Tardi (CambieRà): "Incidenti stradali durante i cambi turno: il disastro"

Tardi (CambieRà): "Incidenti stradali durante i cambi turno: il disastro"
I mezzi incidentati abbandonati all'incrocio

"Una situazione surreale e vergognosa - accusa la consigliera - mi auguro che venga fatta chiarezza sul come mai per oltre un’ora ci sia stata una mancanza di servizio nei confronti della cittadinanza ravennate"

"Domenica mattina, le 6.30 circa, e all’incrocio tra Viale Alberti e Via Ravegnana, sullo svincolo, uno scooter ed una bicicletta entrano in collisione. Prontamente le ambulanze arrivano sul posto e caricano i feriti, dopodiché per oltre un’ora il nulla cosmico. I due mezzi lasciati abbandonati sull’incrocio alla mercé di chiunque" scrive Samantha Tardi del Movimento Civico CambieRÀ.

"I passanti, soprattutto ciclisti, che vedevano i mezzi a terra si fermavano, chiamavano i numeri di emergenza e rimanevano in attesa, piuttosto attoniti, senza capire come fosse possibile abbandonare in questo modo dei beni di proprietà di cittadini, senza nemmeno una pattuglia di Polizia Municipale a tamponamento e a guardia degli stessi fino, quantomeno, all’arrivo dell’Infortunistica Stradale" continua Tardi.

"Chiunque avrebbe potuto – o forse è avvenuto – spostare i mezzi per liberare un pochino l’incrocio, causando di fatto un danno per eventuali rilievi postumi da parte degli addetti ai lavori per determinare le ragioni e i torti, nonché relativi risarcimenti assicurativi".

"Fino a poco tempo fa - precisa Tardi - la Polizia Municipale vantava in organico 45 Ispettori su circa 180 unità - un numero spropositato rispetto alle altre città romagnole aventi circa lo stesso numero di abitanti - diventati 46 grazie ad un bando pubblico di richiesta mobilità – ovvero un trasferimento da un comune limitrofo al nostro – e non voglio ricordare che il nome dell’Ispettore che sarebbe arrivato era già abbondantemente noto al momento della pubblicazione del bando stesso. Nonostante le polemiche sorte in merito a questa aggiunta in organico piuttosto inutile agli occhi sia dei politici locali di opposizione, che dei sindacati stessi, ci siamo sentiti rispondere dal Vicesindaco Fusignani che, nonostante il grado di ispettore, essi possono tutti scendere in strada e diventare operativi al bisogno".

"Dopo questa domenica mattina posso tranquillamente sostenere la falsità di tali affermazioni.
Una situazione come questa, surreale e vergognosa spero vivamente non si ripeta più e mi auguro che venga fatta chiarezza sul come mai per oltre un’ora ci sia stato un “gap” così importante di mancanza di servizio nei confronti della cittadinanza ravennate, che, voglio ricordare, stipendia tutti i componenti dell’organico della Polizia Municipale".

"Assumetevi le Vostre responsabilità - conclude Tardi, soprattutto nei confronti delle due persone coinvolte nell’incidente, le quali potrebbero aver subìto, oltre al danno, la beffa di ottenere rilievi stradali approssimativi e probabilmente “sporcati” dal vuoto temporale intercorso tra le chiamate e l’arrivo di chi di competenza.
Ringrazio invece i passanti, chiunque fossero, perché grazie alla loro pazienza e disponibilità ad attendere, i beni altrui non sono finiti nelle mani di male intenzionati che avrebbero avuto anche tutto il tempo di caricarli e portarli via".

"Qui la mia diretta dell’incidente:
https://www.facebook.com/Samlate/videos/vb.1598925589/10211901179717078/?type=2&theater&notif_t=video_comment&notif_id=1500186383641671


 

16/07/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
PM sempre stata allo sbando a Ravenna. Agenti solo dove non serve: in due giornate consecutive (venerdì e sabato) tre (dico, tre!) agenti della PM a chiacchierare amabilmente in pizza del Popolo. Poi mi diranno che serve per antiterrorismo, accoglienza ai turisti e ... lasciamo perdere. Ma mai dove servirebbe realmente
16/07/2017 - Emanuele
Meno male che tali fatti sono portati all'attenzione di tutti. Ciò, comunque, è quello che accade da tanti anni a Ravenna. In bocca al lupo alle persone coinvolte nel sinistro, e un grazie alle persone di buon senso e volontà.
16/07/2017 - Gianluca
accadono ancora queste cose..nonostante il tanto osannato arrivo del nuovo capo della municipale?
16/07/2017 - isaia
Facile criticare, più difficile fare!
16/07/2017 - mara
Il problema è dato dal fatto che l'ultima pattuglia dei vigili urbani smonta alle 06,00 e quella dopo monta alle 07,00 quindi ........ è severamente vietato avere incidenti dalle 06,00 alle 07,00 !
17/07/2017 - Gianni
Non è la prima volta che succede che un cittadino chiama perché ha avuto un sinistro e aspetta delle ore o addirittura cercano di svincolarsi con la scusa della contestazione amichevole anche con la controparte ubiriaca.
17/07/2017 - Dom
sterili faide politiche che andrebbero portate avanti nelle sedi opportune. il succo della questione sta nel fatto che i milioni di cittadini indignati avrebbero composto i cosiddetti numeri di emergenza. Quindi essendo evidente che non vi era personale della PM in servizio prima delle ore 07,00 cosa è stato risposto dagli operatori dei suddetti servizi di Emergenza ?
17/07/2017 - zz
Anche la Polizia Stradale e i Carabinieri sono stipendiati dai cittadini. Inoltre la signora Tardi saprà sicuramente che il codice della strada assegna alle forze di polizia statali la gestione degli incidenti stradali. Strumentalizzare un infortunio stradale per voler denigrare a tutti i costi il Comune per parlare di concorsi è abbastanza triste
17/07/2017 - Giovanni
Il problema è che con un deficit di 40-50 agenti non si può pretendere più di tanto... in più fanno un bando con 7 posti che si riducono a 3 perché 4 sono riservati ai volontari delle forze armate cosa vogliono risolvere..... ragionando X logica fallo almeno per l assunzione di 20 persone..... va beh funziona tutto così !!!!
17/07/2017 - Andrea
Ho visto il video postato dalla Sig.ra Tardi: forse non si è resa conto che, pur di documentare in maniera diretta su Facebook l'accaduto, ha abbandonato la proprio auto in un punto pericoloso della strada creando ancor più pericolo per i mezzi che sopraggiungevano.....
17/07/2017 - Picchio
meglio stare in giro a multare i divieti di sosta davanti alle case dei rispettivi proprietari
17/07/2017 - simo
Ma chiamare anche i Carabinieri o la Polizia di Stato no? Che triste spettacolo: la priorità era fare il video su facebook piuttosto che prodigarsi a fare ciò che dovrebbe fare un cittadino dotato di buon senso civico. Davvero squallido.
17/07/2017 - Sky
Speriamo che quelli di "CambieRa'"non governino mai la nostra città ...e con la rima chiudo qua'
17/07/2017 - Andrea
Nessuno però risponde sulla effettiva necessità di tre (tre!) agenti in piazza del Popolo
17/07/2017 - Emanuele
Fate un esperimento: dite ai vigili in Piazza del Popolo che lì vicino ci sono persone che praticano l'accattonaggio (vietato da una ordinanza). Poi sentite un po' cosa vi rispondono.
17/07/2017 - Giovanni lo scettico
Oppure li mandiamo a creare file estenuanti dove gia' ci sono le rotonde, mah....
18/07/2017 - Claudio
A Giovanni, che a naso potrebbe essere un agente della PM, dico che è male informato! Esiste infatti una circolare del Ministero dell'Interno che affida alle Polizie locale l'onere dei rilievi planimetrici in occasionè di sinistri stradali che accadono nelle vie urbane e provinciali.. Per le strade statali viene impiegata la Polizia Stradale della Polizia vera e propria, con una professionalità del tutto diversa vorrei aggiungere......
18/07/2017 - Enrico
Le iniziative dovranno, pertanto, ricondurre la competenza dei rilievi foto-planimetrici in occasione di sinistri con esiti mortali o con lesioni gravi, in ambito urbano, in via prioritaria alla polizia locale o, in caso di indisponibilità, al reparto di polizia stradale competente. Qualora via sia l'impossibilità di procedere in tal senso si dovrà ricorrere all'intervento delle forze di polizia territoriali ordinarie (Polizia di Stato e Arma dei Carabinieri), nel pieno rispetto dei Piani Coordinati di controllo del territorio. Caro Enrico prima di citare circolari ministeriali sarebbe opportuno leggerle per intero e non estrapolarne solo le parti utili a fomentare polemiche. A tal riguardo questo è un estratto che indipendentemente dalle critiche alla professionalità , dice chiaramente chi sarebbe dovuto intervenire sul sinistro del nostro caso. informazione e onestà non critiche sterili e infamanti nei confronti di chi cerca di lavorare con dignità.
21/07/2017 - zz
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.