Berti e Liverani (LN) su arresto due funzionari Hera: processo di “messicanizzazione” del territorio

Il consigliere faentino Jacopo Berti e il consigliere regionale Andrea Liverani, entrambi della Lega Nord, entrano a gamba tesa sull’arresto dei due funzionari di HERA accusati dalla Guardia di Finanza di concussione e induzione indebita: ”È un episodio immondo, di una gravità indescrivibile. Se i due dipendenti di un’impresa partecipata dai comuni hanno effettivamente preteso del denaro dagli imprenditori con cui operavano - dicono - ci troviamo davanti alle ultime fasi un processo di “messicanizzazione” del territorio, ovvero in una trasformazione in un paese del 2º mondo."

"Al degrado, ai reati predatori e contro la persona si aggiunge ora il cancro della corruzione e del marcio dentro gli enti pubblici e partecipati” scrivono i due esponenti del Carroccio, secondo i quali questi episodi si ripeteranno: “Nel corso degli anni i comuni e gli enti locali hanno delegato alla multiservizi HERA sempre più competenze: la partecipata è diventata una gigantesca piovra, che opera in regime di monopolio e ha un potere pressoché assoluto. Delegando sempre più potere a HERA, che ha già dimostrato varie molte inefficienze e disservizi, questi episodi saranno sempre più frequenti: in ragione del loro potere, sempre più funzionari potranno ricattare le imprese, costrette a cedere per mantenere buoni rapporti con la partecipata. A questo si aggiunga la vittoria del comitato cittadino che aveva fatto ricorso al TAR contro l’ampliamento dell’inceneritore”.

I due esponenti leghisti concludono con un attacco politico al PD: ”È quindi giunto il momento di interrogarsi sull’opportunità e sulla convenienza di concedere sempre più competenze e poteri ad HERA, specie alla luce di questi episodi. È ora di dirlo chiaro e tondo: HERA è un poltronificio pieno di dipendenti con la tessera di partito: uno strumento che doveva essere a servizio dei cittadini è diventato a servizio di un partito politico, il PD, che persegue così logiche clientelari e inciuci della peggior specie, sprecando denaro pubblico e mettendo a rischio la qualità della vita dei cittadini”.

12/01/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Che vergogna!! Come Trump pare abbia definito alcuni paesi africani "shithole", altri utilizzano il Messico per coniare, con un neologismo, un inesistente verbo con significato dispregiativo.
12/01/2018 - Piero
Sarebbe il caso di parlare dello stipendio del presidente di HERA, che è superiore a quello del presidente degli USA. Mica male, vero?
13/01/2018 - Giovanni lo scettico
Giustamente gli accoliti/fedelissimi ..si scandalizzano..per i termini utilizzati dai politici di LN e Trump...e non dei fatti delittuosi messi in atto , e per cui sono stati arrestati i responsabili!! Povera Italia!
13/01/2018 - italo
Mi spiace, caro Italo, ma se per accolito/fedelissimo si riferisce a me , è fuori strada. Sono un dipendente privato e non ho nulla a che vedere con alcuna forza politica, nè parteggio per alcuno. Il termine "messicanizzazione" non mi è piaciuto perchè presuppone una presunzione di superiorità da parte nostra rispetto al Messico. Chi stabilisce chi sia del 1°, 2° o 3° mondo? Noi siamo nel 1°mondo? Non mi piace nemmeno che Trump definisca altri paesi "shithole", anche in questo caso il primato degli Stati Uniti è autoattribuito. A me l'autoreferenzialità non piace! Per il resto non sono entrato nel merito del contenuto delle affermazioni di LN che sono in larga parte condivisibili. Ciò nonostante non mi scandalizzo, perchè gli illeciti esistono da sempre e, comunque, la sede per i processi è il tribunale. In ogni caso oggi come oggi in Italia, nessuno, checchè se ne dica, pare possa vantare la propria verginità.
14/01/2018 - Piero
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.