De Pascale: "Ravenna è un'eccellenza europea negli studi sulla navigazione e la logistica"

De Pascale: "Ravenna è un'eccellenza europea negli studi sulla navigazione e la logistica"

Concluso il master in Diritto penale dell’impresa e dell’economia. Dall’autunno importanti novità nella formazione legata all’economia del mare

Con la conferenza della professoressa Greta Tellarini dal titolo "Profili evolutivi ed applicativi del nuovo concetto di sicurezza marittima”, si sono concluse venerdì 21 luglio alla Sala Dantesca della Biblioteca Classense, le lezioni della terza edizione del Master in Diritto penale dell’impresa e dell’economia, diretto dalla professoressa Désirée Fondaroli, alla presenza del sindaco, Michele de Pascale, del presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale, Daniele Rossi e del consigliere della Provincia, Giannantonio Mingozzi.


L'incontro ha inaugurato il ciclo di seminari accreditati e convegni programmati per l'autunno 2017, nella prospettiva della caratterizzazione dei corsi universitari ordinari e post lauream del Campus di Ravenna nell’ambito delle tematiche della navigazione, della portualità, dei trasporti e della logistica. Le iniziative saranno supportate dal Dipartimento di Scienze Giuridiche, di concerto con il Comune di Ravenna, l'Autorità di sistema portuale, l'Ordine degli Avvocati e la Fondazione Forense ravennate.

“Già da appena insediati, insieme all’assessora all’Università e alla Formazione, Ouidad Bakkali – ha commentato il sindaco - abbiamo lavorato intensamente affinché si potesse aprire una fase due nei rapporti tra il nostro territorio e il Dipartimento di scienze giuridiche. Avere a Ravenna una sede di tale dipartimento è un fatto straordinario nella storia della nostra città, ma è giunto il momento che si inizi a lavorare con maggiore forza e maggiore intensità verso una sua specializzazione. L’ambizione condivisa tra la nostra città e l’Alma mater è fare di Ravenna un polo di eccellenza per la formazione negli studi giuridici collegati alla navigazione, ai trasporti e alla logistica".

"In questo senso – ha continuato de Pascale - il lavoro portato avanti in questi anni, e che ha visto un ennesimo importante appuntamento nella lezione della professoressa Tellarini, è una base fondamentale, ma già dal prossimo anno accademico e da quello successivo ci saranno considerevoli novità rispetto all’offerta formativa del nostro territorio. Sia nella formazione superiore, con l’Istituto tecnico nautico, che nella formazione universitaria, con i percorsi avviati insieme ai dipartimenti di Giurisprudenza e Ingegneria, Ravenna avrà la possibilità nei prossimi anni di caratterizzarsi come una grande eccellenza a livello europeo nella formazione legata all’economia del mare”.

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Evviva! Sono proprio contento! Siamo un'eccellenza europea anche nella formazione e negli studi di economia navale ecc. ecc. Anche stavolta siamo arrivati primi in Europa, sconfiggendo realtà come Trieste (Capitale Europea della Scienza) Genova,Rotterdam Amburgo.......... Ma fatemi il piacere! Piuttosto lavorate seriamente senza fantasticare. Volate basso e siate seri.
25/07/2017 - Enrico
Sono anni che non riusciamo ad scavare nel candiano.
25/07/2017 - ALDO
E soprattutto risolvete l'annosa questione dell'aumento del fondale del porto. Stavolta De Pascale ha proprio fatto una supercazzola madornale. Ma chi è il cervellone fino che gliele scrive?
25/07/2017 - porter
Sono d'accordo con Enrico!!devono volare bassi ma dove vogliono andare con tutte quelle chiacchiere! Stefano
25/07/2017 - Stefano
Molto bene,così i nostri figli laureati a Ravenna potranno rientrare dai paesi europei dove lavorano e sono apprezzati.Qui non trovavano niente ( tranne i soliti raccomandati e amici degli amici).Spero che in futuro ci sia possibilità per tutti.
25/07/2017 - Giusy
Primi nello studio, ultimi nei fatti
25/07/2017 - Emanuele
Basta pensare, che Trieste con uno staff di 60 persone che hanno lavorato intensamente, ha conquistato il titolo di Capitale Europea della Scienza 2020. Questo gli permette di ricevere finanziamenti per svariati milioni di euro che saranno utilizzati per il recupero del porto vecchio. Lo staff di Ravenna 2019 era composto da ben più persone strapazzate, che non hanno saputo concludere un c.....o. Il mio invito a volare basso e a non fare promesse da marinaio, credo ci stia tutto...........se non si cambia mentalità non si cambierà mai nulla. Purtroppo la mentalità è quella di una città bizantina fortificata dalle acque che la circondavano e resistente a tutte le innovaioni che venivano dall'esterno. Fate un po' il conto voi di quanti hanno siamo indietro.......
26/07/2017 - Enrico
caro sindaco se si fa un giro al porto vedrà che hanno chiuso quasi tutte le aziende che operavano nella cantieristica qualcuna trasferendosi- non solo per il lavoro che non cè ma e soprattutto per le infrastrutture i disservizi etc etc altro che logistica arrivare è una avventura - ma forse lei vive da una altra parte
26/07/2017 - Leo
Ci credo, a noi ci infilzano le scienze giuridiche (cioè avvocati), mentre i vicini Cesena e Forlì si accaparrano di Ingegnerie Meccanica, elettronica , informatica , aeronautica , Architettura (Facoltà per l'intera Unibo) .... ..e a Rimini: Economia, Farmacia, Medicina e altro. Tutti specialità utili alle loro province . Ma quale eccellenza! che Ravenna è la città con il magior num. di avvocati in Italia, quasi tutti in difficoltà ... e quale utilità avremmo noi cittadini e Ravenna di questi centinai di avvocati o legali che contribuiranno di più alla crisi di quelli già esistenti in città !? Ma dove vive questo credulone?
26/07/2017 - daniele
Sembra l'assessore Canini!
26/07/2017 - angelo
@angelo forse volevi dire ass. Cangini! ma valà! quello è un comico con un progetto di fare ridere la gente, questo è un comico che fa ridere la gente su di lui perché è un altro che ha al lingua infrenabile ed altri li fanno dire cose che lui è completamente inconsapevole! Beh, siamo solo all'inizio abbiamo ancora ben 4 e lunghi anni! Io c'è l'ho da morire con il PD di Ravenna, era necessario dopo le sciagurate gestioni di Mercatali e di Matteucci piazzare uno che non ha pallida idea della città!?
26/07/2017 - danilo
Cangini. Era un refuso il precedente. L'assessore di memoria zelighiana, tanto per intenderci.
26/07/2017 - angelo
@Enrico: nella foga di commentare (o criticare) non sei stato nemmeno in grado di capire cosa è scritto nell’articolo, dove il sindaco si è limitato a dire che “Ravenna avrà la possibilità nei prossimi anni di caratterizzarsi come una grande eccellenza a livello europeo nella formazione legata all’economia del mare”. Avere la possibilità non significa darlo per scontato, che è un po’ diverso da come l’hai interpretata tu.
26/07/2017 - nautilus
Nautilus chiedo scusa! Ma di proclami non si vive e non si cresce, ci vogliono i fatti! Se poi viene estrapolato una frase trionfalistica da un contesto articolato, per farne un articolo di stampa, le cose sono 2: O la redazione parteggia per quest'amministrazione qualsiasi cosa viene detto e fatto (Ma non ci voglio credere) o gli addetti alla comunicazione del Sindaco sparano alto per avere consensi..........e comunque ribadisco il mio pensiero, Ravenna non è una città aperta al nuovo!
27/07/2017 - Enrico
De Pascale non vuole più scavare il Candiano... gli hanno detto che si tratta di un buco nell'acqua... buttiamola sul ridere, ridiamo per non piangere
31/07/2017 - Tax19
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.