Coppia denunciata a Faenza per ricettazione: in casa i carabinieri scoprono 11 mila euro e due Rolex

Coppia denunciata a Faenza per ricettazione: in casa i carabinieri scoprono 11 mila euro e due Rolex

Una coppia è finita sotto la lente dei carabinieri di Faenza, trovata in possesso di oltre undicimila euro in contanti nascosti nell’abitazione. I due, di etniA rom, entrambi disoccupati ed ufficialmente senza reddito, non hanno sapiuto giustificare la provenienza di quel denaro che è stato sequestrato poiché ritenuto di provenienza illecita. ll “blitz” dei carabinieri di Faenza risale a qualche giorno fa, quando i militari si sono presentati alla porta della coppia - lui 41 anni, lei 34 - che vive insieme ai loro figli in un condominio della città. 

I militari dell’Arma nel corso di controlli, avvenuti di recente, avevano notato che i due coniugi portavano indosso gioielli, anelli, collane d’oro e orologi di marca che sembravano decisamente “esagerati” per le loro possibilità essendo entrambi disoccupati e senza reddito. Inoltre l'uomo, noto alle forze dell'ordine poiché già arrestato e denunciato per diversi reati soprattutto contro il patrimonio, negli ultimi tempi era stato visto più volte alla guida di un camper nuovo di zecca che a seguito di accertamenti era risultato del valore di circa 55mila euro.

Alla fine i carabinieri hanno voluto vederci chiaro e dopo aver approfondito la situazione di reddito dei due coniugi - avvalendosi della collaborazione dei militari della Guardia di finanza - hanno bussato alla porta della coppia per una perquisizione. I carabinieri hanno trovato 4.200 euro in contanti nascosti fra i pannolini ed i vestiti dei bambini. Poi hanno trovato un borsello contenente 7.300 euro in contanti, nascosto sopra la finestra della camera da letto matrimoniale, all’interno del cassone dell’avvolgibile.

In totale i carabinieri hanno “raccolto” durante la perquisizione dell’abitazione la cifra complessiva di 11.500 euro, tutti in tagli da 50 e 100 euro. I due rom non ne hanno saputo spiegare la provenienza. Nel corso della perquisizione è saltato fuori anche un orologio Rolex del valore di circa 5.000 euro che dopo una serie di accertamenti è risultato regolarmente acquistato e pagato in contanti in una gioielleria così come è risultato regolare l’acquisto di un secondo Rolex che il 41enne portava al polso.

I carabinieri hanno denunciato l'uomo e la donna per “ricettazione” ed hanno sequestrato l’intera somma di denaro trovata nell’abitazione, ravvisando delle evidenti incongruenze con la loro situazione reddituale accertata dalla Guardia di finanza. L’Arma ha già avviato le indagini per cercare di risalire alla provenienza di quelle banconote.

14/09/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Questa è l'integrazione tanto cara e sbandierata dalla sinistra che considera tutti fascisti chi non la pensa come loro cordialità Bitta
14/09/2017 - BITTA
Metterli in carcere pareva brutto?
14/09/2017 - ALDO
ancora ci sono persone che insistono sull'integrazione dei Rom, offrendo loro case e sistemazioni....ma quando apriranno gli occhi???
14/09/2017 - Hypersthene
Sx e dx non sono più credibili,hanno fatto solo i loro interessi,ora fanno campagna elettorale per i 5stelle e gli trema la poltrona
14/09/2017 - nonno
reddito ISEE = zero:-)))
14/09/2017 - afro
Per me aveva due Rolex per non mancare agli appuntamenti dentro le vostre case
14/09/2017 - Dom
...ma...tutti 'sti soldi nascosti in casa, tra i pannolini e nel cassone della tapparella...non sarà perché temevano i furti in abitazione???
14/09/2017 - EnricoM
vivranno anche in una casa popolare offerta gentilmente dal comune..
14/09/2017 - PAOLO
Mi sembra tanto ovvio il fatto che abbiano seguito alla lettera le raccomandazioni di non tenerlo in banca che te li rubano,ma sotto al Materazzi.Ovvio no?
14/09/2017 - Davide
........come la maggior parte di noi non sa spiegare da dove provengono 11 mila euro in contanti....la galero può rinfrescagli la memoria....rolex del valore di 5000 euro acquistato e pagato in contanti in una gioielleria......ma il tetto massimo per i pagamenti in contanti non è 3000 euro o sbaglio ??? e se così fosse la gioielleria doveva saperlo!!!!!!!!!!
15/09/2017 - eddaie
Fatemi capire: avevano un fuoristrada, due rolex e pacchi di soldi nascosti nei mobili. Usufruivano della casa pagata dal comune con la scusa del bambino malato. Ma se è vero che esistono italiani che dormono in macchina perchè hanno perso il lavoro, il comune di Faenza è come minimo amministrato da ingenui. Ci starebbe bene un'altra parola, ma non voglio esagerare, diciamo ingenui e non se ne parli più.
16/09/2017 - Giovanni lo scettico
Il mondo è pieno di furbi.. poi li invitano in Italia: venite venite che vi diamo casa cosi potete essere protetti e potete rubare a chi lavora!
18/09/2017 - Alessandra
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.