VOLLEY / Bunge Ravenna vince al tiebreak con cuore e grinta contro Calzedonia

VOLLEY / Bunge Ravenna vince al tiebreak con cuore e grinta contro Calzedonia
La grinta di Buchegger man of the match

Bellissima vittoria di cuore e di orgoglio della Bunge, che piega al tiebreak la quotata Calzedonia al termine di una battaglia durata più due ore e mezza di gioco. In un Pala De André caldissimo e pronto subito a infiammarsi, i ravennati riescono ad aggiudicarsi la prima e la terza frazione ai vantaggi, spuntandola contro i mai domi veronesi, e dopo essere stati raggiunti due volte tirano fuori le forze residue per spuntarla al tiebreak, dominato in lungo in largo. Sugli scudi tutti i giocatori, dell’mvp Buchegger fino al giovane Marchini, che nel finale ha sostituito Goi, passando dal sempre lucido Orduna. 

Grazie a questi punti la squadra di Soli si avvicina in modo ulteriore all’ottavo posto di Padova, distante solo una lunghezza. Giovedì sera si torna in campo, in occasione della trasferta contro il Castellana Grotte.

Prima dell’inizio della partita (match sponsor BPER Banca), alla presenza di una nutrita rappresentanza di ragazzi del vivaio è stata effettuata una breve cerimonia di consegna del marchio qualità Oro 2018/2019 ai dirigenti del settore giovanile del Porto Robur Costa - Scuola di Pallavolo.

Sestetti iniziali - La formazione iniziale schierata dal tecnico Soli è composta dal palleggiatore Orduna in diagonale con Buchegger, Diamantini e Vitelli al centro, Marechal e Poglajen di banda, Goi in seconda linea. La Calzedonia del coach Grbic scende in campo con l’ex Spirito in regia, Stern opposto, Jaeschke e l’iraniano Manavinezhad schiacciatori, Pajenk e Birarelli centrali e Pesaresi libero. Indisponibile il ravennate doc ed ex Cmc Stefano Mengozzi.

Primo set - Jaeschke e Pajenk a muro spingono subito la Calzedonia sull’1-5, ma l’errore di Stern avvicina i ravennati (4-5), che restano a contatto degli avversari con Buchegger: 7-8. Un break di 4-0 allontana ancora gli ospiti (7-12), gli ace di Poglajen e Orduna riducono il distacco prima sul 10-13 e poi sul 13-15, ma dalla linea di battuta risponde Jaeschke: 13-17. Poglajen e Diamantini a muro portano a -1 la Bunge (16-17), con Grbic che chiama time out. Al rientro in campo è lo stesso centrale a pareggiare i conti, mentre il sorpasso lo firma al servizio Marechal: 18-17. Il muro di Birarelli vale il contro-sorpasso (18-19), la schiacciata fuori di Manavinezhad riporta invece avanti la squadra di Soli: 21-10 e Grbic ferma ancora il match. Si prosegue punto a punto, i giallorossi annullano quattro set point, Vitelli realizza il muro del 28-27 e Buchegger sulla rigiocata successiva fa esplodere la gioia del Pala De André: 29-27.

Secondo set - Jaeschke in battuta e Stern fanno scappare la Calzedonia (2-6), che incrementa il suo vantaggio a causa di un black out in casa ravennate: 7-14 e Soli chiama i suoi in panchina. Al rientro in campo i veronesi allungano il break fino all’8-0, andando sul 7-18, il tecnico di casa getta nella mischia Gutierrez, Raffaelli e Pistolesi, ma gli ospiti macinano gioco e al secondo set ball pareggiano il conto delle frazioni con Stern: 13-25.

Terzo set - La Bunge di inizio terza frazione pare trasformata, con Buchegger (2-0) e Vitelli, al servizio, che infiammano i tifosi di casa: 5-1. L’errore di Stern regala il 7-2, ma l’opposto gialloblù si riscatta mettendo a terra la palla del 7-5, obbligando Soli al time out. Jaeschke pareggia il conto (7-7) con un ace, sull’8-8 si infortuna Manavinezhad (entra Maar), dalla linea dei nove metri colpisce anche Diamantini, mentre Buchegger spedisce sul +3 la squadra ravennate al termine di un lunghissimo scambio: 11-8. È ancora Jaeschke a rivelarsi decisivo, realizzando tre punti di fila per il sorpasso della Calzedonia: 12-14. Marechal suona la carica e, assieme Bucheger, fa mettere la freccia alla Bunge, che approfitta anche di un pasticcio dei gialloblù per andare sul 19-17. Diamantini piazza l’ace del 21-19, ma Verona non molla (21-21) e le squadre viaggiano a stretto contatto fino all’invasione di Marechal: 23-24. Il francese annulla il primo set ball, un’invasione inverte la tendenza (25-24), che però cambia di nuovo a causa del servizio vincente di Jaeschke: 26-27. È Marechal dalla linea dei nove metri a far esplodere di nuovo il Pala De André, che subito dopo va in orbita per il diagonale fuori di Pajenk, che mette la parola fine al set alla terza occasione: 29-27.

Quarto set - Sull’onda dell’entusiasmo la Bunge scatta sul 6-1 grazie al muro di Buchegger e al primo tempo di Diamantini, ma la risposta di Verona non si fa attendere: 7-5 e time out Soli. Il muro di Vitelli vale il 9-5, un’incomprensione sotto rete causa il 12-11, poi Jaeschke raggiunge i padroni di casa a quota 13. In battuta Pajenk realizza tre ace per il +5 della Calzedonia (14-19) ed entrano in campo Marchini e Raffaelli. Il muro di quest’ultimo riduce a tre le lunghezze di distanza (16-19), ma una fortunosa difesa di Stern allontana ancora i gialloblù: 16-22. Jaeschke mette a terra la palla del 18-24, Vitelli annulla il primo set ball e poi sul turno al servizio di Raffaelli gli errori di Birarelli e Jaeschke, uniti al muro di Orduna, spaventano Grbic, che chiama time out: 22-24. Al rientro, però, Jaeschke si riscatta pareggiando il conto delle frazioni: 22-25.

Tiebreak - Marechal firma il 2-0, la schiacciata lunga di Stern causa il 4-1: Grbic chiama subito il time out. Poglajen mette a terra due punti di fila per il +5 ravennate (7-2), Buchegger incrementa il distacco: 8-2 e cambio di campo. Marechal tira fuori dal cilindro l’ace del 9-2, il tecnico ospite ferma ancora la partita. Il muro di Buchegger vale il 10-2, l’errore di Jaeschke l’11-2, poi Buchegger segna il 12-3 e il 13-5. L’errore di Stern causa il 14-5 e al quinto match point la battuta in rete di Maar fa esultare in modo definitivo il Pala De André: 15-9.

 

Dichiarazioni del dopo-gara

Fabio Soli (allenatore Bunge Ravenna): “Questa è la bella Ravenna che voglio vedere, quella che lotta, sta sul pezzo, con un po’ di sana ‘ignoranza’. In una partita molto simile a quella dell’andata abbiamo fatto vedere che quando riusciamo a incanalare l’energia nel modo giusto, senza innervosirci, siamo capaci di battere simili avversari. Abbiamo giocato due set straordinari, vincendoli ai vantaggi, mentre al tiebreak abbiamo dominato. È vero che Verona ci ha regalato qualcosa, ma in una stagione così dura e impegnativa ci può stare che anche gli avversari debbano tirare il fiato”.

Nikola Grbic (allenatore Calzedonia Verona): “È un peccato, perché non abbiamo fatto tutto il possibile, in un match che potevamo vincere. C’eravamo fisicamente, ma non mentalmente, perché non si possono mancare così tante occasioni, come è successo nel primo e nel terzo set. Alla fine tutti questi errori si pagano a caro prezzo. Spero che questa esperienza ci sia di insegnamento, in modo da non sbagliare più l’approccio, come è successo oggi”.

 

Ravenna-Verona 3-2 (29-27, 13-25, 29-27, 22-25, 15-9)

BUNGE RAVENNA: Poglajen 11, Vitelli 9, Orduna 2, Marechal 17, Diamantini 9, Buchegger 29, Goi (L); Raffaelli 2, Pistolesi 1, Gutierrez 2, Marchini (L). Ne: Mazzone, Georgiev. All.: Soli.

CALZEDONIA VERONA: Manavinezhad 13, Birarelli 7, Spirito 2, Jaeschke 23, Pajenk 11, Stern 16, Pesaresi (L); Marretta 1, Maar 5, Grozdanov, Djuric. Ne: Paolucci, Frigo (L). All.: Grbic.

ARBITRI: La Micela di Trento e Vagni di Perugia.

NOTE – Ravenna: bs 13, bv 10, errori 22, muri 7; Verona: bs 12, bv 11, errori 14, muri 7. Durata set: 37’, 25’, 40’, 30’, 23’ (tot. 155’). Spettatori: 2078 (incasso 8748 euro). Mvp: Buchegger. 

05/02/2018

 Commenti

Perchè non vedi il tuo commento? Leggi le policy
Bellissima partita, giocata punto su punto. Si è vista la voglia di vincere dei nostri ragazzi che hanno lottato su ogni palla riuscendo a spuntarla contro un ottima avversaria. Due set vinti ai vantaggi hanno emozionato ed esaltato il pubblico presente. Bravi ragazzi, vittoria voluta col cuore e strameritata. Certe partite meriterebbero il palazzetto pieno ma accontentiamoci.
05/02/2018 - amo il volley
La squadra meritebbe un palazzetto pieno... Lo speaker meriterebbe un palazzetto vuoto... sempre più insopportabile e maniaco di protagonismo... Aridatece Barbun!!!!!
05/02/2018 - Fabiun
Bravi ragazzi cosi vi vogliamo! Belli grintosi e voglia di vincere. Ci farete morire prima o poi con queste partite cosi tirate!!! Ci siamo divertiti un sacco!
05/02/2018 - Anto
Quoto al 100% Fabiun. Speaker insopportabile così come la musica assordante durante i time out.
05/02/2018 - Giuseppe
Io invece trovo che lo speaker sia molto bravo. Se proprio voglio trovare un difetto è il volume un po' troppo alto per il resto penso sia meglio uno che fa casino, che cerca di trascinare e che tiene sveglia la gente che ogni tanto si addormenta (non ieri certamente). Non preferirete mica un palazzetto silenzioso e addormentato. Siete mai andati a Modena? Quello sì che è insopportabile. Comunque bella partita
05/02/2018 - amo il volley
Bravi ragazzi...e Gianluca Barboni per sempre...
06/02/2018 - piroga
Policy Commenti

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Ravennanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@ravennanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.


Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Vuoi restare aggiornato sulle ultime notizie da Ravenna e provincia? Iscriviti alla Newsletter.