Ravenna raccontata oggi dal Corriere del Sera: l’energia tranquilla fra clichés e innovazione

Ravenna raccontata oggi dal Corriere del Sera: l’energia tranquilla fra clichés e innovazione
A destra, l'inserto "Il Bello dell'Italia" del Corriere della Sera che parla di Ravenna

Domani al Teatro Alighieri il road-show del quotidiano nazionale, che festeggia la tappa romagnola con un inserto di 20 pagine sulla nostra città

“Energia tranquilla”: così il Corriere della Sera di Luciano Fontana qualifica la città di Ravenna. Quasi un ossimoro; un accostamento che rispecchia un po' quella sorpresa tipica del visitatore della capitale che, arrivato in piazza, si accorge che anche in provincia qualcosa si muove.

 

Si muove, sì; ma tranquillamente, appunto. Evidentemente il genius loci di Ravenna non ha ancora abbandonato le sue mura: silenzio, riservatezza, quiete bizantina.

 

Nelle venti pagine dell'inserto “Il Bello dell'Italia”, nate per festeggiare la tappa ravennate del road-show ideato dal Corriere, si raccontano gli aspetti più diversi della città, interrogando i protagonisti della nostra vita culturale, raccontando i luoghi più conosciuti, non disdegnando curiosità storiche e una collezione di versi e citazioni sulla città, da Hesse a Eliot.

 

Si parte naturalmente col patron Riccardo Muti, in una sorta di introduzione allo spirito della città tra clichés e riflessioni personali: la città di volta in volta è suo "rifugio silenzioso" tra una tournée e l'altra; "cura per la nostalgia del sud"; "città sanguigna" e allo stesso tempo pacata; culla di una cucina fantastica, della schiettezza del Passator Cortese e della bellezza della Teresa Guiccioli. 

 

Il fascicolo continua con un appassionato articolo del ravennate Flavio Caroli, critico d'arte famoso per le sue apparizioni televisive da Fabio Fazio, a Che tempo che fa. Caroli racconta l'anima “isolazionista” di Ravenna, con una storia così diversa rispetto alle città limitrofe. Con una bella espressione, Caroli parla di una città “sottilmente superba”. Poi, con un pizzico di sana vanità, racconta delle sue cene annuali “Al Gallo”, assieme allo scrittore Eugenio Baroncelli, il massone Gustavo Raffi e il decano della cultura ravennate Mario Salvagiani. 

 

Una pagina è dedicata all'Inferno di Marco Martinelli ed Ermanna Montanari, di cui abbiamo già parlato qui. Dall'altro lato del giornale, una lunga intervista a Mannarino, che sovrasta un trafiletto su una band locale, i Doormen, brit-pop bizantino firmato Luca Malatesta, Vincenzo Baruzzi, Tommaso Ciuoffo e Andrea Allodoli, che scrutano severi i lettori in una foto in bianco e nero.

 

Non poteva mancare il personaggio della cultura locale, l'artista Marcello Landi, che ritorna sui mosaici e rilancia l'anima muliebre della città: “Ravenna è una città femminile”, ricordando Teodora, Francesca da Polenta e Teresa Guiccioli, suggerendo al turista di fermarsi più di un giorno. A questo proposito, Andrea Rinaldi firma un articolo proprio sui dati turistici della città, intervistando l'assessore Costantini. Si citano dati confortanti su presenze e introiti turistici, e si rilancia l'idea di un turismo esperienziale. Un esempio? Il silent party a Palazzo Rasponi.

Subito sotto, un panegirico al distretto oil&gas, “motore economico dell'economia ravennate che dà occupazione a quasi 5000 addetti”.

 

Quindi si procede con un interessante articolo firmato da Francesca Taroni sul Museo del design di Raffaello Biagetti, sulla cui collezione, è scritto, “in questi mesi è in atto una trattativa per una prestigiosa collocazione”.

Di seguito un pezzo sulle nuove start-up, parlando della promettente iniziativa GetCoo, ideata da Stefano Berti, un'applicazione che rende la vita del turista più facile, eliminando il bisogno di guide turistiche e sostituendole con lo smart-phone; e di Studiomapp, iniziativa di Leonardo Dal Zovo e Angela Corbari, un algoritmo in grado di misurare la qualità della vita di una determinata area geografica.

 

Si passa quindi all'intervista con l'amministratore delegato della Micoperi, Silvio Bartolotti. L'azienda è stata protagonista nel 2014 dello spettacolare recupero della Costa Concordia, seguito si potrebbe dire in mondovisione.

 

Ultime pagine dedicate sia all'enogastronomia, con l'intervista a Erica Liverani, campionessa di Masterchef nel 2016, che all'ambiente, con un articolo sui lidi ravennati - caratterizzati da “uno stile di vita californiano e rilassato” - e un interessante fondo di Giosué Boetto Cohen, che parla dello storico taglio di Porto Viro compiuto dai veneziani dal 1600 al 1604, un capolavoro dell'idraulica che ha cambiato le sorti delle città emiliane e romagnole.

 

Nonostante la gradevolezza dell'inserto, c'è lo spazio per qualche perplessità: come spiegarsi, dal momento che praticamente ogni articolo cita il mosaico, lo splendore e la luce degli 8 patrimoni Unesco, la mancanza di un ritratto o di un trafiletto sull'Accademia di Belle Arti di Ravenna, ovvero l'unica istituzione superiore dedicata appunto all'insegnamento della tecnica del mosaico? Certo la colpa non può essere dei giornalisti del Corriere, ma di quell'inspiegabile e ormai patologica sottoesposizione mediatica che caratterizza la nostra Accademia, forse sanabile ormai soltanto con un intervento politico. 

 

A cura di I. G.

19/05/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Bello. Ma quanta amara verità per l'accademia!
19/05/2017 - Emanuele
Mi spiace che a I.G. nella sua sintesi non abbia menzionato che non solo non c'è traccia dell'Accademia di belle arti di Ravenna, ma inspiegabilmente c'è un articolo che esalta la scuola del mosaico di Spilimbergo (massimo rispetto) e la definisce l'unica scuola che insegna mosaico contemporaneo! Ma forse hanno ragione, se neanche chi sostiene economicamente una scuola ha interesse a valorizzarla forse non esiste. Continuiamo così, facciamoci del male....
19/05/2017 - jack feste
Il bello dell'Italia. 19 maggio 2017. su Ravenna. bell'inserto. tutto vero. città tranquilla. bella sintesi di I.G.(...) soprattutto l'ultima frase... del resto ormai ravenna sta alle tessere come le scuole del mosaico stanno a spilimbergo (p.13). certo. con tutto il rispetto. bravi! e una delle mie alunne l'altro ieri mi ha detto, con orgoglio. prof...dopo il liceo io mi iscrivo all'accademia di spilimbergo. una bella soddisfazione!
20/05/2017 - elena pagani
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.