Il ricordo. Comitato Provinciale Fipav di Ravenna: due anni senza Sergio Guerra

Il ricordo. Comitato Provinciale Fipav di Ravenna: due anni senza Sergio Guerra
Sergio Guerra con la seconda Coppa dei Campioni conquistata

Il Comitato Provinciale Fipav di Ravenna con una nota ricorda a tutti gli appassionati di sport e di volley che "il 14 settembre 2015 ci lasciava all’età di 71 anni Sergio Guerra, l’allenatore del ciclo magico dell’Olimpia Teodora". Mancino, naturalmente predisposto allo sport, "prima di essere tecnico Guerra fu valido giocatore di pallavolo". 

 

Fipav traccia poi un profilo della lunga carriera di Guerra.

"Cresciuto nel vivaio dei Vigili del Fuoco di Ravenna, arrivò a giocare in serie A1 nel 1965 e da allora disputò 12 campionati, prima 3 anni coi VVF Casadio Ravenna, poi 6 a Bologna (2 anni con la Renana, 4 con la Lubiam) ed infine 2 a Faenza con la Spem, dove nel campionato 1976-77 fu giocatore-allenatore; in questi anni sfiorò solo lo scudetto, chiudendo 2 volte al secondo posto con la Lubiam Bologna, ed arrivò alla nazionale A nel 1968, quando partecipò con la squadra allora guidata dal ceco Kozak (con altri ravennati come Bendandi, Ricci ed il “fiorentino” Mattioli) alla Coppa Primavera a Norimberga ed Augsburg (5 presenze totali, secondo posto finale)."

"Dopo l’esperienza da giocatore-allenatore a Faenza, Sergio Guerra iniziò la sua avventura nel 1978 all’Olimpia come tecnico innovatore, destinato a lasciare la sua impronta nella pallavolo italiana ed internazionale degli anni ’80 e 90. Lì iniziò la sua storia con quella società che portò Ravenna sul tetto d’Europa per 2 volte (Coppa Campioni vinta nel 1988, prima squadra dell’Occidente della storia, e nel 1992, nella finale al Pala De Andrè) e del Mondo (nel canto del cigno a Fabriano nel 1993), dopo avere conquistato 11 scudetti consecutivi dal 1981 al 1991-92 ed essersi fatto fama di “Imperatore del Volley” con record conquistati sul campo come le 72 vittorie consecutive in campionato dal 2.3.85 al 8.12.87 (ben 33 mesi) e le 79 vittorie consecutive in casa, dal 14.3.84 al 17.4.89 (più di 5 anni)."

"La storia di Guerra allenatore è rimasta legata (quasi avvinghiata) a quella dell’Olimpia Teodora, perché, dopo i primi 16 anni consecutivi, ricchi di vittorie e gloria, il tecnico ravennate tornò a guidare il sestetto in tempi più difficili, dal 2002 al 2006, prima in serie A1 poi in serie B2 e B1; in mezzo, però, ci furono anche un biennio sulla panchina della Braglia Reggio Emilia dal 1994 al 1996 ed un biennio a Forlimpopoli in A2 dal 1998 al 2000, oltre ad un’esperienza nel settore maschile in B1 nel 2000-01 al Porto Ravenna; negli ultimi anni, peraltro, Sergio si era seduto sulla panchina di serie C della Sì Computer, ad aiutare il figlio Matteo, ancora innamorato della pallavolo e senza farsi problemi di categoria. Oltre ai successi con l’Olimpia Teodora, Sergio Guerra è stato poi il pioniere della pallavolo italiana anche alla guida delle nazionali: ancora prima della caduta del “muro di Berlino” inserì il volley azzurro femminile nel Gotha continentale prima con la nazionale juniores (secondo posto agli Europei 1988) e poi con quella assoluta (89 partite dal 1989 al 1991, con un terzo posto agli Europei di Stoccarda 1989 e vittoria dei Giochi del Mediterraneo 1991)."

Sergio Guerra è stato, come definito da chi l’ha conosciuto bene, “l’ultimo artigiano della pallavolo”, e tutto il volley ravennate ne vuole ricordare la memoria organizzando per la giornata di martedì 26 settembre l’evento “#sediciguerra-BovoGuerraDay”, che unirà il ricordo di Guerra con quello di Vigor Bovolenta, altra bandiera dello sport ravennate prematuramente scomparso, che darà ampio spazio alla passione dei giovani pallavolisti di oggi (tornei e partite per gli studenti delle scuole primarie al mattino e per gli atleti dei vivai delle società Fipav nel pomeriggio) prima della consegna del “Trofeo Sergio Guerra” alla vincitrice della partita tra Olimpia Teodora e Bartoccini Perugia, che si svolgerà in serata (l’evento dettagliato sarà presentato prossimamente nel corso di una conferenza stampa). 

14/09/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
E' stato un onore aver conosciuto Sergio, il più grande allenatore di volley. Ciao Sergio.
14/09/2017 - Gianni
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.