Far West al Pronto Soccorso Ravenna: 12 denunciati. Lite fra 2 famiglie rom per relazione giovanile

Far West al Pronto Soccorso Ravenna: 12 denunciati. Lite fra 2 famiglie rom per relazione giovanile

Si precisano i contorni della vicenda della lite furiosa avvenuta ieri sera - mercoledì 10 gennaio - al Pronto Soccorso di Ravenna. Un Pronto Soccorso pieno di gente in attesa di essere visitata e che alle 22.10 circa diventa teatro di una specie di assalto e di lite violenta da parte di una quindicina di persone pare - alle fine ne sono state individuate e denunciate 12 - che se le sono date di santa ragione per futili motivi. Scene di panico e tanta paura fra le persone presenti, ovviamente. 

Subito dopo l'ingresso dei violenti sono arrivate tempestivamente le Forze dell'Ordine - Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza - che hanno messo in sicurezza i pazienti e il personale e riportato la calma, fermando i violenti, identificandoli e procedendo poi alle denunce del caso, come racconta il dottor Massimo Marcis della Polizia di Stato.

Dodici le persone denunciate: si tratta di rom di origini rumene che sono residenti a Ravenna. La lite è scoppiata per una relazione contrastata fra due ragazzi appartenenti a due diverse famiglie e questa "relazione pericolosa" - una sorta di rivalità fra Capuleti e Montecchi in salsa rom - ha portato a continui litigi fra gli appartenenti ai due clan familiari. Non a caso ieri la lite era iniziata prima in Via Aquileia, dove le due famiglie avevano cominciato a darsele per strada e avevano fatto danni alle auto: qualcuno si era anche fatto male. Perciò quando chi era rimasto ferito in strada è andato al Pronto Soccorso gli altri sono andati all'inseguimento e hanno pensato bene di proseguire la scena da Far West dentro il Pronto Soccorso.

Fino all'arrivo delle Forze dell'Ordine. Sulla vicenda sta indagando la Magistratura e si attendono a breve provvedimenti. Denunce e forse altro. I 12 denunciati dovranno rispondere sicuramente dei reati di interruzione di pubblico servizio, rissa e porto abusivo di armi atte ad offendere. Infatti ai violenti sono stati sequestrati bastoni, mazze e anche un coltello.

 

A cura di P. G. C. 

11/01/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Ok quindi saranno di nuovo liberi...
11/01/2018 - Calamaio
Proposta,rispedirli in Romania e casa.loro sarebbe la cosa migliore. Dobbiamo tenerci a Ravenna gentaglia di questo genere, questi non si integreranno mai e non rispettano niente e nessuno lo volete capire politici buonisti del cavolo. Tutta la mia solidarietà al personale del PS che purtroppo grazie alle nostre politiche si troverà sempre di più a dover far fronte a situazioni come questa.
11/01/2018 - Lisetta
E con questo il PD a chiuso il libro della sua triste storia!
11/01/2018 - Massimiliano
che dire? un grazie ai ""soliti noti""..ed a coloro che il 4 marzo li rivoteranno !
11/01/2018 - indignato
Ma le nostre istituzioni. ..politici eletti....hanno capito come fare per controllare il territorio?....abbiamo la decenza di dimettersi...o nominare chi lo sa fare....
11/01/2018 - Cittadino di ravenna
Aggiungiamo anche questa ai furti in appartamento, alle spaccate ai negozi ed al degrado di certe zone ormai in mano ad immigrati nulla facenti e spacciatori... Ah già, ma per questa amministrazione le priorità sono gli autovelox ed il nuovo palazzetto dello sport!!!!
11/01/2018 - Fabio
cose che succedono nel nord africa PURTROPPO
11/01/2018 - pollo
Vorrei commentare...no,no, è meglio di no...due parole soltanto...fate schifo...se vado avanti mi censurano...e comunque avrei una cura sicura per questi personaggi...io sono stanco...
11/01/2018 - piroga
Io sempre Pensare che Rumeni essere gente trankvilla , Qvesto Kazino essere normale diskuzione tra Amici.... perche polizia mettere zuo Nazo. Ma come siamo messi Ha Ha...
11/01/2018 - Angelo
Pensate alla sfortuna di trovarseli in casa, anni fa l'abbaiare del mio cane ha messo in fuga tre rom e non sono saliti al primo piano di casa mia, ma sono pericolosi!
11/01/2018 - maria
Se li hanno lasciati liberi direi che è una presa in giro. Vanno messi in galera subito e rispediti al loro paese Senza mi senza ma . E se hai (finti) buonisti non va che seli ospitino in casa loro. Una nazione oltretutto bellissima come è l'Italia deve difendersi da questa gente e liberarsene nonché respingere qualunque forma di invasione. Non dico altro. Anche perchè sicuramente io nato a Ravenna non capisco nulla mentre loro so o molto più furbi
11/01/2018 - Massimo
Chissà come saranno spaventati e intimoriti da questi provvedimenti. I rom sono notoriamente un'etnia che teme la giustizia e le forze dell'ordine. La cosa importante è non esagerare, sempre notoriamente, loro hanno forti intenzioni di integrazione con noi italiani e con il resto del mondo. Si, è tutto ironico, non si sa mai che qualche "mancino" capisca male. Il 4 marzo è vicino, sappiamo tutti cosa fare.
11/01/2018 - Max
Se non cambiano le cose saranno cose di normale amministrazione. I cittadini pagano e loro delinquono protetti dalle leggi . Tutti al 4 marzo e pensate agli ultimi eventi capitati negli ultimi mesi . QUINDI....,..,,,,
11/01/2018 - Maurizio
Chi dice che Ravenna è diventata un Bronx non esagera...! Quello che mi fa incazzare,oltre a tutto,è che le spese mediche e sanitarie, per curare questa "gente", saranno a carico di noi contribuenti."Oltre al danno..... la beffa"!!
11/01/2018 - livio
Chi scommette con me che le varie denunce si risolveranno in un nulla di fatto istituzionale? Una cazziata, magari una sanzione amministrativa ma intanto liberi. Peccato che come il 99% dei rom saranno nullatenenti (pur girando con auto che io Italiano con un lavoro normale, posso solo sognare) e non sborseranno un centesimo. francamente sono stufo di sentirmi preso in giro da questa gente e dalla politica anti-Italiana degli ultimi 20 anni(PD e compagni roditori vari). Alle urne, ammesso che ci si vada veramente, ricordiamoci dei tagli alla sicurezza che sono stati fatti dai vari governi di sinistra e della depenalizzazione dei "reati minori" iniziata dagli altri fenomeni e portata a termine da una serie di governi NON ELETTI MA IMPOSTI!!!!!
11/01/2018 - Raf
E' per ricevere i finanziamenti che lor signori si sono inventati che ci troviamo in questa bella situazione. Poveri I nostri soldi, la nostra Patria, I nostri figli. Che schifo!
11/01/2018 - angelo con nostalgia
Tu, nato a Ravenna, insieme a Massimiliano fareste bene ad imparare almeno l’uso dell’acca e del verbo avere. Un pochino di cultura in più aiuretebbe anche ad evitare i commenti più banali.
11/01/2018 - Ale
....e qualcuno ancora si indispettisce perchè Ravenna sprofonda nelle classifiche di vivibilità e primeggia in quelle della delinquenza! Qui ognuno pensa di poter fare quello che gli pare e - visto il perdurante clima di impunità - i fatti gli danno ragione. Cambiano prefetti e questori (ma non i politici), ma a forza di tollerare piccoli e grandi abusi (dai i biglietti non pagati nei bus allo spaccio premiato con Wifi gratis e panchine artistiche per farlo meglio), ormai la situazione è fuori controllo: basta leggere le cronache. Siccome neanche al più violento e "noto alle autorità" dei figuri identificati sarà fatto nulla, resta la curiosità di sapere se a questa gentaglia saranno quantomeno fatti pagare i danni alle cose ed i ticket per le cure ricevute! Confido che il benemerito Ancisi non tarderà a sottoporre questo tema a chi ci governa. Massimo: i romeni sono comunitari e non possono, neanche volendolo, essere "mandati a casa propria": se resiedono a Ravenna, casa loro è qui!
11/01/2018 - (San) MIchele
@Ale, H o non H o verbo o non verbo il succo della questione è sempre quello.Mi sembra molto più banale il tuo commento!visto l'argomento dell'articolo.
11/01/2018 - Gufo
Rumeni o italiani che siano, nessuno più insegna l'educazione, il rispetto, le buone maniere. Nessuno ha cultura, nessuno ha valori..... Non meravigliamoci per favore! Se questi "signori" che hanno fatto pietoso spettacolo dovessero andare in galera, veramente molti di noi vedrebbero il sole a quadri per diversi mesi
11/01/2018 - sgrunt
Qualcuno ha detto che dobbiamo smetterla di respingere questi nostri fratelli, perché anche loro sono persone! Magari se fossero un po' più civili andremmo tutti un po' meglio!
11/01/2018 - Franca
E chi si è trovato la macchina danneggiata da queste brave personcine in via Aquileia, sicuramente il Comune risarcirà i danni!! Anche io penso che a queste persone bisognerebbe censura censura e poi ancora censura finche non censura
11/01/2018 - F.S.
@ RAF...BRAVO ,CONDIVIDO TUTTO IL SUO PENSIERO E COME ME TANTI ALTRI..IL PROSSIMO 4 MARZO AVREMO UN GOVERNO ELETTO DAL POPOLO E NON IMPOSTO!!! B.S.M.
11/01/2018 - Daniele
Ravenna città sicura.
11/01/2018 - Mario
Giustamente i sinistri di cultura frattocchiana..guardano le H:-)))..Rassegnatevi, a ravenna non cambiera' mai nulla.., avete letto tutti i commenti di condanna e sfotto'..nei confronti di Marescotti..??..Uno dei pochi che, caso strano, cambia idea e voto!! Agli elettori dei soliti noti, da cio' che si puo' desumenre dai commenti..va bene cosi'!!
11/01/2018 - albino
Maroni è stato a lungo ministro degli interni senza risolvere assolutamente nulla quindi il problema è più complesso. Inoltre molti fanno finta di non sapere, oppure non conoscono le leggi italiane, che il sindaco non ha nessun potere in materia di ordine e sicurezza pubblica che invece è totalmente in mano a prefettura e forze di polizia statali
11/01/2018 - Giovanni
Oggi son gia tutti n liberta’ che se la ridono alle spalle dei cittadini onesti. Ci vogliono pene severe, molto severe. E soprattutto se uno straniero comunitario o extracomunitario, viene fermato per questioni di delinquenza deve essere immediatamente rimpatriato con perdita di ogni diritto acquisito.
11/01/2018 - Mauri48
Il sindaco non prende posizione semplicemente perché non può permettersi di uscire dal seminato della linea di partito, Per il PD "ufficiale" viviamo in una nazione celestiale fatta di amore & fratellanza. Chi dice il contrario rischia di essere deriso da Renzi (De Pascale chiii?) e buttato fuori, e chi viene buttato fuori e non ha un po' di spessore politico rischia di finire a fare un lavoro vero
11/01/2018 - Alessandro
Ricordate, cari ravennati che avete la rotazione forfettaria del flusso d'aria decontaminato dai vostri pochi neuroni, che questi reati minori sono stati DEPENALIZZATI dalla destra. Penso che NESSUNO sano di mente possa sperare che queste persone vengano liberate, neanche il più liberale dei liberali.
11/01/2018 - Eugenio
I rumeni non sono extracomunitari, sono europei come noi e possono spostarsi da un paese all'altro senza troppe difficoltà. Purtroppo i rom non hanno nessuna intenzione né di integrarsi né di lavorare onestamente nei paesi in cui vanno. In certi paesi dell'Unione vai solo se dimostri di avere un lavoro che ti aspetta, sarebbe il caso di stringere le maglie anche in Italia.
11/01/2018 - Michela
Non preoccupatevi, metteranno un autovelox davanti al pronto soccorso!
11/01/2018 - Giovanni lo scettico
Bravo Ale, è grazie al corretto uso dei verbi che verranno fuori proposte x migliorare la nostra città. Poveretto! !!
11/01/2018 - Francesco
Sinceramente stupirsi di ciò che succede è quantomeno da sprovveduti, come stupirsi degli spacciatori nordafricani e dei consumatori di medio ceto sociale,se di basso ladruncoli o spacciatori a loro volta per procurarsi la pecunia; la fine di una civiltà si ha quando il degrado, morale civile e politico viene evidenziato come ora accade a casa nostra. Meno chiacchere e più fatti, (non fatti di coca) mo basta come si dice da noi, quando certa gente ha certi comportamenti, applicare le leggi di casa loro, smettono subito.......quanti anni fai in Romania per il furto di un carretto di legna? Quante mani ti tagliano in Musulmania se rubi?
11/01/2018 - tarlo1951
Ringraziamo la sinistra illuminata e la chiesa buona e misericordiosa.
11/01/2018 - ALDO
A Ravenna non si è sicuri neanche al Pronto Soccorso... L'unica cosa che possiamo fare è ... verificare cosa hanno fatto i Nostri Amministratori in questi anni ... se siamo contenti ... li rivotiamo... se vogliamo CAMBIARE I GIOCATORI .... il 4 Marzo .... decidiamo per il cambiamento.... rovesciamo il tavolo .... e si ricomincia. Forza.... è ora di cambiare.
11/01/2018 - roby
Eugenio come può la destra avere depenalizzato i reati minori se non governa dal novembre 2011? Se ben ricordo l'ultimo provvedimento per depenalizzare risale al governo Renzi.
11/01/2018 - Marilu
Io dichiarerei guerra alla Romania! Anzi dopo aver costruito una linea Maginot tutta attorno al nostro territorio, l’invaderei con le nostre truppe più agguerrite di leghisti e “quaraqquaqquàtrovadifetti” dell’ultima ora. Soprattutto quelli che erano al governo fino a qualche anno fa e figliocciarrampicatorisparacontroatuttiicosti. IN GALERA!
11/01/2018 - Dave
Sapete cosa succederà il 4 marzo? Tutti canteranno : dice che era un bell'uomo e veniva, veniva dal mare, parlava un altra lingua però sapeva amare. Intanto che tutti giocheranno a carte e berranno vino, per la gente del porto ci penserà Gesù bambino!!!! Tradotto resterà la solita barzelletta di sempre!!! Gente che da anni e anni vota con i paraocchi
11/01/2018 - Filo
Ale sei un mito. comunque bene cosi, continuiamo ad accogliere ed essere garantisti che gli agevoleremo ad avere il sopravvento sulle nostre leggi e forze dell' ordine . Sveglia popolo Bue
11/01/2018 - Mimmo
L'ultimo provvedimento c.d. svuota carceri e' dei sinistri..!! Remembar! E, comunque, chi attualmente difende a spada tratta i ladri facendo loro, anche, risarcire gli eventuali danni che riportano durante lo svolgimento della loro attivita' delittuosa? E, fa condannare i derubati/vittime?
11/01/2018 - albino
è incredibile come ancora la quasi totalità dei commenti possa credere che la responsabilità di ciò che accade è di questo o quell'altro governo, l'unica cosa vera è che la responsabilità è si di un (governo) ma se sperate che dal 4 marzo possa cambiare qualcosa semplicemente cambiando schieramento, allora credete ancora a babbo natale. Per chi non lo avesse ancora capito: NON SI TORNA INDIETRO
12/01/2018 - pablo escobar
Il sindaco non può farci niente e compito del prefetto, chi la mette in politica vorrei ricordare che i Rumeni sono cittadini europei e non extracomunitari, quindi possono circolare come vogliono in Europa, poi la legge che regola gli ingressi extracomunitari in Italia si chiama BOSSI, FINI, smettete di leggere topolino e leggete più quotidiani
12/01/2018 - Nonno
siamo morbidi e ne paghiamo le conseguenze
12/01/2018 - roberto
@eugenio ma che stai a di' ? Semmai la sinistra e il vostro caro renzi ha depenalizzato le pene..non parlare per sentito dire,ma informati bene ...apri le orecchie e semmai una viisita dall' ottorino !
12/01/2018 - Daniele
Evviva l'integrazione!!!
12/01/2018 - Andrea
Purtroppo siamo in fondo al pozzo.Non ci sarà PD-FI-Lega ecc.... che ci salvi.Non illudetevi perché anche dopo il 4 Marzo nulla cambierà.
12/01/2018 - Giancarlo
Marilù, quel c*****one di Renzi ha proseguito un lavoro iniziato da Berlusconi nel lontano 1994. E' tutto scritto, basta conoscere le leggi.
12/01/2018 - Eugenio
Eh beh, depenalizzare le pene...
16/01/2018 - Daniele
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.