Fagnani sulle misure anti-terrorismo: "Non precludono la viabilità: obiettivo contenere la velocità"

Fagnani sulle misure anti-terrorismo: "Non precludono la viabilità: obiettivo contenere la velocità"

Oggi pomeriggio, martedì 12 settembre, durante la seduta del consiglio comunale, l'assessore ai Lavori pubblici Roberto Fagnani ha risposto - definendo le barriere newjersey e le fioriere pesanti poste in città, come funzionali principalmente al contenimento della velocità - al question time sollevato e depositato nei giorni scorsi da Michela Guerra, capogruppo della lista civica CambieRà (per rileggere il testo dell'interrogazione http://www.ravennanotizie.it/_index.html?_id1=100&_id4=801&_id5=123015&_id6=db_articoli)

"Le barriere anti-terrorismo, disposte nei luoghi più sensibili e a rischio della città, in attuazione delle direttive del Ministero degli Interni in collaborazione con le forze dell'ordine, hanno il principale scopo, belle o brutte che siano, di contenere la velocità per assicurare una maggiore sicurezza in caso di emergenza - ha affermato l'assessore Fagnani - L'efficienza di questi strumenti, che non precludono ai veicoli l'accesso, è stata studiata e continua ad essere oggetto di verifica e monitoraggio da parte delle autorità competenti. Quindi non è a rischio la viabilità per i residenti, gli esercenti commerciali, i fornitori e il personale del 118 (in caso di emergenze sanitarie); bisognerà soltanto rallentare in prossimità delle barriere, predisposte proprio a tal fine."

"La seconda fase - conclude l'assessore - su cui si cercherà di lavovare, sarà quella di rendere agevoli e così facilitare le operazioni di carico e scarico (in prossimità delle fioriere) da parte dei fornitori degli esercizi commerciali, attraverso l'installazione e regolamentazione dei pilomat. La tecnologia, per fortuna, ci aiuta a rendere semplici tali operazioni."



A cura di Erika Digiacomo

12/09/2017

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.