Sardinia Mosaic accoglie il Dis-ORDINE a Ploaghe

Sardinia Mosaic accoglie il Dis-ORDINE a Ploaghe

Dopo aver accolto a Ravenna l’Associazione Sardinia Mosaic di Ploaghe, l’Associazione Dis-ORDINE è stata invitata in Sardegna per consolidare il rapporto di collaborazione artistica nato in occasione di uno dei concerti del Festival Time in Jazz 2017 di Paolo Fresu a Ploaghe (in cui era inserita la mostra del 2° Simposio Internazionale di Mosaico Contemporaneo, a cura di Giulio Menossi), promosso da Sardinia Mosaic.

Accolti da Antonia Masala e Fabiano Salvador e dai soci onorari dell’Associazione Sardinia, i soci del Dis-ORDINE hanno consegnato al sindaco di Ploaghe, Carlo Sotgiu, una lettera del sindaco di Ravenna, Michele de Pascale che, rappresentando la Città Capitale del Mosaico, auspica possibilità di collaborazione e scambio culturale con la Sardegna.

Sabato mattina Mariella Busi De Logu, Catia Gori, Elena Pagani, Marcello Landi e Renzo Pasini, nei locali dell’ex-Convento Cappuccini, che ospitano la collezione permanente del Simposio delle Donne, hanno incontrato gli studenti della scuola media di Ploaghe, presentando la città di Ravenna attraverso immagini, racconti e canti. Gli studenti e gli insegnanti hanno accolto con entusiasmo la possibilità di realizzare con materiali del loro territorio un campionario e un’opera in mosaico del progetto del Giardino del Labirinto per il carcere di Ravenna, all’insegna della libertà.  

Questi contatti scaturiscono dall’estensione sulle arti visive TRIJAZZ MOSAICO DI LIBERTÀ del Progetto Pazzi di Jazz/Jazz Network/Ravenna Jazz. L’incontro si è rivelato decisivo per fondare le basi di future collaborazioni, progetti, laboratori ed eventi che coinvolgeranno all’insegna delle arti e del jazz, scuole e istituzioni tra Ravenna Città del Mosaico e Ploaghe Città Amica del Mosaico.

20/11/2017


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.