Calcio: Ravenna gran brutto risveglio. La Triestina dilaga al Benelli

Calcio: Ravenna gran brutto risveglio. La Triestina dilaga al Benelli
Il gol di Papa

Partita da incubo ieri sera al Benelli, con i giallorossi che incassano 5 reti in mezz’ora e giocano in dieci per poco più di un’ora per l’espulsione di Capitanio. Il Ravenna sbaglia approccio e partita, la Triestina fa vedere tutto il suo potenziale di squadra costruita per vincere. Finisce con un clamoroso 5-1 per i giuliani, una scoppola che su questi schermi non si vedeva da 32 anni (22 settembre 1985, Ravenna-Civitanovese 1-6 ma in campo c’era la Berretti giallorossa), e in trasferta da 17 anni (5-1 a Siena in B il 12 novembre 2000).

Mentre per vedere sei reti tutte concentrate nel primo tempo al Benelli bisogna andare con la memoria addirittura a 36 anni fa (27 settembre 1981), al successo per 7-3 del Ravenna sul Fidenza (3-3 dopo i primi 45’).

 

 

La cronaca della partita

L’inizio di gara è choccante. Dopo 6 minuti la Triestina è già sul 2-0 grazie ai colpi vincenti di Mensah (colpo di testa in diagonale su assist telecomandato di Bracaletti) e Porcari (staffilata bassa dal limite sulla respinta della difesa di casa dopo un tiro di Arma). Arma e Bracaletti sprecano il tris, poi il Ravenna ha un ruggito e Papa raccoglie la corta respinta di Perisan sulla botta al volo di Maistrello e riapre la gara. Il Benelli si infiamma, il Ravenna si rianima e comincia ad offrire scampoli del Ravenna che si conosce: sembrano esserci le condizioni per vedere un’altra partita. E’ purtroppo solo un’illusione: c’è un nuovo blackout che costa carissimo.

Al 24’ Mensah ruba palla in pressing, entra in area e scarica un destro vincente nell’angolo basso. Al 26’ punizione dal lato corto destro dell’area di casa. Bracaletti calcia diretto in porta sorprendendo Gallinetta. Altri 2’ e Capitanio ferma con una robusta spinta Mensah lanciato a rete: espulsione del difensore e rigore per gli ospiti che Arma spedisce sulla traversa. E al 31’ altro errore di disimpegno dei padroni di casa, e altro corridoio libero in cui fiondarsi. Questa volta tocca ad Arma che si rifà dell’errore dal dischetto, trafiggendo Gallinetta. Secondo tempo privo di ogni significato.

Il Ravenna si riorganizza col 4-4-1 e con alcuni spostamenti di posizione in campo, la Triestina continua a far girare palla e a cercare sempre sortite offensive ma a marce più basse, così strappa applausi Samb Fallou, l’unico a regalare qualcosa per il taccuino: al 32’ si destreggia al limite dell’area ma poi indirizza alto e in pieno recupero si incunea in area e dalla linea di fondo prova a sorprendere Perisan che si rifugia in angolo.

Gli spogliatoi

“Ci sono pochi commenti da fare – esordisce mister Antonioli – è successo quello che non avrei mai pensato potesse succedere. Abbiamo preso il primo gol al primo tiro, il secondo gol al secondo tiro e quando sembrava che avessimo riaperto la gara, siamo andati in confusione e commesso errori che di solito non facciamo. Devo anche riconoscere, però, i grandi meriti della Triestina: ci ha aggredito, ci ha pressato, ha disputato una prova al livello dei giocatori importanti di cui dispone. Azzeriamo questa battuta d’arresto e ripartiamo, sapendo che dobbiamo crescere e che dobbiamo lavorare sempre di collettivo”.

 

Il tabellino del match

Ravenna-Triestina 1-5

RAVENNA (4-3-1-2): Gallinetta; E. Ballardini, Venturini, Capitanio, Barzaghi (39’ st Ierardi); Selleri (10’ st Ronchi), Lelj, Papa; Tabacchi (10’ st A. Ballardini); Maistrello (21’ st Samb Fallou), De Sena (1’ st Piccoli). A disp.: Cavalieri, Venturi, Portoghese, Magrini, Sabba, Cenci. All.: Antonioli.

TRIESTINA (4-4-2): Perisan; Troiani, El Hasni, Aquaro, Pizzul (6’ st Grillo); Bracaletti, Meduri (6’ st Acquadro), Porcari (28’ st Castiglia), Bariti (28’ st Celestri); Arma, Mensah (17’ st Hidalgo). A disp.: Puccini, Boccanera, Libutti, Codromaz, Langwa, Petrella, Brandmayr. All.: Sannino.

ARBITRO: Colombo di Como.

RETI: 2’ pt Mensah, 6’ pt Porcari, 14’ pt Papa, 24’ pt Mensah, 26’ pt Bracaletti, 31’ pt Arma.

NOTE: Al 28’ pt Arma colpisce la traversa su rigore. Espulso al 28’ pt Capitanio per avere sventato una chiara occasione da rete. Ammoniti: Meduri, E. Ballardini, El Hasni. Spettatori circa 1400. Angoli: 1-3. Recupero: 2’ e 4’.

11/09/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Si una gran brutta partita !!! da vergogna !!! vedendo questo brutto spettacolo, si pensa ai discorsi fatti per un nuovo stadio...per le nuove misure di sicurezza imposte...mamma mia!!! si ritorni sui propri passi.- diamoci un sveglia !!!!!!
11/09/2017 - armando
Meglio non commentare.
11/09/2017 - ALDO
La grande bruttezza.
11/09/2017 - Francesco Forte
Spero che tutte le porcate viste ieri sera siano tutte quelle del di un campionato se no.....
11/09/2017 - cane
Beh la cosa positiva è che ul secondo tempo non ha subito goal.. ..
11/09/2017 - eddaie
A Ravenna purtroppo neanche il calcio se la cava, cosi come il basket, città in s......a.
12/09/2017 - Mario
Avevo sentito o letto da qualche parte ,che si pensava ad uno stadio nuovo...ma per chi? Per 2gatti che vanno allo stadio? Ma per piacere!!! E poi per vedere una squadra che puo' solo scendere di categoria,e' gia' un lusso essere in serie c.forza cesena!!!
12/09/2017 - Daniele
Cominciamo a sostenere la squadra e andare allo stadio che è meglio, una partita non vale un campionato specie in una serie C appena ritrovata. Poi se preferite andare a vedere il Cesena, prego!!!
12/09/2017 - Massimo
Alla mancanza di progettazione a lungo termine si tampona con prestiti presi a destra e a manca, ma solitamente è gente che giocava poco visto che se fossero stati buoni se li sarebbero tenuti... intanto che speriamo nel miracolo della salvezza, i giovani ravennati, quelli coi piedi buoni... sono già volati via al Cesena - Juve - Atalanta
12/09/2017 - tifoso
La prossima in casa capiremo meglio... Modena messo da ridere visto lo sfratto dal proprio stadio e in casa addirittura gioca a Forli... zero punti dopo 3 partite e a rischio fallimento... ecco se non si vince contro loro allora direi che siamo proprio rovinati e dovremo soffrire molto per salvarci
12/09/2017 - Sandro
Daniele stai tranquillo che il prossimo anno vedrai che tuo Cesena a Ravenna!! IN C
13/09/2017 - edo
E' che a Cesena allo stadio vanno in varie migliaia, da noi se si arriva a 1.500 è già grasso che cola... poi loro hanno Orogel e Tecnogym che danno tanti soldini... da noi si danno tutti di nebbia... la cosa peggiore è che il Cesena vende giovani ravennati promettenti a squadre di serie A portandosi a casa milioni di eurini...
14/09/2017 - tifoso
Se i giovani ravennati coi piedi buoni continuano ad andare nel Cesena la ragione si trova facilmente, basta vedere i rispettivi centri sportivi... e vanno anche a Forli... pensa te
14/09/2017 - carlo
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.