Mobilità ciclabile: al via la campagna “Col casco non ci casco” e nuovi interventi per 2,8 milioni

Mobilità ciclabile: al via la campagna “Col casco non ci casco” e nuovi interventi per 2,8 milioni

L'Osservatorio regionale per la sicurezza stradale ha assegnato al Comune di Ravenna la titolarità di un progetto di divulgazione dell'uso del casco per i bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie, dal titolo “Col casco non ci casco”. Per promuoverlo l'Osservatorio metterà a disposizione 800 caschetti da bici. 

Aderisce alla divulgazione della campagna la squadra di pallavolo maschile Bunge Porto Robur Costa. Una delle prime occasioni di promozione sarà la partita in programma il 17 novembre alle 20.30 al Pala De Andrè, contro la Bcc Castellana Grotte, che sarà anche trasmessa da Rai Sport. Tra gli ospiti attesi per l’occasione l’assessore regionale ai Trasporti Raffaele Donini e il presidente dell’Osservatorio regionale per la sicurezza Stradale Mauro Sorbi. I caschetti saranno inoltre distribuiti nell’ambito di iniziative di educazione stradale, con particolare riferimento all’insegnamento delle regole di circolazione in bicicletta, fatte dalla Polizia Municipale e dall’ufficio Pianificazione Mobilità con la collaborazione delle scuole.

Scopo della campagna è quello di incentivare l’uso della bicicletta e favorire migliori condizioni di sicurezza a vantaggio dell'utenza debole, politica che l'amministrazione comunale "sta perseguendo sia negli atti di pianificazione sia negli interventi destinati al miglioramento delle infrastrutture ciclabili". Il Comune di Ravenna vuole infatti "dare concretezza alle campagne di promozione con interventi infrastrutturali dedicati ai ciclisti e ai pedoni guardando innanzitutto ai percorsi casa-scuola e casa-lavoro. Alcuni tratti ciclabili saranno realizzati grazie a un cofinanziamento regionale di circa 660mila euro, al quale si aggiungono risorse comunali per 1.090.000 euro: si tratta del secondo stralcio della pista ciclabile tra Ponte Nuovo e Madonna dell’Albero, lungo lo scolo Arcobologna, da via dell’Ulivo a Ponte Nuovo fino a via Pondi a Madonna dell’Albero (intervento da 550mila euro, di cui è stato approvato il progetto preliminare e si sta lavorando al definitivo/esecutivo). E di un intervento in via delle Americhe, a Punta Marina Terme, che ne aumenterà la sicurezza pedonale e ciclabile attraverso la realizzazione una nuova pista ciclabile, di nuovi marciapiedi e la sistemazione di quelli esistenti, sfruttando meglio l’area oggi destinata al traffico veicolare. In particolare, la pista ciclabile sarà protetta da uno spartitraffico e completerà il collegamento tra quella proveniente dalla città e quella esistente sul lungomare (intervento da 1,2 milioni, di cui è stato recentemente approvato il progetto esecutivo)".

Nell’ambito del Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro, il ministero dell’Ambiente ha poi riconosciuto al Comune di Ravenna, classificatosi al 26° posto in un bando dedicato a progetti di mobilità sostenibile (su 107 richiedenti), un cofinanziamento di 500.100 euro per la realizzazione di un progetto da 1.050.100 euro.

 

IL PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

• Scuola primaria Galliano Camerani – via Bargigia

Il progetto prevede la realizzazione delle piste ciclopedonali su ambo i lati di via Bargigia. I lavori consistono nell’uniformare la sezione stradale ampliando gli spazi destinati a cicli e pedoni incrementando così la sicurezza dei bambini che raggiungono a piedi e in bicicletta la scuola provenendo dalla parte opposta del quartiere. Nelle vie Beltrami (tratto Canalazzo/Antonelli), Ferranti, Berardi (tratto Carnevali/Bovini) e Carnevali (tratto Antonelli/Berardi) è prevista la realizzazione o il miglioramento degli attuali percorsi pedonali su entrambi i lati. Lo stesso si prevede di fare nelle vie Battuzzi, Bagioli, Fabbri e Felisatti. In questo modo si darà risposta anche a numerosi interventi previsti nel Piano dell’accessibilità urbana (Pau, Piano dedicato alle persone con disabilità).

• Istituto comprensivo Ricci-Muratori – piazza La Malfa – via Doberdò

Il progetto prevede l’installazione di un impianto semaforico pedonale da collocare in viale Galilei in prossimità della via Calcagnini per migliorare la sicurezza dei collegamenti tra una parte del quartiere (zona piscina) e la scuola.

• Scuola secondaria di primo grado Mario Montanari – via Aquileia

L’ intervento prevede l’adeguamento del tratto ciclabile esistente fra le vie Bellucci, Umago e Aquileia. Il collegamento esistente verrà pertanto allargato; si provvederà anche alla realizzazione della segnaletica.

• Scuola primaria Aurelio Gulminelli – via Del Pino, Ponte Nuovo

Sui percorsi che collegano una parte del quartiere (via del Pioppo, dell’Abete, ecc) con la scuola si prevede l’ installazione di un impianto semaforico pedonale e di un percorso protetto sulla via 56 Martiri fino allo stradello pedonale che porta alla via del Pino e quindi alla scuola; il percorso sarà protetto da una cordonata invalicabile. E' prevista inoltre la realizzazione di un percorso ciclopedonale che parte da via Dismano e si collega al percorso ciclabile attuale che sottopassa la rotonda Myrdal Alva, cosiddetta “delle Tartarughe”. Tale percorso prosegue lungo la via del Pino, sede di tre scuole, dove sono previsti l’adeguamento dei percorsi, al fine di ricavare un percorso ciclopedonale, e la razionalizzazione degli spazi adibiti a parcheggio a servizio dei plessi scolastici. Verrà adeguato l’impianto di pubblica illuminazione lungo via del Pino.

• Scuola elementare Vincenzo Randi – via Marconi – via Marzabotto

Le attività consistono nella realizzazione del collegamento della rete ciclabile esistente all’interno del parco Urbano (adiacente a viale della Lirica) fino alla rete esistente lungo viale Sandro Pertini all’altezza dell’attraversamento pedonale antistante al comando dei Carabinieri per connettere due tratti della rete ciclabile esistente.

 

SERVIZI PER INCENTIVARE LA MOBILITA’ SOSTENIBILE

• Pedibus scuola primaria Filippo Mordani – via Mordani

Vista la collocazione della struttura scolastica, allo scopo di incentivare la mobilità attiva e l’accompagnamento sicuro a scuola da parte dei genitori, si intende attivare la promozione e ottimizzazione del Pedibus per l’ingresso/uscita dal plesso scolastico.

• Nuovi parcheggi coperti per biciclette presso la sede del campus universitario

In ragione del supporto dato al progetto e per la promozione dell'uso della bicicletta nei percorsi casa-scuola e casa-lavoro è prevista l’installazione di nuove rastrelliere coperte e sicure per biciclette presso la sede dell'università di Bologna, campus di Ravenna. Tale previsione nasce anche dalle indicazioni emerse nel corso del processo partecipativo per la formazione del Pums (Piano urbano della mobilità sostenibile).

• Formazione dei mobility manager scolastici In tutti gli istituti scolastici si prevede la creazione della figura del mobility manager scolastico, individuato tra il personale scolastico, adeguatamente formato, in accordo con l’Ufficio scolastico regionale – ufficio X – ambito territoriale di Ravenna, che ha manifestato l’intenzione di fornire una partnership di organizzazione e coordinamento. L’azione prevede lo svolgimento di specifiche attività, incontri seminariali e lezioni d’aula, orientate alla formazione di una figura per ogni plesso scolastico, che funga da referente per il Comune, in grado di gestire le seguenti attività: farsi portavoce delle istanze e delle problematiche delle scuole e delle famiglie; attivare un canale di comunicazione diretto tra la scuola e l’amministrazione comunale; condividere programmi, attività e iniziative di mobilità sostenibile; razionalizzare gli orari di ingresso/uscita degli studenti a favore di una migliore funzionalità dei servizi di trasporto pubblico di linea e scolastico.

 

“Investire sulla mobilità sostenibile e sui percorsi ciclabili – ha commentato il sindaco Michele de Pascale – ha almeno tre linee d’indirizzo. La prima riguarda la salute, sappiamo benissimo che oggi la sedentarietà è il primo fattore di rischio per quello che riguarda tutte le patologie cardiovascolari, quindi abbiamo il dovere, a cominciare fin dalla più piccola età, di mettere in campo tutte le azioni possibili rivolte a promuovere qualsiasi forma di pratica sportiva e di attenzione contro la vita sedentaria. Promuovere la mobilità a partire dalla giovane età comporta anche un aumento significativo dei rischi e quindi alla promozione dell’utilizzo della bicicletta, va abbinata un’attenzione mirata alla sicurezza, non solo applicata ai ciclisti, ma anche applicata all’utenza forte, automobilisti e motociclisti, ad esempio attraverso i sistemi di controllo della velocità. Infine attorno al potenziamento della rete ciclabile, su cui stiamo lavorando moltissimo, è da tenere in considerazione anche l’aspetto dell’offerta turistica, sia per chi vuole visitare Ravenna in bicicletta, sia per i cicloturisti, per i quali la bicicletta è il motivo della propria vacanza”.

14/11/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Mi sembra di capire che anche in questa occasione siano finite nel dimenticatoio gli 800 metri di ciclabile che servono a collegare s.Stefano a Carraie
14/11/2017 - Gabriele
Buon giorno, nell'articolo si parla della realizzazione del secondo stralcio della pista ciclabile tra Ponte Nuovo e Madonna dell'Albero, ma il primo tratto che doveva essere realizzato dopo la chiusura dell'anno scolastico 2017 è terminato?
15/11/2017 - D.
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.