggio, vorrei sapere dal Signor Sindaco come intende restituire gli 11 milioni di euro ricavati dal pagamento dell'imu delle piattaforme. Perché sono da restituire, vero?
20/04/2017 - Giacomo
ohi i conti sono giusti ed è ovvio e giusto l'interesse del sindaco. è scandaloso che non debbano pagare tasse visti i danni economici (ci portano via la nostra di noi cittadini italiani riserva nazionale naturale di gas, distruggono le spiagge, danni anche all'entroterra, alle abitazioni, perdita di posti di lavoro nel turismo ecc ecc) quindi dovrebbero pagare e pagare molto salato molto di più del costo del gas o di un'imu normale... la riserva nazionale di gas serve per trattare sul prezzo del gas importato quindi non aver questa riserva avrà danni ingentissimi...
20/04/2017 - matteo c.
però mi viene legittima una domanda: con 40 milioni di euro che ci farebbe il sindaco? sistema il battistero degli ariani? fa un parcheggio gratis per i ravennati di 6 piani in via beatrice alighieri nel piazzale comunale? o fa degli svincoli per l'esp e altre brutture? perché se dovesse fare delle brutture meglio lasciare i soldi alla marcegaglia che si comperi un bel veliero per navigare in stra lusso nelle barbados che è molto più bello di un cemento che magari ci casca in testa...
20/04/2017 - matteo c.
Giacomo: a questo rispondo io, gli enti locali dal governo Monti (sua introduzione) sono loro malgrado tenuti a versar qualsiasi gettito [se ben ricordo] nella cassa "centrale" a Roma e poi da essa verrà rigirata una quota (fissata dalla capitale ladrona) NON pari al 100%, ma molto molto meno.
20/04/2017 - D.M.
Oltre al danno ambientale anche la beffa...e poi si va a bracetto all'OMC con De Scalzi & Co.
20/04/2017 - mp
Prima le piattaforme e le trivellazioni sono sporche brutte e cattive e si proclama un referendum del cavolo con sperpero immane di denaro pubblico. Adesso che il Politburo Ravennate scopre che gli mancheranno glie eurini per la nomenklatura locae piange ! Vergognatevi ! Pagani, De Pascale e company andate a fare i comunisti a Pyongyang, state distruggendo Ravenna e l'Italia!
21/04/2017 - YODA
@matteo c. : ......ma addirittura il tuo pensiero non è rientrato in un solo commento!!!
21/04/2017 - E
Si e' guardato bene il sig. Sindaco dal nominare sia il PD che il suo amico Renzi. Gentiloni e' solo una controfigura, l'unico che non l'ha capito credo che sia De Pascale. I vostri amici locali del Pd; Franceschini, Bonaccini, Poletti, ecc la stanno costantemente ponendo in quel posto ai ravennati, ma i vecchi compagni se ne fottono.
21/04/2017 - ciccioformaggio
e poi al referendum tutti a votare pro trivelle!!!!ahahaha ridicoli
21/04/2017 - poveraitalia
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.