Ancisi (LpRa) interroga il Sindaco di Ravenna sulla "vergogna dei pannoloni incontinenti"

Ancisi (LpRa) interroga il Sindaco di Ravenna sulla "vergogna dei pannoloni incontinenti"

Il problema interessa, nella sola Romagna, 23.700 pazienti - La fornitura di pannoloni continua ad essere insufficiente e la qualità continua ad essere modesta

Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna) con un'interrogazione al sindaco di Ravenna segnala "la vergogna dei pannoloni incontinenti". Già tempo fa i familiari di persone con problemi di incontinenza lamentavano come gli “ausili ad assorbenza” - questo il nome tecnico, come ricorda Ancisi - che esse hanno diritto di ricevere dall’AUSL fossero largamente insufficienti per numero e per capacità di assorbimento, nonché per scarsa qualità e per formati scomodi ad essere indossati. Qualcuno la chiamò la "rivolta dei pannoloni". 

Se i pannoloni sono scarsi o scadenti ne deriva "un forte aggravio di costi per le famiglie, obbligate ad acquistare in proprio le forniture necessarie, ma soprattutto preoccupate perché la mancata tenuta dei pannoloni provoca danni per perdite di urina, cattivi odori, sviluppi di germi, piaghe da decubito. - scrive Ancisi ora nell'interrogazione - Non sembri un problema marginale, perché interessa, nella sola Romagna, 23.700 pazienti afflitti da tale grave fragilità, specialmente anziani, ma anche disabili. Nessun imbarazzo per una condizione in cui tutti possono trovarsi per cause umane. La vergogna è della sanità pubblica. Tutto è nato un anno fa, quando l’agenzia per gli acquisti della Regione ha appaltato ad una nuova ditta, per un ammontare di 24,4 milioni di euro, la fornitura triennale di pannoloni per gli adulti delle aree centrale ed orientale dell’Emilia-Romagna. I problemi e le reazioni che hanno sollevato la “rivolta” delle famiglie si sono maggiormente avuti in Romagna."

A un anno o più dalla rivolta dei pannoloni dell'anno scorso è tutto risolto? Si chiede Ancisi retoricamente. Pare proprio di no. Da qui la vergogna.

"Siccome questo appalto ha preso una brutta piega, alla faccia almeno della trasparenza, mi sono documentato in proprio. - scrive Ancisi nell'interrogazione - PROBLEMI DI QUANTITÀ. Sono significative due ricevute di consegna allo stesso paziente che ho in mano. La prima registra una fornitura di 100 pannoloni “dignity maxi” per la notte e di 120 pannoloni “dignity total” per il giorno, prevedendone in 119 giorni la consegna, avvenuta invece dopo 123. Dimostra una media di 0,8 pannoloni per la notte e di 0,97 per il giorno. Facendo gli stessi conti con la seconda fornitura - sperando che stavolta arrivi nel tempo previsto, non affatto garantito - si ricavano 0,9 pannoloni per la notte e 1,39 per il giorno. 2. Una scheda dell’AUSL datata agosto 2017, che riassume la posizione di un paziente centenario, documenta la fornitura di 90 pannoloni per il giorno e 90 per la notte ogni tre mesi, cioè meno di uno ogni 12 ore. Alla luce di tali dati, queste forniture paiono largamente insufficienti a garantire non solo il benessere, ma la “dignity” stessa - definita addirittura “maxi” o “total” - delle persone incontinenti, a cui servono almeno un pannolone la mattina, uno per il pomeriggio e uno/due per la notte, anche senza considerare altri problemi non certo infrequenti, quali ad esempio la diarrea."

Dopo la quantità insufficiente, la qualità scadente. "Stando alle evidenze manifestatemi, i pannoloni che vengono forniti non hanno la stessa capacità contenitiva del precedente appalto. - insiste Ancisi - Di fatto - ho conosciuto il caso di un anziano medico, egli stesso incontinente - è impossibile superare la notte con un pannolone, senza ritrovarsi completamente bagnati la mattina."

Infine i problemi di burocrazia. "Per richiedere l'attivazione di un nuova fornitura di pannoloni, servivano la domanda di invalidità e un certificato del medico curante che attestava l’incontinenza del paziente. Ora servono il verbale di invalidità definitivo (passano anche 3/4 mesi dalla visita, durante i quali le famiglie pagano di tasca propria i pannoloni, a prezzi del mercato al dettaglio) e la consulenza di un urologo o di un geriatra. Al paziente centenario di cui sopra, che il medico di base aveva certificato incontinente, la fornitura è stata negata perché gli mancava la consulenza specialistica. Il medico di base che conosce il suo assistito non basta? Occorre proprio uno specialista, il cui costo è pagato dall’AUSL, ma con aggravio di oneri anche per la famiglia (ad esempio per il trasporto con ambulanza) e conseguente aumento delle liste d'attesa?"

Per tutti questi motivi Ancisi chiede al sindaco, quale membro della Conferenza Sociale e Sanitaria, organo di indirizzo e di controllo politico-amministrativo dell’AUSL Romagna, di rispondere, con fatti concreti, ai rilievi da lui esposti.

14/09/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Sto avendo gli stessi problemi per mia madre, il nuovo gestore è molto irregolare nelle consegne e oltre al fatto che il periodo di consegna è passato da 2 a 3 mesi, spesso tali consegne sono in ritardo anche di una settimana. L'ultima volta addirittura un operatore che risponde dal nr verde, mi ha dato nr di cellulare dell'autista incaricato delle consegne, perché non avevano rispettato il giorno prefissato che già era stato posticipato di una settimana e mi sono sentita rispondere, anche se molto gentilmente , che doveva ripassare perché non gli avevano caricato il nr corretto di pannoloni per la notte, per cui non aveva senso mi avesse lasciato solo quelli per il giorno. in sostanza, i pannoloni mi sono arrivati dopo 3 mesi e 15gg e ho dovuto acquistarli.
14/09/2017 - monica
Stesso problema che ho con mio padre e madre purtroppo sempre legata hai soldi che pagano sempre i più deboli
14/09/2017 - Ethel
Problema anche se per la mia mamma, peraltro da me segnalato con una lettera a questa redazione qualche tempo fa. La consegna di agosto doveva avvenire all'inizio del mese, il giorno 4. Per quella giornata quindi chiedo a un permesso per legge 104. Sprecato, in quanto nessuno si presenta. Dopo qualche giorno, il 09, decido di chiamare il numero verde per fare presente il problema. Una scortese signorina mi risponde malamente che è inutile la data da loro segnalata in quanto per contratto possono posticipare anche di 15 giorni. Ma chi si vuole prendere un giro?? Solo a seguito della mia arrabbiatura, della comunicazione che avrei controllato il contratto ed inviato le fatture Delle spese per l' acquisto dei pannoloni necessari, due giorni dopo ho avuto la consegna!!! Siamo alla frutta! Nessun rispetto per gli anziani, per chi si prende cura dei propri cari a casa, con mille sacrifici anche economici. Bella sanità complimenti anche alla nostra amministrazione! Vergognatevi.
14/09/2017 - Rita
Rassegnatevi, ai politici di anziani non vogliono più sapere nulla! per loro è un peso che bisogna scaricarlo in ogni modo! stanno perfino scaricando l'ASP e dobbiamo girare come dei passi tra Cesena per le cure e per i problemi sanitari e a Lugo o non si sa dove nella bassa Romagna per i servizi alle persone (anziani), Bel rispetto hanno per gli anziani e bella integrazione: anziani - territorio che tutti cantano. I pannoloni entrano in questa ottica : "abbassare i costi a detrimento della qualità, poi, che se ne frega, sono Anziani!"
15/09/2017 - Luigi
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.