Hera sospende i funzionari indagati per "mazzette": "Siamo parte lesa, già avviate misure legali"

Hera sospende i funzionari indagati per "mazzette": "Siamo parte lesa, già avviate misure legali"

"Del tutto estraneo ai fatti e semmai parte lesa". Il Gruppo Hera interviene così sulla notizia di oggi degli arresti domiciliari per due funzionari della multiutility, indagati dalla Procura di Ravenna per un presunto giro di "mazzette". 

IL COMUNICATO DI HERA

In relazione all’indagine disposta dalla Procura di Ravenna, che ha portato in data odierna all’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di due dipendenti del Gruppo Hera, si segnala che l’Azienda, già ai tempi in cui è venuta a conoscenza dei fatti, si è costituita nel marzo 2016 attraverso i propri legali, nell’ambito del procedimento, quale persona offesa.

La Società ha predisposto in data odierna la sospensione cautelativa dal lavoro dei due dipendenti. Nel ribadire che è stata prestata la massima collaborazione con la magistratura anche nel caso in esame, il Gruppo Hera si dichiara completamente estraneo ai fatti.

12/01/2018

...Commenta anche tu!

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.