Giacomini (PM): "Disponibili a valutare suggerimenti, non si getti la croce sugli agenti"

Giacomini (PM): "Disponibili a valutare suggerimenti, non si getti la croce sugli agenti"
Il comandante Andrea Giacomini

Il Comandante della Polizia Municipale di Ravenna Andrea Giacomini getta acqua sul fuoco della polemica dai toni "pretestuosi", accesa dalla consigliera di CambieRà, Samantha Tardi, circa i presunti ritardi di intervento degli agenti della Municipale, nell'incidente stradale verificatosi nelle prime ore di domenica 16 luglio (6.30), tra viale Alberti e via Ravegnana.

 

"Anzitutto - spiega Giacomini - ci tengo a precisare che ho personalmente contattato entrambe le persone coinvolte in quel sinistro, per accertarmi delle loro condizioni e del loro punto di vista sulla vicenda, e ho constatato che non hanno avuto nulla da eccepire rispetto a come si sono svolte le cose".

 

"La Polizia Municipale - continua il comandante - è solo uno degli organi deputati alla rilevazione dei sinistri stradali, assieme per esempio alla Polizia di Stato, ai Carabinieri e perfino alla Guardia di Finanza. Non lo dico certo per scrollarmi di dosso delle responsabilità, ma solo per spiegare come funzionano le cose. Il servizio infortunistica della Municipale è organizzato su 3 turni e copre un arco orario che va dalle 7 della mattina all'1 di notte. Sabato su domenica, in particolare, il turno inizia alle 24 e finisce alle 6. Una scelta conseguente alle rilevazioni fatte sulla maggiore incidentalità di questa fascia oraria. Se i dati mutassero, saremmo disposti a cambiare la copertura, ma attualmente i dati ci suggeriscono di mantenere questo tipo di presenza".

 

In tutti gli orari non coperti dalla presenza degli agenti dell'Infortunistica stradale, è comunque attivo un servizio di centralino, che opera sulle 24 ore, in grado di ricevere le segnalazioni e valutare, assieme a chi richiede l'intervento, di girare la chiamata ad altre forze dell'ordine o invitare l'interessato a chiamare autonomamente.

 

"L'incidente di domenica mattina - continua Giacomini - è capitato in un orario non coperto dal nostro servizio e le altre forze dell'ordine coinvolte di conseguenza per i rilievi, avranno valutato l'intervento, considerando le risorse disponibili al momento e la gravità della situazione".

 

"Per altro, forse non è così noto ma - aggiunge il comandante -, in conseguenza di un incidente, il codice della strada impone alle persone coinvolte di rilevare i danni e la dinamica con gli appositi moduli, che possono essere compilati anche in presenza di feriti e anche in caso le parti non siano d'accordo sulla dinamica, sgomberando la sede stradale dai mezzi il prima possibile. Sono poi i periti delle assicurazioni ad occuparsi degli eventuali risarcimenti e responsabilità. Nonostante questo, dati alla mano, posso testimoniare che gli agenti della Municipale di Ravenna sono intervenuti in moltissimi casi per i rilievi, anche in incidenti senza feriti, su richiesta delle persone coinvolte, che non riuscivano a trovare un accordo tra loro".

 

"Posso garantire - conclude Giacomini - che da parte mia c'è la massima disponibilità ed apertura a raccogliere tutti i suggerimenti possibili, per organizzare il servizio al meglio. Ma non ha senso imputare il fatto a 'disservizi' dovuti al cambio turno o gettare la croce sugli agenti, di cui mi preme tutelare la serenità. La Polizia municipale è un bene collettivo che va tutelato: trovo un po' autolesionistico scagliarsi contro un corpo che un domani ci si potrebbe trovare a dover amministrare".

17/07/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Basterebbe dare solo un po' piu' di rilievo all'infortunistica stradale da tutte le forze di polizia.
17/07/2017 - fabio
Daccordo sulla mancanza di guardie però che almeno qualcuno risponda al telefono sennò..... Suggerisco un contatto più diretto coi ravennati così potrà rendersi conto meglio della situazione della città all' esterno.
17/07/2017 - Walter
come suggerimento vorrei che i vigili si occupino di traffico e per la sicurezza si faccia muovere il la polizia e carabinieri che tempo ne hanno ne hanno
17/07/2017 - batti
tante scuse, sempre le solite poi...turni non coperti...carenza di organico e/o di mezzi...difficoltà logistiche...di fatto però, a ravenna non si vede mai girare un vigile, e quando serve davvero la municipale non c'è mai...ma quando c'è "castigare" qualche onesto cittadino che per disattenzione o negligenza ha commesso una leggerezza, lì invece ecco che gli agenti sono sempre estremamente solerti...e questo sarebbe il corpo che dovremmo voler tutelare!? ...eh no, non basta indossare una divisa, la fiducia dei cittadini bisogna meritarsela...
17/07/2017 - bubu
Leggendo i commenti capisco che di infortunistica stradale e sicurezza non capite assolutamente nulla ........ complimenti continuate così.!
17/07/2017 - Lanterna Verde
dategli tempo..sono convinto che questo nuovo capo..fara' delle cose egregie..!
17/07/2017 - ERSILIO
povero bubu
17/07/2017 - Piciot
Questa intervista a mio giudizio è di una pochezza disarmante sia nei toni sia nei contenuti. Un mero elenco tecnico di limiti e regolamenti. Null'altro se non una blanda disponibilità a fare che cosa poi?Non si comprende. Non sono un commentatore professionale ma da molto tempo non vedevo dichiarazioni così insignificanti da un dirigente della sicurezza pubblica. Consiglierei al Comandante di riflettere di più prima di esternare di nuovo pubblicamente oppure di farsi meglio consigliare. Così rischia di bruciarsi appena entrato in carica. Distinti Saluti.
17/07/2017 - Giancarlo
viene da chiedersi : se per caso la situazione avesse coinvolto qualche collega dei cari vigili come si sarebbero comportati? viene in mente la denuncia del furto della barca da Marinara di qualche giorno fa... stavano finendo il turno alla capitaneria ...ah no... era di competenza dei carabinieri .. ah ma ...boh ... e quindi... non hanno raccolto la denuncia in tempo.. chiudevano bottega ...anche in quel caso viene da chiedersi se fosse stato coinvolto un collega . Viene da pensare : ma che cosa stiamo a pagare le tasse per cosa...?viene da chiedersi : quante volte capita un servizio cosi a cavallo del cambio turno? nessuno pensa ad organizzare la copertura?viene il latte alle ginocchia ....quasi 200 organici della municipale a fare che? per la municipale cambiate i regolamenti , e' il sindaco che li firma, non il ministero dell'interno. fateci vedere "il cambiamento" cari compagni...(che tristezza)
17/07/2017 - massimo
In citta' il rischio incidente e' causato da distrazione, ma nel forese esistono centri abitati dove certe auto le usano come piste, questo a mio avviso e' dovuto al fatto che i suoi uomini non sono molto presenti, ecco se posso suggerire qualcosa direi che qualche pattuglia eseguisse i controlli su tali zone specialmente nelle ore serali. Sarebbe un deterrente efficace, chi transita a forte velocita' deve sapere che puo' essere "pizzicato", inoltre chi riposa con le finestre aperte non deve essere infastidito dal passaggio di certi fenomeni. Grazie.
17/07/2017 - elio62
Prima di tutto bisogna fare tante multe, il resto conta poco.
17/07/2017 - Giovanni lo scettico
Le solite lamentele ...non c'è mai nessuno ...però quando ci siete non dovete fare i Verbali ...allora?!?! ...sistema Italiano ...gran bel lavoro che è stato svolto nell'arenile ...perché di tutti stai venditori ambulanti non se ne poteva proprio più...per gli incidenti almeno 3/4 dovrebbero risolversi con lo scambio delle generalità...vedi tamponamenti ...ma siccome tutti aprono bocca poi le situazioni sono queste ...
17/07/2017 - Cico
I vigili possono fare qualcosa contro scooter e motorini che di notte scorrazzano per le vie smanettando col gas per puro divertimento dei guidatori?
17/07/2017 - maria
Tranquillo bubu, che adesso arriva l'orso Yoghi e ti riaccompagna al parco di Yellowstone,dove e' pure consentito sostare in tripla fila!
18/07/2017 - neviobaldini
Quindi il nuovo capo dei vigili suggerisce che le due persone coinvolte nell'incidente e poi trasportate in ambulanza all'ospedale, dovessero fare loro le rilevazioni dell'incidente, tramite il CAP magari in ambulanza, spostando poi i mezzi coinvolti? Iniziamo bene.
18/07/2017 - Luca
I commenti di fabio e batti sembrano venire dal comando PM....ahahaha. Infelice esordio del Comandante, poteva evitare certi commenti e avrebbe fatto figura migliore.
18/07/2017 - andrea
meno scuse e più fatti!! Quanti sono i vigili a Ravenna ?? 200 - 250 ?? vedo biciclette girare contromano e non sulle piste ciclabili, macchine parcheggiate controsenso, più del 50 % degli autisti (sopratutto donne) al telefono quando guidano ed ancor peggio ad inviare sms o chattare, etc, ma non vedo vigili a fare controlli, però quando ci sono manifestazione tipo la notte rosa o festival dell' Unità allora saltano fuori come i funghi e la viabilità non ne guadagna, anzi !!!!
18/07/2017 - ROBERTO
Purtroppo la giunta Matteucci è stata quella che ha cominciato una campagna di stampa martellante, con la quale ogni giorno vengono propinate operazioni di pubblica sicurezza e di polizia giudiziaria. Tutto fumo e niente arrosto. Basterebbe assolvere i compiti che la legge prescrive, osia sicurezza stradale e far rispettare le norme del Codice della Strada. La Municipale non è una Forza di Polizia e non è deputata alle emergenze, infatti non hanno un numero telefonico gratuito per queste esigenze......
18/07/2017 - Enrico
Nel forese e nello specifico s.pietro in vincoli sfrecciano da via del sale oltre hai 100 in entrambe le direzioni,qualcuno ha mai visto un vigile?Dall'ecomostro di via del sale èun terno al lotto uscire e entrare,vigili?
18/07/2017 - Davide
cerchiamo di tornare con i piedi per terra e facciamo un breve bilancio delle infinite problematiche segnalate. Tutte meritevoli di degna considerazione. Dai veicoli che nel forese sfrecciano in via Del Sale a quelli in sosta davanti ai passi carrabili, agli autobus che intasano Piazza Baracca, al sacrosanto diritto al riposo notturno di chi vuol dormire con le finestre aperte, ai ciclisti che godono di un malsano e immotivato senso di onnipotenza, tanto da piangere l'assenza di piste ciclabili per poi riservarsi il diritto di non usarle dove sono presenti (ad esempio in Viale Alberti) ed essere coinvolti in incidenti spesso fatali. Fermiamoci a questi pochi spunti e possiamo facilmente desumere che l'organico della Polizia Municipale (speculazioni politiche a parte) dovrebbe essere di circa 1500/2000 unità con turnazione su almeno 30 ore giornaliere. Meditate
19/07/2017 - zz
Anche oggi ho visto dei ciclisti in mezzo alla strada, con la pista ciclabile assolutamente deserta. Avrei bisogno di un parere legale: posso mandarli a quel paese con degli insulti in romanesco (l'anima de li mortacci tua), delle imprecazioni in ferrarese (majàl), qualche termine milanese (pirla) e un finale romagnolo (ignurantàzz)?
19/07/2017 - Giovanni lo scettico
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.