Tardi (CambieRà) attacca Fusignani sulla Municipale: la gestione del corpo è sbagliata

Tardi (CambieRà) attacca Fusignani sulla Municipale: la gestione del corpo è sbagliata

"La responsabilità di questo senso di insicurezza generalizzato che si percepisce in città, condito da queste mancanze, è dettato da una politica sbagliata, incompetente ed avulsa dalla realtà" accusa Tardi

Samantha Tardi di CambieRà non ce l'ha con i singoli vigili urbani ma con chi non è in grado di assicurare una guida politica e una linea d'azione degna di questo nome al corpo dei vigili e lo ribadisce oggi con una nota che prende di mira il responsabile politico della Polizia Municipale, il Vice Sindaco Eugenio Fusignani. 

 

"A seguito della mia segnalazione di pessimo disservizio da parte della nostra Polizia Municipale ai danni di due cittadini, che per loro sfortuna sono entrati in collisione in un orario scoperto dalla presenza della nostra polizia locale, sono a fare un paio di considerazioni che riguardano il nostro Vicesindaco Eugenio Fusignani e le sue mirabolanti dichiarazioni ai giornali. - scrive Tardi che non molla la presa e annuncia un question time sulla materia in Consiglio comunale - L’Assessore con delega alla Polizia Municipale è colui che detta la linea politica sulla gestione del corpo armato, insieme alla linea tecnica dettata dal Comandante Giacomini appena insediato. La Polizia Municipale, come si evince anche dal sito del Comune di Ravenna, opera all’interno del comune di appartenenza con copertura di 7 giorni su 7 e pattuglie in servizio esterno 18 ore su 24, rimanendo comunque a disposizione del cittadino anche nelle ore notturne tramite la Centrale Operativa che opera 24 ore su 24 ed è in grado di fornire indicazioni utili o far intervenire altro organo di polizia in caso di necessità”.

 

"Una città come Ravenna, a vocazione turistica e notturna, con un sindaco che, come prima ordinanza ha autorizzato movida H24 sui lidi, non merita un corpo di polizia locale che “dorma” sereno tutta la notte e si limiti alla chiamata – quando avviene, considerando il risultato dell’incidente di cui sopra – degli altri organi di polizia. - insiste la consigliera di CambieRà - Soprattutto nel periodo estivo il rafforzamento delle pattuglie H24 sarebbe doveroso. Apprendere inoltre dal Vicesindaco Fusignani che la Polizia Municipale non è un sistema di sicurezza e di difesa, nonostante al comando sia stato messo un Carabiniere - il quale non so quanto apprezzi questa affermazione - non solo ci mette nella condizione di dover obbligatoriamente riflettere sull’opportunità o meno di mantenere queste persone armate, ma declassa, demotiva ed etichetta come “impiegati comunali” senza troppe responsabilità tutti coloro che invece trascorrono le proprie ore lavorative in strada per mantenere intatto il decoro ed il senso civico del cittadino."

 

"Il trovare giustificazione all’abbandono di mezzi incidentati dietro il fatto che il turno di notte della Polizia Municipale smonta alle 6 e prima delle ore 7 non si riprende il lavoro, è fatto gravissimo, che denota in maniera preoccupante una distanza anni luce dalla realtà del territorio in cui si opera, soprattutto d’estate. - affonda la Tardi - Un’ora di buco nero, di disservizio, di non copertura, non può essere utilizzata come scusante a quanto accaduto. La Centrale Operativa avrebbe dovuto coprire le proprie mancanze facendo intervenire un altro organo di polizia, non pretendere che sia il cittadino volontariamente che si ferma e prova a fare quello che può. Il sollevare la Polizia Municipale da ogni responsabilità in merito a quanto successo, oltre a lasciarmi perplessa, mi convince ancora di più che probabilmente, a questo punto, la responsabilità di questo senso di insicurezza generalizzato che si percepisce in città, condito da queste mancanze, sia solo ed esclusivamente dettato da una politica sbagliata, incompetente ed avulsa dalla realtà che però non perde occasione di rilasciare dichiarazioni discutibili che colpiscono molto di più il corpo di polizia che prova a difendere e la stessa cittadinanza ravennate, piuttosto che la sottoscritta Consigliera di opposizione."

 

"Grazie a questa incapacità ampiamente dimostrata di produrre una politica di indirizzo a favore di Ravenna, dei suoi cittadini e del turismo, che possa adeguare il corpo di Polizia Municipale alle esigenze del territorio, ho depositato un question time, col quale avrò modo di confrontarmi direttamente con l’Assessore Vicesindaco Fusignani, in maniera pubblica e davanti a tutto il Consiglio comunale prendendo in parola le sue richieste di prendermela con lui piuttosto che con i nostri – effettivamente innocenti – vigili urbani" conclude la nota di Samantha Tardi del Movimento Civico CambieRà.

17/07/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Che uscita infelice di questa consigliera
17/07/2017 - Paul
sig. TARDI se ragiona così non sarete più cabierà ma non cambia un c...tanti corpi che fanno le stesse cose non combinano un c...., i vigili devono controllare il traffico polizia e carabbinieri i LADRI e non perdersi in cavolate.
17/07/2017 - batti
La consigliera Tardi fa il paio con le uscite della signora Verlicchi e di Gardin di Lega Nord: ma queste donne “illuminate” tutte in una volta sola quando mai ripasseranno nella vita politica cittadina?
17/07/2017 - nautilus
Buongiorno! A Nautilus voglio dire: ben venga qualcuno, che finalmente sollevi il problema. I vigili urbani a Ravenna fanno tutto e spesso male, tralasciando a volte All'assessore Fusignaniquello a cui sono deputati dalla legge nazionale, cioè la sicurezza stradale e il far rispettare il codice della strada.Divieti di sosta a parte All'Assessore Fusignani invece consiglierei di spendere le risorse economiche in maniera più sensata, magari trova i denari per istituire il turno notturno. Basterebbe acquistare delle Fiat Punto magari ecologiche, invece delle varie Subaru Alfa Romeo ecc. ecc. Sarebbero comunque vetture funzionali a quello che è il servizio svolto dala Polizia Municipale, la quale voglio ricordare, non è una Forza di Polizia!
18/07/2017 - Enrico
Complimenti ai commenti misogini. Per forza non cambia niente avete paura delle donne? Magari avessimo avuto tutti un po' più coraggio ed avessimo votato una candidata sindaco donna, ora non saremmo in questo impasse. Grazie invece al coraggio di queste signore che mettono la faccia e l'impegno.
18/07/2017 - angelo
La consigliera Tardi porta ad esempio un singolo episodio (di per sé non simpatico ma giustificabile data l’ora) per farne il paradigma dello stato di insicurezza che secondo lei avvolge questa città. Scrive infatti: “la responsabilità di questo senso di insicurezza generalizzato che si percepisce in città, condito da queste mancanze, sia solo ed esclusivamente dettato da una politica sbagliata, incompetente ed avulsa dalla realtà”. Io tale senso di insicurezza generalizzato non lo avverto, fermo restando che la PM è solo un tassello del più ampio ventaglio di forze col compito di sorvegliare l’ordine pubblico. Ne deduco che la sua è semplice speculazione dal fiato corto.
18/07/2017 - nautilus
Se Ravenna avesse un sindaco donna chissà dove sarebbe adesso Ravenna, avrebbe certamente "deviato" un moderno pinocchio al posto del paese dei Bengodi !!!!!
18/07/2017 - ori
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.