L’Assessora Elsa Signorino sul Mar: “Massimo il nostro impegno per la valorizzazione del Mar"

L’Assessora Elsa Signorino sul Mar: “Massimo il nostro impegno per la valorizzazione del Mar"
Elsa Signorino

"Stiamo ragionando con un’ottica pluriennale e la nostra attenzione è perciò tutta rivolta al futuro e per nulla al passato" dice l'Assessora alla Cultura - Le principali direttrici future sono tre: valorizzazione delle collezioni permanenti, attività di ricerca e mostre di rilievo

Ieri il Consiglio comunale ha discusso di Mar e Classense e dei loro bilanci. In particolare, sul Mar si sono registrate polemiche, con le minoranze che hanno attaccato l'Amministrazione comunale per le scelte che depotenzierebbero il Museo della Città. Alle polemiche risponde l'Assessora Elsa Signorino con una nota. “Le nostre istituzioni culturali sono talmente prestigiose – dichiara l’Assessora alla Cultura – da meritare di essere valorizzate con uno sguardo proiettato al futuro. Per quanto riguarda il Mar in particolare, in questo momento stiamo ragionando, con un’ottica appunto pluriennale, sulla definizione del suo profilo, e la nostra attenzione è perciò tutta rivolta al futuro e per nulla al passato." 

 

"Siamo consapevoli di avere una grande responsabilità, ma allo stesso tempo confortati dalla ricchezza del patrimonio culturale dal quale partiamo, di cui sono assolutamente fiera. Al Mar dedicheremo molte energie e sono certa che questo cimento potrà avere un buon esito. - continua Elsa Signorino - La prospettiva è quella di una valorizzazione complessiva, che renda il nostro Museo d’arte vivo e vitale tutto l’anno. Le principali direttrici lungo le quali ci muoveremo sono tre: in primo luogo la valorizzazione delle collezioni permanenti, perché un museo non vive di sole mostre temporanee. Il Mar ne ha diverse, di grande valore, per citarne solo una quella dei mosaici moderni e contemporanei che annovera la presenza di alcuni tra gli artisti più significativi del Novecento. E in questo quadro segnalo l’intervento di riallestimento della galleria Guidarello, con un investimento di 60mila euro, di cui 45mila di contributo regionale."

 

"Sarà poi fondamentale lo sviluppo di attività di ricerca e didattica e a questo proposito voglio ricordare la prossima realizzazione di un intervento di “Laboratorio aperto”, grazie a contributi europei per un milione e mezzo di euro, che permetteranno di dare vita a due laboratori ad alta innovazione tecnologica al Mar e al futuro Museo archeologico di Classe, nei quali sarà possibile sviluppare applicazioni per la promozione culturale e turistica. - continua Elsa Signorino - Non da ultima, naturalmente, la realizzazione di mostre di rilievo, che per essere tali devono avere alla base un valido progetto scientifico e la capacità di parlare a un grande pubblico. E a proposito di mostre faccio solo due esempi; la prossima apertura della mostra fotografica di Lelli & Masotti, che vuole essere preludio di una chiamata al Mar dei più prestigiosi fotografi e, in autunno, la mostra su architettura e mosaico all’interno della Biennale del Mosaico, che a sua volta sarà un evento di rilievo di livello nazionale e coinvolgerà molte altre sedi espositive, con la quale ci poniamo l’obiettivo di intercettare nuovi flussi turistici in un periodo dell’anno solitamente meno appetibile da questo punto di vista."

 

"A breve è prevista una prima variazione del bilancio del Mar, che ci porterà nuove entrate per 180mila euro attraverso un contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna e l’applicazione di un avanzo di amministrazione. Sono inoltre in corso di definizione tre importanti sponsorizzazioni; siamo quindi in grado di dire che affrontiamo gli impegni che ci aspettano da una parte nella consapevolezza che sono significativi, ma dall’altra consci che alla loro base c’è una visione complessiva e ponderata di valorizzazione di uno straordinario patrimonio culturale e la messa in campo di risorse adeguate” ha concluso Elsa Signorino Assessora alla Cultura.

IL CONSIGLIO COMUNALE APPROVA IL BILANCIO DEL MAR

 

Nella seduta di ieri (per chi volesse rivederla http://bit.ly/archivio-sedute-cc) il consiglio comunale di Ravenna ha approvato il bilancio di previsione e la nota integrativa 2017/2019 dell’Istituzione Museo d’Arte della città. Hanno votato a favore 18 consiglieri (gruppi di maggioranza), contrari 2 (i consiglieri Rosanna Biondi e Learco Vittorio Tavoni del gruppo Lega nord), 9 astenuti (gruppo Alberghini, CambieRà, La Pigna, Lista per Ravenna, Ravenna in Comune e i consiglieri Samantha Gardin e Gianfilippo Nicola Rolando del gruppo Lega nord). La delibera è stata illustrata dall’assessora alla Cultura Elsa Signorino. Nell’illustrare la delibera l’assessora Signorino ha sottolineato che il Mar è al centro di un progetto di valorizzazione complessiva, che lo renda vivo e vitale tutto l’anno e che le principali direttrici lungo le quali ci si intende muovere sono la valorizzazione delle collezioni permanenti, lo sviluppo di attività di ricerca e didattica e la realizzazione di mostre di rilievo.

 

Nella discussione sono intervenuti: Maurizio Bucci (La Pigna), Giannantonio Mingozzi (Pri), Fabio Sbaraglia (Pd), Massimiliano Alberghini (gruppo Alberghini), Rosanna Biondi (Lega nord), Samantha Tardi (CambieRà), Daniele Perini (Ama Ravenna), Samantha Gardin (Lega nord), Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna).

Il gruppo La Pigna ha sostenuto che da anni mancano idee e progetti, rimarcando la carenza di una comunicazione capace di raggiungere il pubblico e la necessità di rendere più attrattiva e appetibile l’offerta culturale del museo. Ha evidenziato l’importanza di dare un maggiore risalto alla loggetta lombardesca e all’opera e alla figura di Guidarello.

Il gruppo Pri ha espresso considerazioni positive sul progetto presentato e sulla necessità di una prospettiva pluriennale. Ha sottolineato l’importanza di allestire mostre grandi e belle auspicando un raccordo con gli altri Comuni della Romagna per unire le forze e potersi spendere meglio sul mercato internazionale.

Il gruppo Pd ha sostenuto che è importante restituire al museo la piena dignità anche attraverso la valorizzazione delle collezioni permanenti, facendo presente di considerare il nuovo allestimento molto più funzionale nonchè realizzato con rigore filologico. Ha manifestato il proprio plauso alle attività espositive legate alla fotografia e fiducia e apprezzamento per la strada tracciata.

Il gruppo Alberghini ha affermato che il Mar si trova in una condizione di tristezza e che il turismo culturale, in forte ripresa in altre città, è in ribasso a Ravenna perché non è stata ancora trovata la chiave di volta del rilancio. Ha espresso la necessità di un esame di coscienza collettivo dal momento che spesso gran parte degli stessi cittadini ignora il patrimonio culturale della propria città. Ha chiesto chiarimenti su alcune poste di bilancio.

Il gruppo Lega nord ha registrato il voto contrario di Learco Vittorio Tavoni e di Rosanna Biondi, quest’ultima ha criticato fortemente la proposta culturale del Museo d’Arte della città e manifestato la propria contrarietà all’esclusione nel progetto di quelle mostre che invece svolgono un ruolo di grande richiamo nella vicina Forlì con un numero di visitatori altissimo; e il voto di astensione di Gianfilippo Nicola Rolando e Samantha Gardin, che comunque ha rilevato la mancanza di una progettualità efficace, esprimendo critiche anche sull’accordo siglato di recente con il Ministero per i beni e le attività culturali, ritenuto non produttivo. Ha sostenuto che va cambiata la visione e la prospettiva senza arroccarsi sulle proprie posizioni.

Il gruppo Lista per Ravenna ha evidenziato che le attività della nuova gestione, rispetto alla precedente, richiamano scarsissimo pubblico e che non ravvisa nel programma presentato elementi di attrattività. Ha fatto presente la necessità di un rilancio del Museo, evidenziando che il voto di astensione esprime una fiducia a tempo, auspicando altresì di trarre un bilancio dei risultati alla fine del 2017.

20/04/2017
 3

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Probabilmente a Forlì hanno imparato dall'assessore Cangini: "Fatti, no pugn....." perchè il museo San Domenico funziona bene ed attira turisti con mostre sempre di altissimo livello. E pensare che il colore dell'amministrazione è identico!
20/04/2017 - angelo
Ricordo i bei tempi di Bandini, Guberti, Spadoni, ma allora esisteva l'arte passionale, sperimentale, provocatoria, bella, arte. Oggi abbiamo la fotografia, l'architettura, il restauro. Il MAR della Signorino non serve a nulla, ridiamo quegli spazi agli studenti dell'Accademia per far crescere una nuova gioiosa, consapevole esigenza artistica: Abbiamo poche fiches puntiamole tutte sui giovani, perchè se oggi è diventato tutto così apatico e squallido è anche colpa nostra.
21/04/2017 - jack feste
Impegno massimo, risultati minimi (a essere ottimisti).
21/04/2017 - boccaccio
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.