La città dell’Arte: convegno alla Casa Matha di Ravenna su passato e futuro del mosaico

La città dell’Arte: convegno alla Casa Matha di Ravenna su passato e futuro del mosaico
L'onda di mosaico all'ingresso del museo di Classe

Appuntamento venerdì 24 e sabato 25, nell'ambito della Biennale del Mosaico 2017

Venerdì 24 e sabato 25 novembre, nell’ambito della Biennale del Mosaico 2017 si terrà a Ravenna, alla Casa Matha, il convegno ‘La città dell’arte’. Il titolo allude alle città d’arte non solo come luogo di deposito storico, ma anche di stimolo per la produzione dell’arte contemporanea. Il convegno, considerando nello specifico il rapporto tra l’architettura, ‘l’arte utile’, con le altre arti e in particolare con il mosaico, si pone come obiettivo quello di andare oltre al compiacimento di un passato ricco di episodi notevoli per farne una risorsa utile anche a disegnare il futuro.

L'assessora alla Cultura Elsa Signorino afferma: ”La città dell'Arte tra architettura e mosaico è un importante convegno, da considerarsi un ponte che collega questa significativa Biennale del Mosaico alle future Biennali. In queste due giornate, infatti, vengono presentati casi emblematici come il progetto dell'associazione Dis-Ordine IL FILO e LE ALI - Il Giardino del Labirinto e l'Ondacheesonda progetto della Fondazione RavennAntica, entrambi già in cantiere,  che arricchiranno la nostra città in futuro”.

La prima giornata, presieduta da Maurizio Tarantino, inizierà alle 15.30.  ‘Costruire trame, tracciare percorsi’ raccoglie esperienze diverse dalle quali emergono stimoli costruttivi per interventi sul territorio nel segno di una città che ha nella sua anima la vocazione verso l’arte e in particolare verso l’arte musiva. A parlare di tutto ciò e di altro saranno importanti studiosi, architetti e artisti. Giovanna Cassese, professoressa di storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli, inaugurerà il convegno parlando delle ‘Stazioni d'Arte’ lungo la linea 1 della metropolitana di Napoli, che hanno inaugurato un nuovo modo di ideare aree di transito che uniscono architettura e arte.
 
Seguirà un intervento di Leonardo Sangiorgi, uno dei fondatori dello ‘Studio Azzurro’ di Milano, dal titolo ‘Video esplorativi e beni culturali non tangibili’ per proporre ricerche di temi, mercati e pubblico fuori dai canoni tradizionali.
 
Il gruppo composto da Massimiliano Casavecchia, Fabrizio Corbara, Cetty Muscolino, Paolo Racagni presenterà il progetto ‘Ondacheesonda’ per la mobilità di collegamento tra la basilica di Sant’Apollinare in Classe e il Museo della Città e il Territorio di Classe, caratterizzato da risorgive di mosaico che si collegano idealmente al ‘Mosaico dell’onda’ per sancire lo stretto legame tra Ravenna e il mare, ma anche suggerendo la presenza di una ricchezza stratigrafica che va dall’archeologia a un recente passato che vedeva quei luoghi percorsi dagli operai che si recavano al lavoro nello Zuccherificio.

Seguirà l’associazione il Dis-Ordine con il progetto del mosaico IL FILO e LE ALI - Il Giardino del Labirinto: un percorso di consapevolezza in fase di realizzazione nel giardino di fronte al Carcere di Ravenna, a Port’Aurea. Del mosaico che ha come tema gli elementi della natura presenti nell’opera di Dante, parleranno gli ideatori Giampiero Corelli, Paolo Gueltrini, Marcello Landi.

Chiuderà la prima sessione un relatore d’eccezione, lo storico dell’arte Andrea Emiliani con ‘La vita delle forme nel paesaggio’. Emiliani affronterà il tema delle strutture generatrici del paesaggio, inteso come ambiente prodotto dalle forme della naturale e dell’artificio introdotte dall’uomo, per contrastare la crisi del museo e del sistema delle arti – innescata dalla reazione della globalizzazione monetaria e della liberalizzazione economica privatizzatrice –  che incombe come uno degli aspetti di una mutazione pervasiva, già visibile nei problemi della scuola e dell’istruzione, con grave danno per la società.

La seconda giornata, presieduta da Alberto Giorgio Cassani, inizierà alle 9.30. ‘Ogni costruzione è fatta di frantumi’ vuole ripercorrere tre momenti fondamentali del rapporto millenario tra mosaico e architettura, attraverso tre grandi figure di architetti del Novecento che tale tema hanno inserito nella loro opera.

Di Antoni Gaudí (1852-1926), parlerà il massimo conoscitore al mondo della sua opera, Juan José Lahuerta, professore d’Història de l’Art i l’Arquitectura e direttore della Càtedra Gaudí alla Escola Tècnica Superior d’Arquitectura di Barcellona. Del celeberrimo architetto catalano verranno mostrate le opere più famose come Casa Battlò a Barcellona (1904-1906), trasformata così in una cascata di ‘coriandoli’ multicolori realizzati con la tecnica del trencadís e altre ancora.
 
Monica Centanni,  professoressa associata di Lingua e letteratura greca allo Iuav di Venezia farà conoscere l’opera di Dimitris Pikionis (1887-1968) l’architetto greco che compone un incredibile intarsio di pietre, accuratamente accostate e incastrate, a formare i sentieri di fronte all’Acropoli, la passeggiata archeologica che conduce ai Propilei e al Partenone (1954 al 1957), e che accompagna il viandante – con tempi lenti che il turista odierno non è più abituato a concepire – a uno dei luoghi più celebri del mondo.
 
Di Carlo Scarpa parlerà un suo ex allievo: Manlio Brusatin già professore alle Università di Venezia, Milano e Sassari. Con ‘Tessere colorate. Carlo Scarpa’ Brusatin racconterà dell’architetto veneziano che utilizza, con gusto ‘viennese-giapponese’, tessere di murrine bianche, nere, argento e oro, a contrassegnare il margine di un muro o a tracciare un’ideale linea di orizzonte, in solo apparente contrasto con quel materiale a prima vista così amorfo come il cemento armato (si veda il suo capolavoro, la Tomba Brion a San Vito d’Altivole ,TV, 1969-1978, scelto anche per l’immagine del manifesto e dell’invito in una fotografia di Guido Guidi).

Il convegno è organizzato da Fondazione Flaminia, Scuola Superiore di Studi Sulla Città e il Territorio in collaborazione con Comune di Ravenna, RavennAntica, Mar, Istituzione Biblioteca Classense, Accademia di Belle Arti, Dis-ORDINE e Casa Matha.

23/11/2017

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
oh chi si rivede nella foto, Alberto (Giorgio?) Cassani !
23/11/2017 - Luciano
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.