LA POSTA DEI LETTORI / Sullo stato di dissesto, e non solo, in cui versa ormai da anni via d’Azeglio

LA POSTA DEI LETTORI / Sullo stato di dissesto, e non solo, in cui versa ormai da anni via d’Azeglio

Non ritengo necessaria alcuna specifica competenza per comprendere lo stato di dissesto, e non solo, in cui versa ormai da anni via d’Azeglio. Una strada del centro cittadino a senso unico, ad alta densità di traffico, percorsa in senso inverso anche da autobus, caratterizzata da dislivelli del fondo stradale e da tombini disseminati in qua e in là. 

Ma ciò che più stupisce è l’assoluta mancanza della segnaletica orizzontale, innanzi tutto ai lati della strada, a garanzia dello spazio vitale, della sicurezza e dell’incolumità dei cittadini che escono ed entrano dalle innumerevoli abitazioni ad essa prospicienti, nonché dei pedoni che la percorrono e dei ciclisti che vi circolano. La corsia preferenziale degli autobus non è a sua volta delimitata dalla regolamentare striscia gialla.

Questo deficit segnaletico peraltro propizia soste selvagge, che non di rado determinano ingorghi di traffico. Ritengo invece incomprensibile perché mai l’Amministrazione locale - che pure ha da poco realizzato l’imponente restauro di piazza Kennedy - non prenda in considerazione la necessità di pianificare ed attuare il più presto possibile la messa in sicurezza di via d’Azeglio, vero circuito da rally e da slalom che mette a repentaglio l’incolumità di quanti debbano avventurarsi, pardon, percorrere quella tormentata arteria cittadina.

A buon intenditor poche parole!

 

Giuseppe Fantini Ravenna

11/01/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
La percorro tutti i giorni visto che porto mio figlio al Liceo Scientifico e posso confermare che è tutta dissestata e bisogna procedere a Zig Zag se non si vuole lasciare le sospensioni a terra. Inoltre non capisco che motivo ci sia di far passare Autobus e Taxi in senso contrario quando c'è una via parallela (Via Oberdan) che permette di andare nella stessa direzione. Stessa cosa non capisco perchè l'autobus passa in senso contrario anche in Via Missiroli davanti all'ospedale civile, quando ci sono vie parallele a doppio senso dove potrebbe passare tranquillamente......vorrei capire chi decide la viabilità a Ravenna perchè girare per Ravenna è diventato impossibile.....cose assurde ........!!!!
11/01/2018 - Ros
Abito da anni in via Massimo d'Azeglio e posso confermare lo stato di abbandono di questa via... Negozi chiusi... Asfalto distrutto... Rattoppi qua e la... Che vergogna!! E dire che potenzialmente potrebbe essere una delle vie più belle di Ravenna ... Vergogna!!!! Chi di dovere legga e si muova... Grazie
11/01/2018 - Scocciato
Da anni oramai Via D'Azeglio è dissestata, continuamente tagliata, perforata, scavata da innumerevoli interventi nel sottosuolo che, forse, potevano essere concentrati in pochi lavori mirati. Ma quando la mano destra non sa cosa fa la sinistra i risultati sono questi. E poi perché è stata asfaltata solo di fianco a Palazzo Rasponi delle Teste ?? Ed il restante 70% della strada che sembra essere stato bombardato ?? Risistemare immediatamente il tutto per rendere la via decorosa. Avete mai pensato di mettervi nei panni di un qualsiasi turista che la percorra a piedi od in auto ?? Vergogna ....!!!!!
12/01/2018 - Atalante61
strada indecente da sempre,manto stradale orrendo con buche, toppe e tombini/fossa, ciclisti in contromano che zigzagano tra i pedoni, auto parcheggiate selvaggiamente....e l'amministrazione muta e assente come sempre...Ravenna è una nave senza comandante!
12/01/2018 - sospensioni
Per carità state zitti e non lamentatevi. Potrebbero mettere un autovelox!
12/01/2018 - Giovanni lo scettico
Tutto giusto (via D'Azeglio è sempre stata così, almeno dai primissimi anni 80, cioè da quando ho ricordi di bambino). Sulla questione della segnaletica orizzontale, meglio non spendere soldi inutilmente. A Ravenna la segnaletica orizzontale è solo un vezzo, una decorazione stilistica. Fatevi un giretto nelle zone di via Vallona e via Chiesa nel quartiere S. Biagio. Qualche anno fa rivoluzione della sosta e della segnaletica, completamente ignorata. Tutti fanno ciò che vogliono dal parcheggio in sosta vietata al parcheggio abusivo nelle zone a pagamento, senza che nessuno faccia nulla. E provate a ricordarlo agli autisti indisciplinati... vedete come venite aggrediti.
12/01/2018 - Emanuele
Via D'Azeglio è utilizzata come percorso di attraversamento del Centro Storico per l'itinerario Randi/Piave; Port'Aurea, S. Teresa, Lolli, G. Rasponi via D'Azeglio via e piazza Baracca. La strada è percorsa dagli autobus di grandi dimensioni di START nei due sensi di marcia. La strada è priva di marciapiedi ed ha una larghezza ridotta in molti punti tale da non consentire il transito contemporaneo di veicoli. Su via D'Azeglio il Comune è stato immobile e non ha fatto niente per migliorare la sicurezza di pedoni e cicisti come la realizzazione di una adeguata segnaletica dei percorsi lateralii e delle strisce pedonali e la definizione delle precedenze fra i veicoli. Via D'Azeglio è un vero e proprio far-west stradale dove tutto è permesso.
13/01/2018 - Alessandro
Giovanni lo scettico... non server l'autovelox, la strada è talmente disastrata che percorrendola a velocità troppo alta sfasceresti il tuo veicolo. Ecco un sistema efficace per ridurre la velocità! E non c'è reclamo che tenga, dopo che hai spaccato un cerchione o un semiasse vai dal meccanico e... paghi, certo che paghi! Se vuoi girare di nuovo... altro che ricorso (ovviamente era un post ironico, se non si era capito...)
16/01/2018 - Tax19
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.