Gravissimo scontro fra due autocarri sulla Romea alle porte di Ravenna: due morti

Gravissimo scontro fra due autocarri sulla Romea alle porte di Ravenna: due morti
Foto di repertorio

Le vittime sono un 41enne di Perugia, dipendente di una ditta di Foggia e un 33enne di origini romene ma residente in provincia di Venezia. Si ipotizza il colpo di sonno

Due morti: è questo il terribile bilancio di uno scontro fra due autocarri avvenuto nella notte alle porte di Ravenna, lungo la statale Romea, al km 16. L'incidente attorno alle 2.30 di oggi, venerdì 12 gennaio. Sul posto sono intervenuti tre mezzi del 118 ma i sanitari non hanno potuto fare altro che constatare la morte dei due camionisti.

AGGIORNAMENTO FONTE ANSA:

Le vittime sono Matteo Stirati, 41 anni, di Perugia dipendente di una ditta di Carapelle (Foggia) e Marius George Tatar Ciuc, 33 anni, di origine romena ma residente a Mirano (Venezia) e dipendente di una ditta veneziana. Alla base dello schianto si ipotizza possa esserci stato un colpo di sonno di uno dei due conducenti.

Illeso il conducente del terzo mezzo pesante coinvolto nella carambola e che potrebbe essere giunto solo in seguito allo schianto. Quel tratto di Romea è rimasto chiuso al traffico per poi essere riaperto a senso unico alternato. Attorno alle 7 si sono formate lunghe code di mezzi provenienti da Venezia. Sul posto, oltre a 118 e vigili del fuoco, sono intervenuti i carabinieri delle Stazioni di Savarna e Marina Romea e del Radiomobile. Entrambi i mezzi sono sotto sequestro come disposto dal Pm di turno Lucrezia Ciriello. Mentre i corpi si trovano all'obitorio di Ravenna.

12/01/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
SS Romea e SS16 (reale) sono classificate fra le strade più pericolose che contano un altissimo numero di incidenti,molti dei quali, mortali. L'accantonamento del progetto del completamento ,dell E 45 E 55, da parte del nostro governo, con l'avvallo della nostra regione E.R.,porta a questi drammatici risultati. Anche questo,fra i tanti, dovrebbe essere uno dei motivi di riflessione per il prossimo voto del 4 marzo.
12/01/2018 - pendolare
pendolare poche p,, quel progetto sono 50 anni che gira non l hanno mai potato avanti, anche quelli del 5 marzo,,cosa mi vuoi far credere che cristo è morto dal freddo
12/01/2018 - batti
bravo "batti" ma ogni occasione è buona per fare polemica adesso va di moda il voto del 4 marzo , gli autovelox,le dimissioni della giunta ecc. come se la dx e i 5st hanno la bacchetta magica ;aspetta e spera "pendolare"ne vedremo delle belle.
12/01/2018 - car2016
@batti. Appunto....! A distanza di 50 anni,poteva essere finalmente approvato ,mentre anche il governo Renzi ,nella figura del ministro Del Rio ,addirittura ha deciso di accantonarlo definendolo non prioritario. Condoglianze alle famiglie dei defunti.
12/01/2018 - pendolare
in materia di infrastrutture, 70 anni di ininterrotto governo regionale, provinciali e comunali dei noti a tutti, cosa lasciano a questa regione? il nulla..!!!
12/01/2018 - alberto
Non appena qualcuno presenterà il progetto, si formeranno cento comitati del NO che ci faranno perdere solo soldi e tempo.
12/01/2018 - Ruvido
Strade da terzo mondo. Schifo e basta, ci si dovrebbe vergognare ad avere nel 2020quasi, strade del genere.
13/01/2018 - Mario
Qui sembra sia stato un colpo di sonno, cosa che potrebbe avvenire su qualsiasi strada. Certo che cio' che non e' stato fatto resta da fare, chi decide cosa fare e cosa non fare ha il portafoglio in mano e sa quanti soldi ci sono dentro, da fuori e' facile....... Vedremo se coi soldi risparmiati dagli stipendi di chi si candida a governare si riuscira' a finanziare tutto, o come sempre succede la frase sara': non credevamo che la situazione economica fosse cosi' disastrosa, ma intanto si sono presi la poltrona. Cambiamenti di colore ne ho visti in 1/2 secolo ma risultati significativi.......
13/01/2018 - elio62
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.