Processo Cagnoni: l'Udi devolverà ad un progetto educativo l'eventuale risarcimento di parte civile

Processo Cagnoni: l'Udi devolverà ad un progetto educativo l'eventuale risarcimento di parte civile
Giulia Ballestri e una manifestazione contro il femminicidio

Martedì 10 ottobre inizierà, nell’aula della Corte d’Assise del Tribunale di Ravenna, il processo al dermatologo Matteo Cagnoni accusato dell’assassinio della moglie, Giulia Ballestri. A cinque giorni dalla prima giornata di udienza, l’Udi di Ravenna che si è costituita parte civile nell’ambito del procedimento, ha incontrato ieri pomeriggio le giornaliste per raccontare come si prepara a vivere questo processo ed ha annunciato che "investirà" in un progetto educativo l'eventuale risarcimento.

Ma andiamo con ordine. L’appuntamento si è svolto nella sede della Casa delle Donne di via Maggiore, nella saletta adibita a biblioteca. Presenti insieme alle donne dell’Udi anche alcune rappresentanti della Casa delle Donne e l’avvocata Sonia Lama che ha assistito l’associazione in occasione della sua costituzione a Parte civile e avrà il compito di rappresentarla in sede di dibattimento.

È la seconda volta nella nostra storia che siamo presenti in un processo come parti civili – ha esordito  Lia Randi Legale rappresentate dell’associazione -. La prima volta è accaduto tanti anni fa, in occasione del processo a Pasolini Dall’Onda. Un processo che fece scalpore a Ravenna. In quel processo l’Udi fu accettata, ma senza diritto di parola. È la prima volta invece che siamo parte civile in un processo di femminicidio, grazie ad una modifica del nostro statuto”.

E questa volta, il ruolo che la storica associazione si appresta svolgere all’interno del dibattimento processuale, sarà sensibilmente diverso.

“Certo, – ha spiegato l’avvocata Lamanon avremo un ruolo come quello delle Parti civili ‘tradizionali’ e non sta a noi dimostrare l’eventuale colpevolezza dell’imputato. Quello che dovremo fare è difendere nel processo l’interesse perseguito dall’associazione”, interesse leso dal reato che costituisce il cuore del procedimento penale in questione.

“Condotte abusanti o violente ai danni delle donne”, scrive, a proposito dell'Udi, il giudice nelle quattro pagine di osservazioni sulla richiesta di costituzione delle parti civili, “risultano idonee a frustrare” la mission dell’associazione che si concretizza nella tutela della donna e della sua libertà ad autodeterminarsi.

“Quando sarà il mio turno, probabilmente in sede di discussione finale – ha detto  l’avvocata Lamainterverrò per difendere quell’interesse e quel diritto che hanno consentito all’Udi di entrare nel processo”.

C'è anche un secondo aspetto molto importante: la costituzione di parte civile porta infatti con sé la richiesta del riconoscimento del danno.

 

L’eventuale risarcimento, ha annunciato Lia Randi, sarà devoluto ad un progetto di educazione culturale “differente” nelle scuole, con l’obiettivo di dare un contributo a scardinare quella cultura della diseguaglianza da sempre terreno fertile per la violenza contro le donne. Un tema, quello dell’educazione ad una cultura di genere, che sta molto a cuore all’Udi.

“Pensiamo che le mobilitazioni non siano sufficienti – ha detto Lia Randi – e noi siamo impegnate quotidianamente, non solo in modo eclatante”.

“In Italia c’è un femminicidio ogni due giorni – ha ricordato Barbara Domenichini coordinatrice della Casa delle Donne -. Questa attività di tipo educativo non deve essere pensata solo per i bambini nei confronti delle bambine. Non abbiamo idea della difficoltà che ci può essere per molte di noi a comprendere che quello che stiamo vivendo è una violenza e magari se ce ne rendiamo conto non sappiamo come e a chi chiedere aiuto”.

Infine una parte dell'incontro è stata dedicata ad una breve riflessione sul linguaggio utilizzato quando si parla di episodi di violenza nei confronti delle donne.

I media, ha sottolineato l'avvocata dell'associazione, prediligono i titoli che fanno leva sulla morbosità. Al contrario la parola femminicidio spesso viene snobbata come se fosse un neologismo brutto e inutile. Talvolta è oggetto addirittura di derisione anche nelle aule di giustizia.

Ma le parole come diceva un indispettito Nanni Moretti ad una impacciata giornalista in "Palombella rossa" sono importanti e in certi casi possono contribuire anch'esse a creare un diverso punto di vista, una nuova e più giusta prospettiva.

A cura di Ro. Em.

06/10/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Mah, sono un po' scettico su queste parti civili. Intanto mi lascia basito il numero di duecento testimoni convocati dalle parti. Vuol dire che la "pistola fumante" non l'hanno trovata. Vuol dire che sarà un processo indiziario. Che questi chiamati sono duecento "puntini" che uniti fra loro delineeranno il volto dell'assassino come in un gioco della Settimana Enjgmistica. Ma come!! Mesi di ricerche, incidenti probatori, sopralluoghi, macchie di qua e orme di là e servono duecento testimoni? E in più dicono la loro Linea Rosa, UDI e Comune. Questo va a finire come l'infermiera killer se non stiamo attenti. Poche chiacchiere e senza demagogie sul femminicidio altrimenti un avvocato in gamba smonta tutto, magari in Cassazione !!!
06/10/2017 - porter
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.