Prescrive ricette per dimagrire senza i titoli per farlo, naturopata ravennate scoperto dai Nas

Prescrive ricette per dimagrire senza i titoli per farlo, naturopata ravennate scoperto dai Nas

Anche a Ravenna, professionisti che millantano lauree e competenze non possedute, che eseguono prestazioni, pagate da ignari utenti come se svolte da operatori abilitati a farlo. I controlli realizzati dai Carabinieri del Nas di Bologna nei primi 4 mesi dell'anno hanno coinvolto un'ottantina di studi professionali e ambulatoriali in tutta la Regione, scovando veri e propri casi di truffa ai danni dei pazienti, come riporta una nota dell'Ansa Emilia Romagna. 

 

Tra le situazioni illegali riscontrate, diete prescritte da pseudo specialisti senza titoli, un presunto veterinario che visitava i gatti a domicilio senza laurea, ma anche falsi fisioterapisti oppure odontotecnici e semplici assistenti sorpresi a comportarsi come se fossero dentisti. Sono state 14 le persone denunciate per aver svolto o tollerato l'esercizio abusivo della professione medica.

 

Tra i casi scoperti, un falso dietista che a Bologna millantava di avere una laurea e prescriveva diete e integratori alimentari e un naturopata che a Ravenna diceva di avere riconoscimenti internazionali e rilasciava ricette per un rapido dimagrimento. Il falso veterinario sorpreso a Bologna, oltre alle visite senza titoli, non ha neppure saputo spiegare un importante quantitativo di farmaci trovato in casa e sequestrato.
  

27/06/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Nomi mai, vero ?
27/06/2017 - porter
Questi articoli dovrebbero essere scritti in modo completo e cioè si dovrebbero leggere i nomi di questi furfanti!!!!! Questi personaggi, assolutamente non etici e non professionali, danneggiano gravemente le categorie di professionisti seri e tutte le persone che cercano di lavorare in modo e maniera corretta. Per cortesia...............scrivete i nomi, così possiamo starne alla larga! Grazie. Brunella
27/06/2017 - Brunella Nuzzo
E magari i clienti del "naturopata" sono seguaci "no vax"...
27/06/2017 - Sylar Surfer
La privacy protegge i malfattori a scapito di ignare persone che si affidano con serenità e fiducia a loro!Non sarebbe ora di modificarla?
27/06/2017 - maria teresa
@ sylar surfer, mediamente sono d accordo con quanto scrivi nei tuoi commenti ma non credo che l andare da un naturopata sia di per se un disconoscimento dell efficacia della farmacolgia ufficiale..solo magari prima di rischiare di "intossicarsi" con preparati sintetici e/ o chimici ,( non per niente gli anglosassoni usano il termine Drugs per indicare i farmaci) uno tenta degli approcci un po piu morbidi.
27/06/2017 - Anna M
Gentile Anna M, secondo il mio modesto parere quelli che tentano approcci più morbidi sono dei creduloni, e i ciarlatani ne approfittano per spremere loro un sacco di soldi vendendo acqua di rubinetto, santini, medaglie, oroscopi e candele benedette. Qualcuno è stato anche così sfortunato da comprare le bustine coi numeri del lotto dal Mago do Nascimiento, ve lo ricordate?
27/06/2017 - Giovanni lo scettico
Anna M, forse sono stato troppo categorico. Anch'io, come la mia famiglia, a volte usiamo rimedi "naturali" o omeopatici. Ne ho verificato l'efficacia personalmente per piccoli problemi pur sapendo che non hanno spiegazione, però, quando le cose sono serie, vado da un medico e prendo medicine. Per dirla alla Mirabella: seguirò una medicina alternativa quando avrò una malattia alternativa.
27/06/2017 - Sylar Surfer
notizie del piffero ! a che servono se non a farci sentire sempre più presi in giro ?
27/06/2017 - susy
@Sylar e Giovanni lo Scettico, qui siamo all'estremismo. Per i piccoli problemi meglio qualche rimedio naturale che roba pesante. Dai rimedi naturali, alle tisane e distillati per malanni di poco conto ad arrivare a Wanna Marchi e do Nascimento ce ne passa.
27/06/2017 - ANNA M
Scusate, ho dimenticato di aggiungere una cosetta: c'è stata gente che per guarire da malattie più o meno leggere si è rivolta ai ciarlatani, ai maghi, a quelli che impongono le mani e compagnia bella. Sono saltate fuori delle cure a base di piante dal nome mai sentito, qualcuno ha detto che bisognava risvegliare il chakra, qualcun altro che c'era uno squilibrio fra il corpo e la mente, chi tirava in ballo le energie astrali e chi le carte dei tarocchi. Poi anche i cristalli misteriosi, la medicina cinese, quella ayurvedica, i fiori di Bach e le spremute di ortica. Alla fine della storia c'è stato chi ha perso tempo prezioso con il risultato che potete immaginare. Non fiori ma opere di bene.
27/06/2017 - Giovanni lo scettico
I nomi grazie.vi costa tanto??
27/06/2017 - bc
Per quele motivo volete i nomi, come se fossero assassini o truffatori? Non avete fiducia? Basta non andare dal Naturopata, che è una professione ufficialmente riconosciuta in moltissimi paesi, fra cui gli Stati Uniti. Se siete contenti di farvi avvelenare dall'industria farmaceutica anche quando non sarebbe necessario e basterebbe prendere un rimedio naturale, come facevano i vostri nonni, affari vostri. In un anno sono migliaia i ricoveri e le morti per effetti indesiderati delle medicine tradizionali prescitte in modo inappropriato dai Medici "ufficiali" (700.000 ricoveri/anno per questo motivo negli USA). Dovremmo chiedere i nomi di tutti questi medici?
28/06/2017 - oponopono
Evvai oggi discriminiamo i naturopati! E non quelli che truffano i clienti ma tutta la categoria in quanto non facendo nomi e non puntando il dito si spara nel mucchio!
28/06/2017 - Ale
Finchè ci sara' richiesta l'offerta sara' sempre dietro l'angolo ad aspettare
28/06/2017 - Fabio
E il nome?? Neanche stavolta??!! Potrebbe aver anche prescritto ad alcune persone sostanze per loro nocive ma ciò nonostante si continua a tutelare in primis il delinquente?? Ma che tristezza di paese...
28/06/2017 - P.S.
Sinceramente non si capisce se era un naturopata che ricettava farmaci (abuso della professione medica), o se era un "sedicente" naturopata, cioè qualcuno che non aveva i titoli riconosciuti in Italia per svolgere la professione.
28/06/2017 - dedo58
Intanto che sono qui mi viene in mente un'altra cosetta: i rimedi naturali dei nonni sono cretinate fenomenali. Lo dimostrano i numeri: un secolo fa in Italia le persone che erano arrivate a compiere cento anni erano pochissime, grosso modo un centinaio. Nel 2015 erano 19.000 (non ho statistiche per quest'anno). Significa che col progredire della medicina in un secolo i centenari sono aumentati 190 volte, mentre la popolazione italiana è passata da 40 milioni a 60 milioni. Fino al 1700 quando uno era malato gli praticavano un salasso, cioè gli aprivano una vena e facevano uscire il sangue, in questo modo uscivano anche i cattivi umori che provocavano la malattia. Immaginate quando il malcapitato aveva la pressione bassa... poi è venuto l'illuminismo che ha lentamente cominciato a fare piazza pulita di tutte le superstizioni e le credenze sulle malattie provocate dai peccati, dal malocchio, dagli influssi astrali ecc. ma purtroppo siamo ancora molto indietro.
28/06/2017 - Giovanni lo scettico
@Giovanni lo scettico, l'aumento dell'aspettativa di vita si deve alle migliorate condizioni igienico sanitarie. L'intervento della medicina, e' importante, ma secondario. Aggiungo che in Germania, la figura del Naturopata e' riconosciuta dalla legge (Heilpratiker).
28/06/2017 - pietrone
Gentile Pietrone, le consiglio di chiedere al suo medico a cosa è dovuto l'aumento della durata media della vita. Un solo esempio: il tumore al seno era mortale nel 90% dei casi fino agli anni '60. Ora la percentuale è rovesciata: grazie al progresso della medicina a 5 anni dalla diagnosi sopravvive il 90% dei pazienti. Lo ripeto ancora: lasciate perdere i guaritori, gli omeopati, i ciarlatani, le vecchiette con le loro tisane, i santini, le orazioni, i rosari e tutte le altre cretinate. La medicina vera funziona, gli unguenti miracolosi no.
29/06/2017 - Giovanni lo scettico
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.